Plantoidi

Cosa sono i plantoidi e quali prospettive per il futuro

Teorizzati per la prima volta nel 2010, sono oggi al centro di una sperimentazione artistico-tecnologica di Primavera De Filippi
Cosa sono i plantoidi e quali prospettive per il futuro FASTWEB S.p.A.

Da un lato abbiamo il movimento del transumanesimo, con i suoi biohacker e i suoi cyborg pronti a impiantarsi appendici elettroniche per migliorare la loro vita. Dall'altro, invece, troviamo i plantoidi, robot modulari che prendono ispirazione dalle forme e dai comportamenti delle piante per interagire con l'ambiente e favorire, così, la loro "crescita" ed "evoluzione". I primi prendono a esempio robot e androidi (magari visti nei film) e provano a modificare e migliorare il loro corpo con "inserti" robotici; i secondi, invece, traggono ispirazione dalle piante per ridurre il loro impatto ambientale ed energetico e ottimizzare il loro processo di crescita.

Pur con le loro differenze, queste due tendenze hi-tech rientrano entrambe nel solco della cosiddetta biorobotica o robotica bioispirata. Si tratta di una particolare branca scientifica che si propone di applicare i principi dell'evoluzione biologica alla progettazione e realizzazione di robot e androidi che sappiano adattarsi all'ambiente sfruttando soluzioni meccaniche ed energetiche per generare funzionalità anche molto complesse. Insomma, lo scopo è quello di creare robot che siano sempre più simili agli esseri viventi, siano essi uomini o piante.

 

Prototipo di plantoidi

 

Che cosa sono i plantoidi

I plantoidi nascono proprio in questa ottica: riuscire a creare dei robot bioispirati che sappiano fare tesoro del comportamento delle piante per crescere e proliferare. Teorizzati per la prima volta in un paper scientifico edito nel 2010, i plantoidi sono ancora oggi una costruzione teorica più che pratica. Un plantoide, dal punto di vista teorico, si compone di diversi moduli autonomi e specializzati: dalla combinazione delle loro azioni, il robot-pianta riesce a trarre "sostentamento" e crescere all'interno di un ambiente a lui ignoto. La collaborazione tra i vari moduli è spesso paragonata a quella delle api, tanto che si parla di swarm intelligence, ossia intelligenza di sciame.

Plantoidi come forma d'arte

A partire dal 2016, su iniziativa della ricercatrice italiana Primavera De Filippi, i plantoidi sono divenuti anche una forma d'arte. La De Filippi, che si occupa di tematiche legate al diritto d'autore online e alle implicazioni della blockchain nella vita reale, è autrice di un progetto che coinvolge non solo robot bioispirati, ma anche blockchain e pagamenti in criptovalute. Di fatto, il plantoide della ricercatrice italiana si configura anche come una nuova modalità di raccolta fondi dal basso – quindi crowdfunding – per finanziare il lavoro di artisti digitali di ogni genere.

 

Primavera De Filippi con una delle sue creature

 

Plantoidi e Bitcoin

Particolarmente interessante, poi, il rapporto che la De Filippi è riuscita a creare tra plantoidi e robotica bioispirata con la blockchain e i Bitcoin. Il suo progetto artistico-digitale, infatti, prevede che la crescita e l'evoluzione delle sculture a forma di plantoide siano accelerate dalle donazioni in criptovalute degli utenti. Il funzionamento di questa peculiare forma d'arte è tanto semplice quanto articolato: ogni plantoide è dotato di un proprio wallet Bitcoin che riceve donazioni da parte di appassionati d'arte; una volta che il wallet sarà pieno, il plantoide esaurirà la sua funzione e farà nascere una nuova pianta bioispirata. Un ciclo vitale completo, dunque, nel quale un artista scelto dalla community di plantoidi dà vita a un robot a forma di pianta, la stessa community la "alimenterà" a suon di Bitcoin e Ethereum, sino a quando il wallet non sarà pieno e darà il là a un nuovo plantoide. "Spero – afferma la De Filippi in un'intervista a Forbes – che questa esperienza sia di ispirazione per altri artisti e che dia il via ad altre sperimentazioni basate su questa forma di finanziamento dal basso".

 

7 maggio 2018

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail