Fastweb

La storia di Konami

Giocare al PC Web & Digital #videogames #salute Videogame come cura per disturbi mentali: quali sono e come funzionano Ninja Theory, software house di proprietà di Microsoft, sta sviluppando diversi titoli pensati per curare alcuni disturbi
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
La storia di Konami FASTWEB S.p.A.
Konami
Web & Digital
Tra le case sviluppatrici di videogames più famose di sempre, è alle spalle di successi come Castlevania, Metal Gear, PES e Silent Hill

Molti la conoscono quasi esclusivamente per PES (acronimo di Pro Evolution Soccer), il videogioco di simulazione calcistica che ha contribuito a ridefinire gli standard (qualitativi, ma non solo) per i videogames di simulazione sportiva, segnando (nel vero senso della parola) un intero decennio videoludico. Konami, la software house giapponese che ha ideato e sviluppato PES, è però molto di più: da oltre quaranta anni nel settore, ha messo la firma su alcuni dei maggiori titoli videoludici mai rilasciati, facendo sognare intere generazioni di gamers.

 

Konami

 

Il primo decennio

Konami nasce il 21 marzo 1969 come servizio di riparazione e noleggio di jukebox su iniziativa di Kagemasa Kozuki, tutt'oggi presidente della società. Dopo qualche difficoltà iniziale, Konami riesce a ritagliarsi il proprio spazio nel mercato musicale giapponese e dà modo a Kozuki di “programmare” l'espansione anche in altri settori commerciali. Nel 1973 Konami inizia le proprie attività nel mondo videoludico progettando e sviluppando accessori per videogiochi arcade (quelli “da bar”, per intendersi).

 

 

Il lavoro “preparatorio”, però, prende forse più tempo del previsto e il primo videogame arcade distribuito con il marchio Konami non arriva prima del 1978. L'attesa viene ripagata adeguatamente: la società nipponica inizia ben presto ad esportare i suoi dispositivi al di fuori dei confini nazionali, ottenendo discreti successi soprattutto negli Stati Uniti. L'anno migliore è il 1981, quando titoli come Frogger, Scramble e Super Cobra arrivano sul mercato statunitense ed ottengono un grandissimo successo di critica e pubblico. Il successo ottenuto permette a Konami di espandersi anche da un punto di vista strutturale, tanto da essere “costretta” a cambiare quartier generale e trovare una nuova “casa” a Toyonaka, cittadina nella prefettura di Osaka.

L'espansione internazionale

Oltre a una nuova casa, il successo raccolto a livello internazionale permette a Konami di aprire diverse sussidiarie in giro per il mondo. I primi uffici esteri della software house nipponica sono aperti nella cittadina californiana di Torrance (Stati Uniti) nel 1982. Nel 1984 viene aperta la sede britannica di Londra (pochi mesi prima della quotazione azionaria sul listino di Osaka) e la sede tedesca. La piccola azienda che appena 15 anni prima noleggiava jukebox a Tokyo e dintorni è diventata nel frattempo un vero e proprio gigante industriale, con prospettive di crescita molto interessanti.

L'era Famicom

Nel 1985 Konami approccia il nascente mercato dei Famicom (crasi di Family computer, traducibile in “Computer familiari”) concentrandosi sulla produzione di titoli per il Nintendo Entertainment System. Nascono così videogiochi di grande successo come Gradius, Castlevania e Metal Gear, che contribuiscono al successo mondiale della console da gioco Nintendo. Grazie alla creazione di società “federate” con la casa madre (Ultra Game in Nord America, Palcom in Europa), Konami riesce a sviluppare e distribuire circa 10 titoli ogni anno, aggirando così il limite massimo di cinque titoli annui imposto da Nintendo a tutti gli sviluppatori terzi.

 

Castlevania

 

Questo piccolo artificio consente a Konami di affermarsi sul mercato internazionale dei videogames e diventare, nel giro di pochi mesi, una delle maggiori software house per piattaforma NES.

Gli anni '90 e la ristrutturazione societaria

Nel decenno successivo al boom delle console da gioco “familiari”, l'intera struttura societaria di Konami è rivista e ripensata, così da garantire un'organizzazione più snella e agile. Sono create diverse sussidiarie, ognuna delle quali è deputata allo sviluppo di diverse tipologie di gioco e diversi titoli. Nel corso degli anni '90 vengono create diverse strutture come i laboratori di ricerca tecnologica, Konami computer entertainment Osaka, Konami computer entertainment Tokyo, Konami Australia, Konami gaming e Konami Europa. Il processo di ristrutturazione societaria si chiude nel 2000, quando la holding societaria cambia nome in Konami Corporation. Nel frattempo, la software house allarga il proprio raggio d'azione, iniziando a sviluppare titoli per piataforma Sega Mega Drive (1992), Sony PlayStation (1994), Sega Saturn (1995) e Xbox (2002).

 

Konami

 

Il nuovo millennio

Nell'ultimo decennio Konami si concentra sullo sviluppo di videogames per console di gioco e computer. Nascono così titoli come PES, Dance Revolution e Silent Hill, mentre alcuni dei titoli più famosi del passato (come Castlevania e Metal Gear) trovano loro versioni per le console di nuova e nuovissima generazione, dando così vita a serie di videogames di grande successo.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #konami #pes #videogames

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.