Fastweb

La storia di Instagram

Instagram avvertirà quando un account rischia di essere eliminato Social #instagram #account Instagram avvertirà quando un account rischia di essere eliminato Giorni pieni di novità, per Instagram: con il nuovo aggiornamento, avvertirà gli utenti quando rischiano la chiusura dell'account a seguito di una segnalazione
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
La storia di Instagram FASTWEB S.p.A.
la storia di instagram
Social
Lanciata nell'ottobre del 2010, Instagram in poco più di sei anni è diventato uno dei social network più utilizzato con oltre 500 milioni di utenti attivi ogni mese

Una storia di successo. È difficile trovare un altro modo per definire la storia di Instagram, l'applicazione nata il 6 ottobre del 2010 e che ha portato all'interno del mondo dei social un nuovo modo di fare comunicazione. Instagram nasce come piattaforma dedicata esclusivamente agli amanti della fotografia, a coloro che con un'immagine vogliono esprimere il loro stato d'animo o condividere con i propri amici l'ultima foto scattata in vacanza o al lavoro. Negli anni, la piattaforma social è cambiata profondamente, prima dando la possibilità agli utenti di personalizzare i propri post aggiungendo gli hashtag e successivamente aggiungendo l'opportunità di carica anche video di breve durata. Il successo di Instagram è legato soprattutto all'istantaneità, alla possibilità di caricare un'immagine in pochissimi secondi, di modificarla applicando un filtro e di condividerla con una platea di oltre 500 milioni di utenti attivi ogni mese.

La storia di Instagram è molto particolare. I due fondatori, Kevin Systrom e Mike Krieger, stavano lavorando alla realizzazione di Burbn, una check-in app scritta in HTML5, quando decidono di focalizzarsi esclusivamente sulla funzionalità dedicata alla condivisione di immagini. Riescono a raccogliere oltre 500.000 dollari dagli investitori e lanciano l'applicazione il 6 ottobre 2010, in un primo momento solamente sull'App Store. In poco meno di due mesi Instagram raggiunge il milione di utenti e nel 2011 viene integrata la possibilità di aggiungere degli hashtag alle proprie foto. Negli anni la piattaforma social è molto cambiata, anche se la missione è rimasta identica, offrire agli amanti della fotografia uno spazio dove condividere le proprie immagini e le proprie passioni. Ecco la storia di Instagram, il social delle foto.

I primi finanziamenti

 

instagram app store

 

Instagram nasce nella culla dell'hi-tech, in quella Silicon Valley che tanti dispositivi e applicazioni ci ha regalato negli ultimi anni. Instagram viene creata da Kevin Systrom e Mike Krieger, due sviluppatori che stavano sviluppando Burbn, un'applicazione simile a Foursquare e sviluppata in HTML 5. Ben presto i due mettono da parte il progetto Burbn e si focalizzano solamente sulla parte dedicata alle immagini. Nel marzo del 2010 riescono a raccogliere oltre 500.000 dollari di finanziamenti e danno un'accelerata al loro nuovo progetto. Il nome dell'applicazione è Instagram, una cresi tra le parole "instant camera" e "telegram". L'applicazione social viene lanciata il 6 ottobre 2010 solamente sull'App Store ed è subito un successo.

I primi successi e aggiornamenti

 

instagram app successo

 

Instagram è un'applicazione molto semplice: permette di condividere le immagini con i propri follower, e ogni foto ha una forma quadrata con un piccolo bordo bianco, in uno stile che ricorda vagamente le Polaroid. Gli utenti possono modificare le immagini utilizzando i diversi filtri che l'applicazione mette a disposizione. Il successo dell'applicazione è davvero incredibile, in poco più di due mesi raggiunge il milione di utenti attivi, mentre all'inizio del 2011 viene aggiunta la possibilità di inserire gli hashtag nelle foto. In questo modo per gli utenti è più semplice cercare immagini simili alla propria e per la piattaforma social è un modo per riuscire a categorizzare tutte le immagini postate.

La seconda versione di Instagram

Il successo ottenuto da Instagram non ha certo dato alla testa ai due giovani sviluppatori che continuano a lavorare e a raggiungere nuovi obiettivi. Nell'agosto del 2011 viene superato lo scoglio delle 150 milioni di immagini condivise su Instagram, mentre il mese successivo viene rilasciato il primo grande aggiornamento dell'applicazione. Con Instagram 2.0 vengono aggiunti nuovi filtri, sono supportate le immagini ad alta risoluzione, nuove cornici da applicare alle immagini e una nuova icona, che sarà il simbolo dell'applicazione per ben cinque anni. Pochi giorni dopo il rilascio dell'aggiornamento, Instagram annuncia di aver superato i 10 milioni di utenti (26 settembre 2011).  

Arriva Facebook

 

instgram come funziona

 

Il 2012 è l'anno della svolta. Nonostante l'applicazione continui a ricevere investimenti dalle grandi aziende di venture capital statunitensi, è necessario dare una svolta per assicurare a Instagram un futuro solido. E porta il nome di Mark Zuckerberg. Infatti, il fondatore di Facebook decide di acquistare Instagram nell'aprile del 2012 per una cifra di circa un miliardo di dollari, tra contanti e azioni. Con un'azione decisa Facebook acquista un'applicazione che gli apre la porta al mondo dei più giovani. Qualche giorno prima dell'annuncio dell'acquisizione da parte di Facebook, Instagram lancia l'applicazione anche sul Google Play Store: in tre mesi supera il milione di download e in poco meno di un anno raggiunge i quattro milioni. Un successo che proietta l'applicazione nel gotha delle piattaforme social.

Nuova interfaccia grafica e l'aggiunta dei video

Grazie ai nuovi fondi provenienti da Facebook, gli sviluppatori di Instagram possono continuare a lavorare per migliorare l'applicazione e offrire nuove funzionalità agli utenti. L'interfaccia utente viene completamente stravolta per migliorare l'usabilità e rendere più veloce la navigazione della propria bacheca. Invece a giugno del 2013, con il rilascio dell'aggiornamento Instagram 4.0 viene aggiunta la possibilità di girare video di una durata massima di 15 secondi. Una vera e propria rivoluzione per una piattaforma che nasce esclusivamente per le fotografie. Nel frattempo l'applicazione ha superato i 100 milioni di utenti attivi ed è vicina ai 150 milioni.

L'ombra di Snapchat

 

video su instagram

 

Con Twitter che inizia il suo declino, Instagram ha la possibilità di diventare una delle applicazioni social più utilizzate dagli utenti, soprattutto sul suolo statunitense. Se non fosse per la crescita spaventosa di Snapchat, l'applicazione che permette di inviare foto che si autodistruggono dopo pochi secondi dall'apertura. Il fantasmino giallo diventa una vera e propria spina nel fianco sia per Instagram sia per Facebook. Lo staff dei sviluppatori, per mettere un freno alla crescita impetuosa di Snapchat è obbligato a rilasciare nuovi aggiornamenti con funzionalità molto simili a quelle del fantasmino giallo. Viene aumentata la durata massima dei video fino a 60 secondi (marzo 2016), ma soprattutto viene rilasciata la nuova funzionalità Instagram Stories, che riprende in grande parte una simile presente su Snapchat. Ogni utente può pubblicare delle immagini che vengono eliminate dopo 24 ore. Con Instagram 9.0 viene cambiata anche l'interfaccia grafica con la possibilità di vedere le Stories pubblicate dai nostri amici direttamente sulla home di Instagram.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #instagram #storia

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.