Foodporn, cibi stellati

Foodporn, le immagini del cibo invadono i social

Foto dall'alto, senza nessuna prospettiva: le immagini del cibo sono la nuova moda tra gli utenti della Rete. Ecco il perch
Foodporn, le immagini del cibo invadono i social FASTWEB S.p.A.

Con uno smartphone è possibile fare di tutto: controllare la posta elettronica, creare documenti di lavoro e condividerli con i propri colleghi, giocare con uccellini arrabbiati o con gattini affamati, scattare immagini di cibo e postarle sui social network. Condividere le foto dei propri piatti è una delle ultime mode nate sui social media: Instagram e Tumblr sono diventate delle piattaforme dove mettere in mostra le proprie creazioni per ricevere i commenti e le critiche degli altri utenti. Le immagini cibo hanno invaso le bacheche degli utenti: tutti vogliono condividere con gli amici le proprie esperienza culinarie, dalla trattoria sotto casa fino al ristorante di un chef stellato.

 

 

Il fenomeno del cibo è nato prima in televisione, grazie a programmi che hanno reso famosi i cuochi nazionali e internazionali, e poi si è diffuso a macchia d'olio sui social network, grazie alla creazione di hashtag che servissero a incanalare il flusso delle immagini. Tra la miriade di hashtag nati sulla Rete, #Foodporn è quello che ha avuto più successo: utilizzato per ogni tipo di immagine, conta milioni di tag sui social media. La parola fa sicuramente pensare ad altro, ma in realtà serve solamente ad esprimere la bellezza del piatto. Prima su Twitter e poi su Instagram, #foodporn non è usato solamente dagli utenti, ma anche dai social media manager dei ristoranti che cercano di inserire i locali all'interno del flusso dei tweet e delle immagini.

Le fotografie legate al cibo

 

 

Gli utenti della Rete che amano fotografare cibo non hanno inventato nulla di nuovo: già nel 1960 l'artista romeno naturalizzato svizzero Daniel Spoerri aveva reso le pietanze le protagoniste delle sue opere. La caratteristica principale delle immagini che si trovano sui social network è che riprendono i piatti dall'alto togliendo ogni prospettiva e profondità. Anche in questo caso nulla di nuovo: cinquant'anni fa Spoerri scattava le foto delle sue installazioni dall'alto dando vita a un genere artistico definito Eat Art. L'unica cosa che mancava era l'hashtag #foodporn, ma quello è stato aggiunto solo negli ultimi anni.

Il termine foodporn

 

 

Giudicare il piatto non solo per la bontà dei prodotti ma anche per la bellezza della presentazione: con queste parole si può tradurre il termine foodporn, che fu usato per la prima volta nel 1984 nel libro Female Desire: Women's Sexuality Today della scrittrice Rosalinda Coward. L'estetica del piatto è il biglietto da visita di ogni chef che si rispetti: l'amore per i prodotti passa anche dalla presentazione del cibo, un aspetto che nell'ultimo decennio è diventato preponderante. Anche grazie ai social network site e agli hashtag come #foodporn gli utenti hanno potuto mettere in mostra le loro capacità.

Mettiamo in mostra una parte di noi

 

 

Ma cosa spinge le persone a fotografare il cibo dall'alto? Alcuni ricercatori hanno cercato di dare una soluzione a questo dilemma e hanno pubblicato sulla Rete alcune risposte nella speranza di aprire un dibattito sull'argomento. Secondo alcuni, l'inquadratura dall'alto, anche definita God's eye view (Occhio di Dio in italiano), è l'unica possibile per inquadrare al meglio il cibo e l'estetica del piatto. Per altri, invece, serve per differenziarsi dalle immagini i presenti su piattaforme come Tripadvisor che preferiscono un'inquadratura frontale. Tutte le immagini legate al cibo, però, evidenziano un fatto: le persone hanno bisogno di mettersi in mostra. Il foodporn, la "pornografia" legata al cibo, è una proiezione della propria coscienza, un'istantanea del proprio stato d'animo.

Foodporn, il cibo è più buono

 

 

A doughnut a day keeps the doctor away?? Salted pretzel chocolate doughnut =? #foodporn #eeeeeats #nycdining #sweets

Una foto pubblicata da Hungry Chickadee (@hungrychickadee) in data: 15 Apr 2016 alle ore 05:09 PDT

 

Secondo uno studio pubblicato dal Journal of consumer marketing effettuato dal dipartimento Food marketing della St. Joseph's University di Philadelphia e della School of business administration dell'università di San Diego scattare immagini cibo rende il prodotto più appetibile. La ricerca ha dimostrato che le foto aumentano il piacere di assaporare nuove pietanze e le rendono più appetitose. Sono stati effettuati diversi test per arrivare a una soluzione scientificamente provata. Nel primo caso, i ricercatori hanno obbligato 120 studenti a mangiare una fetta di torta e un'insalata. Ad alcuni di esse è stato chiesto di scattare un'immagine del cibo prima di degustare il piatto: coloro che avevano effettuato la foto hanno riscontrato un livello di gratificazione superiore. Le altre prove sono servite per dimostrare che il cibo salutare (un'insalata o una minestra) può sfruttare a proprio favore la moda del #foodporn: anche le zuppe hanno una loro dignità.

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail