Fastweb

Come risolvere i problemi più comuni del PC

Mac Web & Digital #macos #sicurezza informatica Quali impostazioni modificare per migliorare la sicurezza Mac Anche se ritenuto più sicuro dei sistemi Microsoft, macOS può comunque finire nel mirino di hacker e cybercriminali. Ecco come proteggere le nostre informazioni
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Come risolvere i problemi più comuni del PC FASTWEB S.p.A.
Riparazione PC in corso
Web & Digital
Per riparare il computer non è sempre necessario ricorrere a centri di assistenza o al proprio amico geek. Per risolvere i problemi più comuni basta pazienza, un po' di tempo e conoscere qualche trucchetto

Chi l'ha detto che, per riparare il computer, è proprio necessario rivolgersi al centro assistenza o al proprio amico geek, sperando che non sia già impegnato in altro. Nella gran parte dei casi, infatti, è sufficiente un po' di pazienza e di buona volontà per risolvere i problemi più comuni dei PC che utilizziamo quotidianamente. In caso di surriscaldamento, problemi con le porte USB o con la connessione Wi-Fi, infatti, non c'è quasi mai bisogno dell'intervento del tecnico: basta conoscere qualche trucchetto per riparare il computer e il gioco è fatto.

Cosa fare se le porte USB non funzionano

Dalla stampante all'hard disk esterno, passando per il joypad, la fotocamera digitale o più semplicemente mouse e tastiera, le porte USB sono diventate ormai indispensabili per poter sfruttare a pieno le potenzialità del computer. Così, nel caso si riscontrino dei problemi nel funzionamento delle porte di comunicazione, si può dire senza tema di smentita che ci si trova in un grosso guaio. Fortunatamente, in casi come questi si hanno diversi assi nella manica da giocare per sistemare porte USB che non funzionano.

  • Riavviare il computer. Spesso e volentieri, i problemi alle porte USB sono causati da malfunzionamenti temporanei del sistema operativo. Per verificare se questo è il vostro caso basterà spegnerlo, staccarlo da qualunque fonte di alimentazione per almeno 10 secondi e riaccenderlo. A questo punto provate nuovamente a connettere la periferica USB e attendete qualche secondo per verificare l'avvenuta connessione

 

Disinstallare driver porte USB

  • Disinstallare driver USB. Se il problema dovesse persistere, provate a cancellare i driver di tutte le porte USB del computer e riavviatelo. Questo forzerà Windows a installarli nuovamente e risolvere così il problema. Aprite la finestra "Esegui" (premere contemporaneamente sulla tastiera il tasto Windows e r), digitate la stringa "devmgmt.msc" e premere il tasto "Invio". Si aprirà, così, l'applicativo "Gestione dispositivi", che vi consentirà di ottenere il risultato sperato: nella finestra cercate la voce "Controller USB" e cliccate sulla freccia ">" per espanderne il contenuto. Ora dovreste visualizzare le varie porte USB installate con i relativi driver: cliccate con il tasto destro su ognuno di essi e scegliere "Disinstalla dispositivo". Terminata l'operazione, riavviate il computer e verificate che le porte USB siano nuovamente funzionanti

 

Sospensione selettiva USB

  • Sospensione selettiva USB. Potrebbe accadere che il mancato funzionamento delle porte USB sia causato da impostazioni di risparmio energetico sin troppo restrittive. Per verificarlo, aprite il Pannello di controllo, cercate "Opzioni risparmio energia" e aprite la sezione. Cliccate sulla voce "Modifica impostazioni combinazione" in corrispondenza della combinazione di risparmio energetico selezionata e, successivamente, cliccate su "Cambia impostazioni avanzate risparmio energia". Nella finestra che si apre scorrete l'elenco fino a trovare "Impostazioni USB" e cliccate sul "+" due volte, fino a espandere l'elenco delle opzioni di "Impostazione sospensione selettiva USB". Qui verificate se l'impostazione è settata su "Abilitata": se così fosse, modificatela cliccandoci sopra e riavviate il PC

Cosa fare per ventola PC troppo rumorosa (o se non funziona)

Un impianto di raffreddamento perfettamente funzionante è fondamentale per evitare che le componenti interne del computer – processore, RAM, scheda video, scheda madre – producano troppo calore (effetto Joule) e finiscano con il surriscaldarsi e rovinarsi. Potrebbe però accadere che, di punto in bianco, le ventole fanno troppo rumore al punto da diventare fastidiose. Diverse le cause di questo fenomeno, molte delle quali assolutamente "naturali": il PC surriscaldato, ad esempio, porterà necessariamente a far aumentare i giri del dissipatore della CPU e delle altre ventole, così da far abbassare la temperatura interna a livelli "accettabili".

 

Sistema raffreddamento ad aria PC

Per verificare che tutto funzioni correttamente e la ventola PC rumorosa stia facendo solo il suo lavoro si potrà ricorrere ad alcune utility che vi consentono di monitorare la temperatura delle varie componenti del computer, il numero di giri delle ventole e altri dati utili allo scopo. Speedfan è, in questo settore, il più utile e semplice da utilizzare: diviso in schede, mostra la velocità delle ventole, la temperatura di processore, del disco rigido e dell'intero sistema. Da qui potrete ricavare le informazioni che vi serviranno per controllare il corretto funzionamento della ventola (non solo se la ventola è su di giri, ma anche se non funziona).

Nel caso il numero di giri fosse regolare, l'eccessiva rumorosità della ventola potrebbe essere causata da qualche frammento o dalla troppa polvere bloccata al suo interno. Ispezionate visivamente la ventola a PC spento e, in caso di sporcizia o qualche "ostacolo", rimuovetelo con delle pinzette o una bomboletta di aria compressa.

Il computer si disconnette dal Wi-Fi di casa

Se il Wi-Fi funziona correttamente ma, di tanto in tanto, il computer si disconnette dalla rete senza fili di casa o dell'ufficio, potrebbe essere (anche in questo caso) colpa di impostazioni di risparmio energetico troppo restrittive. Aprite il Pannello di controllo, cercate "Risparmio energetico" e accedete alla sezione. Qui cliccate su "Modifica impostazioni combinazione" in corrispondenza della combinazione di risparmio energetico selezionata e, successivamente, cliccate su "Cambia impostazioni avanzate risparmio energia". Si apre una nuova finestra: cercate "Impostazioni scheda wireless" e cliccate sul "+" sino a visualizzare le singole impostazioni di risparmio energetico. Nel caso in cui non siano settate su "Prestazioni massime", modificate manualmente e salvate i cambiamenti apportati.

Cosa significano i beep della scheda madre

Tra le componenti più importanti e "datate" di un computer, la scheda madre è dotata di un "sistema d'allarme" che consente di comprendere se il sistema informatico funziona correttamente o se qualche componente hardware dà problemi. Si tratta del cosiddetto beep code della scheda madre o del BIOS, che emette brevissimi suoni acuti (dei bip, per l'appunto) a seconda del problema riscontrato.

 

Dettaglio di una scheda madre

Se si ascolta 1 bip, seguito da 4 bip e da altri 2 bip, allora il computer ha problemi con uno dei banchi di RAM e non riesce, quindi, ad avviarsi. Se i bip sono brevi e continui, invece, i moduli RAM non sono alloggiati nella scheda madre e il computer non può funzionare. Se, invece, la sequenza di bip scheda madre è 2+1+1 il problema risiede nella scheda video. Le possibili combinazioni, comunque, sono molteplici: per verificare il vostro problema cercate il beep code della vostra scheda madre e verificate.

Perché il computer si riavvia prima di caricare il sistema operativo

Dalla scheda madre non arriva nessun bip, ma il computer non ne vuole sapere di caricare correttamente il sistema operativo? Due i possibili "colpevoli" in casi come questi: la RAM o il disco rigido. Se il sistema operativo non viene caricato, infatti, è perché il sistema non riesce a trovarlo sull'hard disk o non riesce a caricarlo sulle memorie RAM e farlo eseguire dal processore.

 

Montaggio RAM

Per provare a riparare il computer, si deve aprire la scocca (basta rimuovere le viti presenti sulla paratia in caso di PC desktop, quelle nella parte posteriore per il laptop), individuare le RAM e rimuoverle una a una e inserirle nuovamente nel loro alloggiamento. Terminata l'operazione, provate a riaccendere il dispositivo: se dovesse accendersi, una delle RAM non era correttamente alloggiata; in caso contrario riaprite il PC, scollegate il disco rigido (sia il cavo di alimentazione sia quello dati) e poi ricollegate.

Perché il computer non si accende

 

Cavo alimentazione PC

Cosa fare, invece, se il computer non da segni di vita? Se il computer non si accende le cause potrebbero essere molteplici. La soluzione più semplice, in questo caso è verificare che i cavi di alimentazione siano collegati per bene (la batteria, se estraibile, nel caso del laptop) e se la presa della corrente utilizzata funzioni correttamente.

25 marzo 2018

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #ram #cpu #guida

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.