connessione windows

Come rendere la connessione più veloce su Windows

Non sempre una connessione lenta dipende dal solo provider dei servizi: ecco le impostazioni del proprio PC Windows da modificare per renderla più veloce
Come rendere la connessione più veloce su Windows FASTWEB S.p.A.

Quante volte è capitato di lamentarsi per la connessione lenta. Nello specifico, ciò accade nei momenti meno opportuni, durante un download, uno streaming video o una partita ad un videogame che consuma parecchia banda, magari se risultano connessi anche altri dispositivi.

Basta poi cercare sul web per scoprire alcune misteriose impostazioni da modificare per risolvere tutti i problemi.

Esistono davvero, viene da domandarsi, delle soluzioni che contribuiscono a rendere più veloce il collegamento a internet? Tra leggende metropolitane e modifiche alle specifiche del sistema operativo, ecco tutto ciò che c’è da sapere per migliorare le performance.

Connessione veloce, sfatiamo un mito

connessione windowsPrima di iniziare a mettere mano ai settaggi, è giusto però smentire una credenza che imperversa nel mondo dell'informatica. Secondo alcuni, i computer con installato Windows utilizzerebbero esclusivamente l’80% della banda a disposizione. Basterebbe, dunque, correggere delle impostazioni nel registro per ristabilire l’ordine e la corretta velocità. È falso. Queste voci circolerebbero già dalla pubblicazione di Windows XP, ovvero circa 20 anni fa, ma in realtà hanno ben poco a che vedere con ciò che succede veramente.

Infatti, Windows 10 - parimenti ai suoi predecessori a partire da XP - ha una funzionalità denominata “QoS Packet Scheduler”, dove QoS sta per “Quality of Service”, che agisce dando priorità a talune tipologie di traffico, composto da pacchetti. Il QoS è disponibile in molte forme diverse, sul router wireless per esempio, per priorizzare quanto legato alle operazioni legate al lavoro o ai giochi, in base alle scelte dell'utente. Così, ciascun utilizzatore può conferire la precedenza a un processo rispetto ad altri sulla propria macchina che potrebbero “rubare traffico” a uno di primo livello. Sull'edizione 10, poi, la pianificazione dei trasferimenti detiene della banda riservata, una percentuale specifica per le attività ritenute di primaria importanza, una piccola parte da poter utilizzare alla bisogna senza scomodare ciò che è in atto sul desktop o laptop.

È sufficiente che delle applicazioni comunichino che l’operazione svolta è focale per carpire quella porzione rimasta inutilizzata, inferiore o pari al 20%.

È un meccanismo rapido, che supera ogni altra necessità nella scala di rilievo dei processi. Non importa che sia un download di grandi dimensioni o un videogioco in multiplayer giunto in una fase cruciale del gameplay. Quando appare qualcosa di più importante, Windows toglie priorità a ciò che sta facendo per assegnare al massimo un quinto del totale della banda a ciò che è ritenuto fondamentale.

Se non vi sono particolari esigenze, il QoS non tiene bloccata l’intera fetta per utilizzarla, eventualmente, in seguito ma la distribuisce al 100%. Poi, contestualmente a una esigenza, il pianificatore provvederà a concederne una frazione al task in questione. Ovviamente, parliamo di un valore modificabile ma la domanda sorge spontanea: ne vale la pena? Sì, ma solo se si sa bene cosa si sta andando a cambiare, poiché che si provvede ad alterare un equilibrio che consente di servirsi della quantità giusta al momento opportuno.

Potenziare la connessione modificando la banda

connessione windowsSu tutte le versione dell'OS di Redmond da XP in poi, si avvia “Esegui” (via "Start" o con la combinazione tasti Win+R) e si scrive il comando gpedit.msc. In questo modo si apre l’Editor Criteri di gruppo, attraverso cui andare ad operare. Nella finestra, partendo dal menu a sinistra, è necessario seguire il percorso Configurazione computer > Modelli Amministrativi > Rete > Utilità di pianificazione pacchetti QoS. Visualizzata la dicitura “Limita la larghezza di banda riservabile” bisogna cliccarvi su due volte, attivando l’opzione e inserendo ”0” (o un numero inferiore a 20) nel campo dedicato. Lasciandolo non compilato, rimarrà valido il dato di default stabilito al 20%.

Come già visto, si tratta di una modifica trascurabile, giacché l'OS mette costantemente a servizio il 100% di banda, mentre l’applicazione che più comunemente ne fa richiesta è Windows Update.

Alterando l'elemento, è l’aggiornamento ad avere la peggio, laddove il resto rimane sostanzialmente invariato. Unica iterazione che chiede un procedimento differente è la variante Home del software di Microsoft, semplicemente perché il file gpedit.msc non è presente sul sistema. Su "Esegui", si scrive "regedit" e si preme su invio; una volta nell’editor delle chiavi, basterà raggiungere la stringa HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\Psched. Individuata nella lista (in alternativa, se assente, si può crearla), si potrà immettere "0".

Rendere la connessione più veloce con l’auto-tuning

connessione windowsUn metodo alternativo è invece rappresentato dall’auto-tuning. È un settaggio automatico, sul quale si può agire con delle stringhe eseguite tramite Prompt Dos. Per farlo, l’utente deve possedere i diritti di amministratore. Individuato il Prompt dei comandi Dos, raggiungibile da Start o cercandolo con la chiave “cmd” all’interno del box di ricerca, lo si può avviare con i privilegi necessari cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse e selezionando l'espressione “Esegui come amministratore”.

Successivamente, è basilare inviare dopo aver digitato la seguente riga: Tra i risultati mostrati, figurerà una stringa mirata, chiamata “Receive Window Auto-Tuning” (“Livello regolazione automatica finestra ricezione").

Verificato che risulti abilitata grazie alla presenza della voce “Enabled”, si può procedere a disattivarlo con la linea che segue: "netsh int tcp set global autotuninglevel=disabled". Verificata l'effettiva velocità di connessione, se il cambiamento non dovesse soddisfare le aspettative è possibile riportare all'origine la situazione con il comando inverso: "netsh int tcp set global autotuninglevel=normal". In entrambi i casi, un semplice speed test dovrebbe aiutare a fugare i dubbi e a effettuare le proprie scelte in maniera oculata.

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail