Oppo, storia e prodotti

Oppo: la storia e i prodotti dell'azienda cinese oggi amata nel mondo

Fondata in Cina nel 2004, è diventata negli anni uno dei maggiori produttori di smartphone e oggi produce anche molto altro
Oppo: la storia e i prodotti dell'azienda cinese oggi amata nel mondo FASTWEB S.p.A.

La storia del brand Oppo è uno degli esempi pratici di come l'industria cinese di oggi sia lontana anni luce da quello che era solo vent'anni fa e, soprattutto, dall'immagine che noi europei avevamo di essa. Insieme a Huawei e a Xiaomi, e ai tanti marchi dei rispettivi gruppi, Oppo è oggi tra i maggiori e migliori produttori di smartphone nel mondo e alcuni dei suoi dispositivi, come quelli della gamma Find, sono diventati icone del mercato.

Grazie ad un immenso mercato interno in madrepatria questi produttori cinesi sono riusciti a fare grandi economie di scala. Grazie a ricerca e sviluppo sono riusciti a portare sul mercato internazionale prodotti che nulla hanno da invidiare a quelli di brand storici e blasonati, come Samsung, Sony, LG e, ultimamente, persino Apple.

Oppo è pienamente in questo trend, grazie a prodotti che inizialmente erano considerate delle copie, più o meno scadenti, degli smartphone di "marca". Chiamati dispregiativamente chinafonini, non erano esattamente ben visti dai "cultori" degli smartphone di qualità e di fascia alta ed erano ritenuti un ripiego economico rispetto a brand più conosciuti e qualitativamente apprezzati. Con il passare del tempo, però, il produttore cinese di smartphone è riuscito a costruirsi una reputazione eccellente.

Oggi Oppo non solo produce smartphone all'altezza della concorrenza, ma inizia a entrare anche nella fascia di prezzo "premium": il suo top di gamma 2020, l'Oppo Find X2 Pro, è stato lanciato al prezzo di circa 750 euro: meno di un Samsung Galaxy S20 dalle caratteristiche equivalenti, ma decisamente non poco. Per non parlare, poi, della "Automobili Lamborghini Edition" da oltre mille euro.

La gamma smartphone Oppo

smartphone oppo

Anche se per anni Oppo è rimasta un po' nell'ombra, il produttore cinese ha investito con forza e convinzione in ricerca e formazione. Ciò ha permesso agli smartphone targati Oppo di infrangere diversi "record" mondiali. L'Oppo Find, ad esempio, è stato il telefonino più sottile al mondo per diversi anni: uscito nel 2012, aveva uno spessore di appena 6,65 millimetri. Gli Oppo N1 e N3, invece, sono stati i primi smartphone dotati di una fotocamera rotante: in questo modo non c'è bisogno di montare due sensori fotografici, ma ne basta uno sia per fare foto panoramiche, sia per fare selfie.

Restando in ambito fotografico, Oppo si è distinta anche sul versante dei megapixel. Il Find 7, per lungo tempo uno dei dispositivi di punta del produttore cinese, è stato il primo a montare un sensore fotografico da 50 megapixel. Un vero e proprio record assoluto, tenendo conto che anche moltissime fotocamere reflex oggi in commercio montano un sensore di "appena" qualche decina di megapixel.

Oggi la gamma di smartphone Oppo copre tutte le fasce del mercato grazie alle serie Find X, Reno e A. La serie Find X, della quale si attende il modello Find X3 dotato di SoC Qualcomm Snapdragon 888, è il top della gamma.

La serie Reno, della quale uscirà a breve Il Reno5 5G con Snapdragon 765G, copre la fascia media. La serie A, arrivata al modello A91, copre invece la fascia bassa.

A questi prodotti, acquistabili da tutti, si aggiungono i concept come Oppo X 2021 che si inserisce nel nuovissimo filone degli smartphone con schermo scorrevole "a pergamena" e che, molto probabilmente, arriveranno sul mercato a partire dal 2022.

Se Oppo oggi è un marchio apprezzato nel mondo è perché sui suoi smartphone ha anche saputo osare: tra i suoi cavalli di battaglia, ad esempio, da tempo c'è la fotocamera pop up. Una soluzione tecnica che pochi altri costruttori adottano per le difficoltà di progettazione che comporta.

E ciò dimostra, ancora una volta, che Oppo ha smesso da tempo di copiare e sta invece seguendo, e ancor prima tracciando, la propria originalissima strada di sviluppo dei prodotti.

Ma anche del software, visto che Oppo equipaggia tutti i suoi smartphone Android con una interfaccia utente, la ColorOS, completamente sviluppata in casa e che, molto spesso, è uno dei motivi per i quali gli acquirenti scelgono questo brand.

L'attività di ricerca, infine, si è concentrata anche su altri settori. Dai laboratori Oppo, ad esempio, sono nate le tecnologie VOOC e PI: la prima è la ricarica veloce montata esclusivamente dai dispositivi del produttore cinese; la seconda è la suite di software deputati al "trattamento" e al rendering delle immagini e delle foto scattate con gli smartphone Oppo.

Oltre gli smartphone

oppo watch

Il marchio Oppo non è legato in esclusiva alla produzione e commercializzazione di smartphone. Il brand cinese, a ben vedere, è entrato in questo settore solo dopo aver testato le proprie capacità progettuali e produttive in molti altri settori.

Oppo viene fondata nel 2004 a Dongguan, nel distretto produttivo cinese del Guangdong con l'obiettivo di rivoluzionare il settore dei riproduttori di contenuti multimediali. I primi dispositivi a uscire dalla linea produttiva Oppo sono dei lettori mp3 piccoli e versatili, che riscuotono grande successo tra i teenager cinesi.

Successivamente vengono lanciati sul mercato media player portatili, lettori di e-book, televisori con display LCD e lettori DVD, ma è grazie ai lettori Blu-ray che Oppo sfonda anche sul mercato internazionale. Negli ultimi anni, però, a cambiare è stato l'intero mercato dell'audio digitale e, così, ad aprile 2018 Oppo Digital Audio ha annunciato la chiusura.

Attualmente, oltre agli smartphone, l'azienda cinese produce una intera gamma di cuffiette wireless, con i modelli Oppo Enco W11, Enco W31, Enco W51, Enco X ed Enco Free, e un orologio intelligente, l'Oppo Watch.

Copyright Cultur-e
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail