Fastweb

Come risolvere il problema della frammentazione su Chrome OS

chromium Web & Digital #chrome #chromium Tutti i browser basati su Chromium Chromium è il codice sorgente su cui si basano molti dei browser disponibili online. Ecco quali sono i migliori e le loro caratteristiche
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Come risolvere il problema della frammentazione su Chrome OS FASTWEB S.p.A.
chromebook
Web & Digital
Il supporto alle applicazioni Android e Linux su Chrome OS ha reso molto più frammentato il sistema operativo. Ecco come risolvere i problemi

Chrome OS è il sistema operativo di Google preinstallato nei laptop Chromebook, derivato dall'OS open source (sempre di Google) Chromium OS, ed è secondo molti è un'ottima alternativa a Windows e a macOS. Ma ha un problema: la frammentazione. Non parliamo dello spazio su disco, ma della scarsa uniformità di questo OS che crea agli utenti ben più di un problema specialmente dopo che in Chrome è stata introdotta la compatibilità con le app per Android e per Linux. Secondo molti questa doveva essere la mossa vincente di Google, visto che uno dei limiti di Chrome OS è sempre stato lo scarso numero di applicazioni disponibili. Invece, questa scelta ha messo in luce proprio la frammentazione di questo sistema operativo. Che sta sperimentando molti dei problemi già visti su Android.

La frammentazione su Android

android

A differenza di Chrome OS, e similmente a Chromium OS, Android è un sistema operativo open source. Il che vuol dire che qualunque produttore di smartphone può usarlo sui propri prodotti, modificandolo parzialmente per renderlo compatibile col singolo dispositivo. Lo stesso vale per ogni aggiornamento: quando è uscito Android 9.0 Pie, ad esempio, i produttori di smartphone hanno impiegato del tempo per far funzionare la nuova versione con la propria interfaccia utente e le proprie funzionalità specifiche. Tra una release ufficiale di Android e il suo effettivo arrivo sullo smartphone, quindi, possono passare pochi giorni come mesi interi. A volte il produttore decide di non portare neanche l'aggiornamento sui modelli più vecchi: perché lo sviluppo costa e perché così ti invogliano a comprare un modello più nuovo.

La frammentazione su Chrome OS

chrome os

Tutto questo, in teoria, non dovrebbe succedere su Chrome OS che è sviluppato direttamente da Google ed è uno solo, senza alcuna versione specifica. E per molte funzionalità è effettivamente così: Google rilascia il software e funziona sull'hardware di tutti i produttori. Come succede anche su Windows. Ma se parliamo della compatibilità delle app Android o Linux con i laptop dotati di Chrome OS, allora le cose si complicano. Tale compatibilità, infatti, è resa possibile dalla cosiddetta "virtualizzazione": dentro Chrome OS viene lanciata una versione virtuale di Android o di Linux che fa girare l'app.

Ma quale versione di Android o di Linux? E qui si torna al problema già visto: la frammentazione. Già, perché anche se la versione di Android che gira dentro Chrome OS è quella ufficiale di Google (senza le personalizzazioni dei produttori di hardware) è pur vero che di versione del sistema operativo del robottino verde ce ne sono tante. Ciò vuol dire che ci sono alcune versioni di Chrome OS che integrano Android 9, altre che invece hanno dentro versioni precedenti. Ma non solo: Chrome OS 72, una delle ultime versioni, ha portato Android Pie 9 su alcuni dispositivi Chromebook mentre su altri no. E Google non spiega il perché, mentre gli utenti nei forum si scervellano e si lamentano.

chromebook

Ricapitolando, quindi, se hai comprato un Chromebook ufficiale dallo store di Google (invece di fartelo da solo installando Chromium OS su uno dei tuoi laptop o PC) è perché eri convinto di ricevere automaticamente gli ultimi aggiornamenti di questo sistema operativo. Senza pensieri e prima di tutti gli altri, un po' come succede con Android se compri uno smartphone Google Pixel. Ma nella realtà dei fatti non è realmente così: il sistema operativo più recente viene sempre scaricato e installato, ma al suo interno alcune componenti potrebbero non essere aggiornate. Ma tu, di tutto ciò, te ne accorgi solo quando provi a usare un'app per Android (o per Linux, che avendo diverse distribuzioni soffre dello stesso problema su Chrome OS) e non ci riesci.

La soluzione alla frammentazione di Chrome OS

Purtroppo, ad essere onesti, non c'è una vera soluzione al problema della frammentazione di Chrome OS. Google consiglia di non disattivare gli aggiornamenti automatici sui Chromebook, affinché ogni macchina sia equipaggiata con l'ultima versione disponibile del suo sistema operativo. Ma come abbiamo ben visto, nel caso delle app Android neanche questo basta. Quello che possiamo consigliare agli utenti che si stanno chiedendo se è il caso di comprare un Chromebook, è semplicemente di informarsi bene per capire cosa, e come, gira sul modello che vorrebbero acquistare.

 

19 giugno 2019

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #chrome os #chromium

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.