Fastweb

Android, quali saranno le caratteristiche degli smartphone 2020

ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Android, quali saranno le caratteristiche degli smartphone 2020 FASTWEB S.p.A.
Smartphone & Gadget
Come saranno gli smartphone Android del futuro? Dal 5G alle traduzioni simultanee fino alla biometria: ecco le funzioni che arriveranno nei prossimi mesi e anni

Smartphone, tablet, smartwatch e il mondo dei dispositivi mobili in generale si evolve rapidamente. Fino a dieci anni fa, i cellulari potevano contenere un numero limitato di app e scattare fotografie di bassa qualità. Oggi la memoria si è espansa, e le fotocamere sono paragonabili a quelle professionali. Tra qualche anno offriranno un numero ancora maggiore di funzionalità, grazie a processori di ultima generazione, alla connessione veloce e alla presenza di componenti sempre più potenti.

Tra le migliori tecnologie spicca lo Snapdragon 865 che verrà gradualmente installato in molti smartphone Android. È grazie a questo e altri componenti che i telefoni diventano più veloci, intelligenti ed efficienti. Per gli amanti di video e fotografia ci saranno presto importanti novità: innanzitutto i nuovi smartphone avranno applicazioni per il fotoritocco sempre più evolute. Senza contare lo scenario aperto dalla connessione 5G, che permetterà agli utenti di navigare più velocemente, scaricare e caricare file alla velocità della luce. Tra le funzioni del futuro spiccano poi la traduzione simultanea e tutto ciò che riguarda la biometria, come il riconoscimento oculare o tramite impronta digitale. Vediamo nel dettaglio quali sono le tecnologie degli smartphone che rivoluzioneranno il futuro.

Supporto video in 8K e 5G integrato

Gli smartphone Android con Snapdragon 865 potranno supportare video con risoluzione fino a 8k. Questa tipologia di filmato garantisce una qualità senza confini ma ha un'inconveniente: è pesante e si carica lentamente.

Rendering del Galaxy S20

Per esempio, un video 8k di 30 secondi occupa circa 1 GB di spazio. Per caricarlo occorre diverso tempo, e il procedimento diventerebbe ancora più difficoltoso senza una connessione veloce. La soluzione è rappresentata dal 5G che gradualmente si diffonderà in tutti gli smartphone e dispositivi mobili. Infatti, grazie a questa tecnologia caricare, scaricare e modificare i video 8k in cloud sarà molto facile. In questo modo sarà anche più facile condividere il filmato con i propri contatti online. Sicuramente per gestire un'enorme quantità di dati sarà necessario affidarsi alla rete 5G: questa tecnologia è la base per l'evoluzione di tante funzioni.

Biometria: sbloccare il cellulare con due dita

Un'altra tecnologia in lavorazione è legata alla biometria, cioè alla possibilità di sfruttare le caratteristiche fisiologiche per mantenere alto il livello di sicurezza del dispositivo. Alcune caratteristiche personali, come la composizione dell'iride o l'impronta digitale possono essere utilizzate per sbloccare lo smartphone. Per utilizzare queste informazioni è fondamentale che i cellulari abbiano dei sensori biometrici. Molti smartphone hanno già quello per le impronte digitali, ma presto si potranno aggiungere altre soluzioni. Una di queste è lo sblocco grazie a due dita. Questo sistema ha delle grandi potenzialità, per esempio in futuro potrebbe essere utilizzato per misurare la frequenza cardiaca o valutare altri parametri legati alla salute e al benessere.

Telefoni con schermi "veloci"

Prossimamente gli smartphone avranno dei display performanti capaci di registrare lo schermo, aggiornarsi più velocemente e cambiare colore o filtro a seconda delle esigenze. La frequenza di aggiornamento di base è di 60Hz, ma i nuovi telefoni raggiungono i 90Hz e addirittura 144Hz, capace di rendere filmati e videogiochi più fluidi.

Anche in questo caso, Snapdragon 865 offre enormi opportunità. Infatti, riuscirà a supportare la velocità di aggiornamento fino a 144 Hz. Per esempio, scorrere una pagina web non darà più difficoltà agli utenti, senza contare che applicare i filtri facciali delle app più in voga del momento sarà più immediato. Basterà inquadrare un video e in meno di un secondo comparirà la maschera virtuale. Le frequenze di aggiornamento potrebbero però richiedere una batteria più potente, argomento cruciale per il settore.

Molti scommettono che le batterie agli ioni di litio sono destinate a far spazio ad altre soluzioni, come grafene o zolfo-litio. Ci sono numerosi progetti in lavorazione: i team di ricerca di tutto il mondo sono impegnati per sviluppare batterie sempre più performanti e sostenibili, che riescano anche a sopravvivere per tanti anni. Si tratta di una delle sfide più importanti del momento, e sicuramente influenzerà il panorama dei dispositivi mobili.

Evoluzione dell'Assistente Google nei dispositivi Android

Google assistente

Android, il sistema operativo di Google offre una serie di funzionalità di default. Tra queste spicca l'Assistente Google, che grazie al supporto dei nuovi processori sarà sempre più efficace nei prossimi mesi. L'assistente virtuale sarà in grado di ascoltare ciò che succede nei dintorni e interpretarlo. In base ai suoni percepiti, si può impostare l'azione da attivare sul telefono. Per esempio, si può addestrare lo smartphone a riconoscere il pianto di un bambino o il rumore del vento.

Nel primo caso, l'utente potrebbe ricevere un avviso per controllare il monitor posizionato davanti alla culla del bambino, in modo da verificare che stia bene. Se, invece avverte il rumore del vento, potrebbe essere impostato per aumentare il volume della musica trasmessa oppure quello di un'eventuale telefonata. Senza dubbio, Google Assistant, e tecnologie simili, si evolveranno per aiutare sempre più le persone durante gli impegni quotidiani.

Progressi della traduzione simultanea da smartphone

Google ha introdotto la trascrizione dei video nel suo nuovo sistema operativo Android 10. Il processo avviene sul telefono ed è immediato, ciò consente di eseguire traduzioni durante un viaggio, una chiacchierata, un colloquio o una riunione di lavoro. Insomma, è un'evoluzione del classico traduttore e accorcia ancora di più le distanze tra utenti provenienti da diverse parti del mondo.

Presto questa funzione sarà integrata nei cellulari e permetterà di non sentirsi persi o incompresi in alcun Paese nel mondo, perché basterà attivarla per avere una traduzione simultanea da e verso una vasta gamma di lingue. Per comprenderne l'evoluzione e le potenzialità bisognerà stare tenere d'occhio Google Translate: sicuramente avrà un ruolo importante nell'evoluzione dei cellulari Android.

 

17 gennaio 2020



Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS:

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.