Fastweb

Gengle e gli altri social network per i genitori single

linkedin Social #linkedin #social network Come riconoscere i profili fake su LinkedIn Su LinkedIn è possibile creare dei profili falsi con raccomandazioni acquistate online per pochi euro. Ecco cosa fare per riconoscere un account fake su LinkedIn
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Gengle e gli altri social network per i genitori single FASTWEB S.p.A.
Gengle
Social
Piattaforme virtuali dove scambiare consigli e organizzare incontri in città o gite fuori porta. Ecco le comunità per mamma e papà single più famose in Italia e all'estero

Crescere un bambino non è affatto un'impresa semplice: tra le “insidie” e le problematiche da affrontare nella vita di tutti i giorni e quelle sempre crescenti (e sempre più reali) con cui si devono fare i conti online (cyberbullismo soprattutto, ma non solo) la vita delle mamme e dei papà nel XXI secolo è tutt'altro che agevole. Il tutto diventa ancora più complesso nel caso di genitori single: tutte le decisioni, tutte le responsabilità e tutti gli impegni gravano (nella maggior parte dei casi) solo sulle spalle di un genitore, costretto a recitare sia il ruolo del papà, sia il ruolo della mamma.

Un possibile aiuto arriva però dalla Rete. Se da un lato il web può essere un “contenitore” di pericoli e minacce per i ragazzi, dall'altro può essere utilizzato dal papà single o dalla mamma single nel caso in cui non si sappia più che pesci prendere. Con Gengle, ad esempio, si entrerà a far parte di una comunità online – una rete sociale, a voler essere precisi – dove trovare aiuto e supporto nei momenti di maggior difficoltà. Ecco come funziona.

Rete di supporto

Gengle (il cui nome nasce dalla crasi delle parole genitore e single) nasce negli ultimi mesi del 2014 da un'idea di Giuditta Pasotto, direttrice creativa nel campo del social media marketing e mamma single di due bimbi di 8 e 3 anni. “La scorsa estate ero all’acquapark, con i miei figli – spiega la Pasotto in un'intervista concessa ad un noto quotidiano italiano. Il più grande voleva che lo accompagnassi sugli scivoli. Non sapevo come fare con il piccolo, così chiesi aiuto a un’altra mamma sola”. Da questa collaborazione nella vita reale, la Pasotto ha tratto ispirazione per la creazione di un social network che potesse essere anche una piattaforma dove confrontarsi con altri genitori single e, al tempo stesso, potesse diventare una rete di supporto sulla quale poggiarsi in caso di difficoltà. Dopo pochi mesi di travaglio, nasce Gengle.

 

Homepage di Gengle

 

Community cittadina

Più che un vero e proprio social netowrk, però, il portale della mamma single fiorentina si configura come una community cittadina. Gli utenti iscritti (già diverse migliaia) cercano di stringere rapporti con altri genitori single che abitano nelle loro vicinanze, in modo da poter trovare un punto d'appoggio sia in caso si abbia bisogno improvviso d'aiuto, sia nell'eventualità si voglia organizzare una scampagnata fuori porta e non si vuole andare soli. In casi come questi il papà single o la mamma single organizzano un evento e lo postano sulla bacheca di Gengle in attesa che qualcuno si aggreghi: “C’è chi propone la gita allo zoo, chi apre la propria a casa per la festa di compleanno del figlio – ha spiegato la fondatrice alla Stampa – Gengle vive di appuntamenti quotidiani: un pomeriggio di compiti, una serata al cinema”.

Lo scopo di Gengle, dunque, è quello di “trapiantare” nella vita reale e nella quotidianità rapporti nati online e viceversa, dare l'opportunità di conoscere altre persone che si trovano a vivere le stessi situazioni di genitori single e, magari, dividere qualche spesa e risparmiare qualcosa.

Le altre comunità virtuali in Italia e all'estero

Gengle, ovviamente, non è un caso unico in Rete. È sufficiente fare un rapido giro online per scoprire che le community virtuali per papà single e mamme single sono sempre esistite (o quasi). Rimanendo all'interno dei nostri confini nazionali, ad esempio, troviamo Genitori Single Italia e One Parent: in entrambi i casi si tratta di portali informativi e di supporto, ai quali i genitori single possono ricorrere in caso di necessità. One Parent, in particolare, può contare su una comunità di iscritti più articolata e una serie di servizi web più estesa e completa: dal forum agli eventi, passando per le vacanze per genitori single alla scrittura di un libro di favole per figli di mamma e papà single.

 

Homepage di OneParent

 

Di portali simili, ovviamente, è possibile trovarne in tutto il mondo. Single parent Australia, come suggerisce il nome, è una comunità online dedicata ai genitori single australiani; Single parents network, invece, raccoglie testimonianze di papà single e mamme single di un po' di tutto il mondo e offre una lunga list di link e collegamenti utili a risorse online dedicate ai genitori single; Single parent network, infine, offre informazioni, link, forum, consigli e molto altro ancora.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #social network #nativi digitali #cyberbullismo

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.