Fastweb

La biografia di Drew Houston

Microsoft DNA Web & Digital #microsoft #dati Informazioni digitali archiviate come DNA, la sfida di Microsoft In sole 21 ore ha tradotto la parola "hallo" in DNA per poi tradurla di nuovo in dati
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
La biografia di Drew Houston FASTWEB S.p.A.
Drew Housto
Web & Digital
Laureato al MIT, giovanissimo e con uno spiccato senso per gli affari. Queste le caratteristiche salienti di Drew Houston, papà di Dropbox

Trenta anni compiuti lo scorso marzo; capitale personale che si aggira attorno ai 400 milioni di dollari; cofondatore e CEO di una società valutata approssimativamente 5 miliardi di dollari; far parte dell'élite tecnologica e finanziaria mondiale (la rivista tecnologica del MIT lo considera uno dei 35 personaggi sotto i 35 anni di età da tenere d'occhio, mentre per Forbes fa già parte della lista dei 40 più influenti sotto i 40 anni di età). Questa, riassunta per grandi linee, la vita di Drew Houston, fondatore e CEO di Dropbox.

Nato ad Acton, Massachusetts, il 4 marzo del 1983, il cofondatore di Dropbox trascorre un'infanzia e un'adolescenza tranquilla nei sobborghi di Boston. Dopo l'high school riesce ad entrare al MIT, dal quale uscirà con un bachelor degree (equivalente della nostra laurea triennale) in Computer Science (scienze informatiche) e Electronic Engineering (ingegneria elettronica).

 

Drew Houston (sin.) nel corso di un'intervista

 

Accolade

La prima esperienza imprenditoriale di Drew Houston risale a ben nove anni fa. Appena 21enne e con una carriera universitaria ancora da terminare, Houston e il suo amico Andrew Crick decidono di metter su una start-up che aiuti gli studenti a preparare il test SAT. I due sapevano ben poco di come si creasse una società e di come si amministrasse: nonostante tutto, però, decidono di mettersi ugualmente in gioco e fondano la Accolade Group (accolade è un termine utilizzato nell'ambito del test SAT e indica un risultato particolarmente brillante). Viste le premesse, è facile intuire come andò a finire: la Accolade chiuse presto i battenti e Houston tornò a fare vita da studente, ma l'esperienza accumulata in questa occasione gli tornerà utile per il futuro.

Dropbox

Drew Houston ebbe l'idea di creare una piattaforma web di cloud storage quasi casualmente. Dimenticando spesso ? troppo spesso ? la propria pennetta USB, era costretto a fare avanti e indietro tra il suo ufficio al MIT e la sua stanza nello studentato per recuperare i dati di cui aveva bisogno per lavorare. Questa scena si ripeteva molte volte nel corso della settimana e Drew perdeva decine e decine di minuti ogni giorno per recuperare la sua pendrive.

 

Dropbox

 

Le prime righe del codice di Dropbox vennero scritte da Houston mentre era fermo ad aspettare un autobus, subito dopo essersi accorto di aver dimenticato, per l'ennessima volta, la sua penna USB in camera. Per creare una piattaforma cloud stabile e funzionale furono necessari tre mesi di duro lavoro, ma da quel caldo pomeriggio del giugno 2007 di strada ne è stata fatta.

Oggi Dropbox conta più di 100 milioni di utenti iscritti (traguardo raggiunto lo scorso 13 novembre, stando a quanto riporta il sito web della rivista Forbes), ogni 24 ore si contano circa 1 miliardo di nuovi file salvati e i ricavi annui sfiorano quota 500 milioni.

Il discorso

Lo scorso giugno Drew Houston è stato richiamato dalla sua Alma Mater. L'anno accademico era agli sgoccioli e chi meglio di lui poteva tenere il discorso di commiato agli studenti del Massachusetts Institute of technology? In poco più di 5 minuti, il CEO di Dropbox ha ripercorso per intero la sua vita, condividendo con gli studenti che si trovava di fronte alcune delle tappe per lui più significative.

 

Houston nel corso del discorso al MIT

 

Un aneddoto, in particolare, ha catturato l'attenzione del pubblico. "Si dice che le cinque persone con cui si passa più tempo determinino ciò che siamo e ciò che diventeremo. Pensateci per un minuto: chi vorreste che facesse parte del vostro circolo dei cinque? Vi do una buona notizia: siete fortunati. Il MIT è il miglior luogo dove poter iniziare a costruirsi questo circolo".

L'impegno politico

Negli ultimi mesi il fondatore di Dropbox ha iniziato ad interessarsi pubblicamente di politica. Drew Houston, infatti, figura nella lista dei fondatori della lobby FWD.us, attivo presso il Parlamento statunitense per ottenere una lunga lista di riforme. Questo gruppo di pressione, ideato e formato da diversi pezzi grossi della Silicon Valley(tra gli altri troviamo il fondatore e CEO di Facebook, Mark Zuckerberg), mira ad ottenere una riforma della Legge sull'immigrazione negli Stati Uniti, cambi nel sistema educativo statunitense per ottenere maggiori fondi a favore delle materie scientifiche e tecnologiche e il finanziamento di ricerche scientifiche di alto valore con ingenti quantitativi di denaro pubblico.

 

14 novembre 2013

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #mit #cloud #storage #dropbox #biografia #drew houston

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.