Fastweb

Cosa sono e come si controllano le lampadine intelligenti

Braccio bionico Internet #internet of things #internet of human things Chip sottopelle e impianti corporei: il futuro dell'Internet of Human Things Il futuro prossimo dell'umanità è fatto di chip sottopelle che ci permetteranno di pagare senza tirar fuori contanti o carte di credito, di aprire porte e accendere auto
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Cosa sono e come si controllano le lampadine intelligenti FASTWEB S.p.A.
Lampadine intelligenti
Smartphone & Gadget
Basate sulla tecnologia LED, possono essere gestite da smartphone e tablet grazie alla connettività Wi-Fi e applicazioni sviluppate ad hoc

La storia racconta che Thomas Alva Edison, prima di trovare la formula – e la forma – più adatta per la sua lampadina, abbia effettuato migliaia di tentativi. Tremila, per essere precisi: solamente dopo anni di ricerca, lo scienziato e statista statunitense riesce a perfezionare le lampadine a incandescenza che, per oltre un secolo, hanno illuminato le abitazioni e le strade di tutto il mondo. Oggi la tecnologia di illuminazione ideata da Edison è di gran lunga sorpassata e le lampadine a incandescenza considerate ormai obsolete: al loro posto si possono acquistare lampadine alogene, quelle “a basso consumo” o le lampadine LED.

Queste ultime, in particolare, sembrano poter contare su un futuro... più splendente rispetto alle altre. Solitamente, una lampadina LED è più efficiente, dura più a lungo, impiega un lasso di tempo minore per accendersi e producono una luce di “qualità” superiore rispetto a quella prodotta dalle lampadine alogene. E, cosa da non sottovalutare, sono lampadine intelligenti. Scopriamo perché.

Cosa sono le smart bulbs

Nella sua forma più basilare, una lampadina intelligente altro non è che un dispositivo elettronico che, sfruttando la connettività senza fili (solitamente il Wi-Fi), si collega alla LAN di casa diventando a tutti gli effetti una periferica di rete, dotata di un proprio indirizzo IP locale. In questo modo una smart bulb (a dir la verità, è un discorso valido per tutte le smart bulb che si installeranno in casa) può essere controllata non solo dall'interruttore a muro, ma da ogni altro dispositivo di rete in grado di “parlare la stessa lingua” della lampadina. Saranno parte integrante, insomma, di quell'Internet delle cose che si va sviluppando sempre di più a ogni livello.

 

Lampadine intelligenti

 

La loro natura connessa permetterà all'utente di gestirle in maniera intelligente e con maggior efficienza. Si potrà decidere di spegnerle tutte contemporaneamente o di lasciarne accese alcune rispetto che altre; si possono controllare con lo smartphone o il tablet, programmandone l'accensione anche a distanza di chilometri; nel caso di lampadine LED multicolore si può decidere di cambiare colore a seconda del proprio umore o dell'evenienza.

Come funzionano le smart bulbs

La configurazione “standard” di un set di lampadine intelligenti è piuttosto elementare. Si sostituiscono le vecchie lampadine dell'impianto domestico con le nuove (ovviamente), si collega la base wireless alla rete domestica sfruttando la connettività Wi-Fi e si dà avvio alla sincronizzazione dei vari dispositivi di rete.

 

Kit di smart bulbs

 

Solitamente, le lampadine appartenenti allo stesso kit (formato dalla base “comunicativa” e almeno tre smart bulbs) sono già sincronizzate con la loro base: tutto ciò che l'utente dovrà fare sarà scaricare l'applicazione di controllo sul proprio smartphone, collegarsi alla rete Wi-Fi di casa e attendere che le lampadine “compaiano” all'interno dell'interfaccia grafica dell'app stessa.

Il controllo delle smart bulbs

A differenza delle lampadine LED tradizionali e tutte le altre tipologie di lampadine oggi in commercio, le smart bulbs non possono essere gestite e controllate con gli interruttori a muro delle abitazioni. Affinché non “perdano” la loro “intelligenza”, infatti, è necessario che siano continuamente alimentate: in questo modo potranno continuare a comunicare con la LAN casalinga e ricevere i segnali dal bridge comunicativo.

 

Interfaccia utente di una smart bulb

 

Per gestire l'impianto di illuminazione casalingo, dunque, sarà necessario affidarsi a uno smartphone e alle applicazioni sviluppate ad hoc dagli stessi produttori del set di lampadine intelligenti che si è acquistato. Grazie alla app sarà possibile decidere quando accendere o spegnere le lampadine, la tonalità di colore della luce, programmarne l'accensione anche quando si è fuori casa e molte altre cose ancora.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #lampadine intelligenti #led #internet of things

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.