come funziona google amp

Google Accelerated Mobile Pages, cosa è e come funziona

Google AMP è il nuovo progetto open source lanciato dall'azienda di Mountain VIew per velocizzare la navigazione da mobile riducendo il consumo dei dati
Google Accelerated Mobile Pages, cosa è e come funziona FASTWEB S.p.A.

Mobile first. È il nuovo dogma della Rete, sempre più utenti utilizzano lo smartphone e il tablet per tenersi aggiornati sulle ultime notizie o per scambiare qualche email di lavoro o con i propri amici. Tutte le aziende sono state costrette a sviluppare applicazioni e servizi mobile friendly: cioè adatti alle ristrette dimensioni dello schermo dello smartphone e con un caricamento delle pagine rapidissimo. La prima a lanciare il proprio servizio è stata Facebook che con gli Instant Article ha introdotto all'interno della propria applicazione un sistema per l'apertura rapida degli articoli delle principali testa italiane e internazionali. I giornali sfruttano il servizio offerto da Facebook cercando di aumentare il numero di lettori, "vendendo" però alla società di Menlo Park il proprio prodotto.

 

 

Anche Big G ha deciso di essere della partita presentando a ottobre del 2015 il progetto Google Accelerated Mobile Pages, che in parte assomiglia agli Instant Article di Facebook. Quando gli utenti effettueranno una ricerca da mobile, il motore di ricerca mostrerà un proiettore con tutte le notizie e gli articoli che possono essere visualizzati utilizzando le AMP Pages. Le aziende che aderiranno all'iniziativa potranno utilizzare il sistema brevettato fa Google per aprire le pagine quattro volte più velocemente e con un consumo dei dati inferiore. Ecco cosa è e come funziona Google Accelerated Mobile Pages.

Cosa è Google AMP

 

come funziona google amp

 

L'obiettivo principale di Google Accelerated Mobile Pages è di migliorare la navigazione da mobile degli utenti velocizzando il caricamento delle pagine e diminuendo il consumo dei dati. AMP è un progetto open source lanciato nell'ottobre del 2015 e che è stato ufficialmente presentato cinque mesi dopo dal CEO Sundar Pichai. Se da un lato Google ha voluto migliorare l'esperienza dei lettori, dall'altra ha offerto ai publisher uno strumento prezioso per velocizzare il caricamento dei siti web. In un mondo che viaggia velocissimo, gli utenti non amano perder secondi preziosi ad aspettare l'apertura delle pagine web. L'immediatezza è il segreto del successo. Con le AMP Pages gli utenti potranno restare sempre aggiornati senza dover aspettare il caricamento della notizia.

Come funziona Google Accelerated Mobile Pages

 

google accelerated mobile pages

 

Per i lettori è semplicissimo utilizzare Google Accelerated Mobile Pages: quando si effettua una ricerca, la SERP mostrerà nei primi risultati un carosello con tutti gli articoli che è possibile visualizzare con AMP Pages. Le notizie sono facilmente riconoscibili perché presentano un'icona con un fulmine e con la scritta AMP in bella vista. Per rendere più veloce il caricamento delle pagine, gli sviluppatori di Google hanno in primis snellito il codice HTML presente nei siti web e poi hanno creato un'apposita libreria per semplificare il lavoro dei publisher. Ogni utente potrà aderire al progetto AMP Pages modificando il codice del proprio sito internet.

Cosa cambia per i lettori e per i produttori di contenuto

Google Accelerated Mobile Pages sta cambiando il modo degli utenti di usufruire dei servizi offerti dal Web, rendendolo istantaneo e accessibile a chiunque. Gli utenti non dovranno più attendere inutilmente per aprire una pagina, tutto sarà immediato e leggero. I contenuti saranno sempre più al centro delle richieste degli utenti.

 

cosa è google accelerated pages

 

I publisher dovranno al più presto adattare i propri siti alle nuove tecnologie messe a disposizione dalle grandi aziende dell'ICT (Information e Communication Tecnhology). Grazie a Google AMP sarà possibile arricchire i contenuti con elementi multimediali (foto, video) che precedentemente appesantivano la pagina e consumavano dati preziosi. Uno dei pochi aspetti che Google Accelerated Mobile Pages non va a modificare è il posizionamento dei contenuti: chi utilizza il nuovo framework di Google non sarà favorito nella SERP del motore di ricerca. Al progetto hanno aderito i principali quotidiani del mondo: dal Telegraph passando per The Wall Street Journal fino ad arrivare al Corriere della Sera.

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail