Fastweb

Bitwalking, cos'è e come funziona

Facebook criptovaluta Web & Digital #facebook #criptovaluta Libra, la criptovaluta firmata Facebook Si chiamerà Libra, ed è la criptovaluta che Facebook sta per lanciare a livello globale, ecco cosa sappiamo
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Bitwalking, cos'è e come funziona FASTWEB S.p.A.
Bitwalking
Smartphone & Gadget
Collegata a un'applicazione per iOS e Android, permette di guadagnare un dollaro Bitcoin ogni 10mila passi. Ecco come utilizzare i soldi guadagnati camminando

L'idea non è delle più innovative, vero, ma in questo caso due elementi sembrano far pendere l'ago della bilancia dalla parte del (possibile) successo. Da un lato troviamo un due di "imprenditori seriali" che già in passato ha dimostrato di poter "contaminare" il mercato internazionale con idee innovative e a basso costo; dall'altro troviamo un pool di investitori internazionali pronto a scommettere milioni di dollari (al momento ne hanno investiti dieci) sul futuro successo dell'iniziativa.

 

run

 

Per questi motivi (ma non solo) il futuro di Bitwalking sembra essere piuttosto roseo. La criptomoneta inventata dagli ingegneri kenioti Nissan Bahar e Franky Imbesi è al momento disponibile solo in alcuni stati africani ed asiatici, ma si appresta a sbarcare ben presto nel resto del mondo.

Che cos'è Bitwalking

Dopo il successo di Keepod Nissan Bahar e Franky Imbesi ci riprovano. Questa volta, però, il duo di inventori kenioti tenta la strada delle monete virtuali, con l'obiettivo di incentivare le persone a camminare e ricompensare tutti quei lavoratori – in gran parte originari dei Paesi del Terzo Mondo – che ogni giorno camminano per chilometri e chilometri per raggiungere il luogo di lavoro.

 

 

Bitwalking è una criptomoneta che si genera a seconda del numero di passi che si compiono ogni giorno. Il tutto è basato su un'applicazione per smartphone – disponibile sia sul Google Play Store sia sull'App Store – che funge da contapassi: l'algoritmo sviluppato da Bahar e Imbesi è in grado di verificare che l'utente abbia effettivamente percorso la distanza registrata e, superato il limite prestabilito, eroga la "ricompensa".

Il funzionamento di Bitwalking ricorda, per alcuni versi, quello dei Bitcoin. In quest'ultimo caso le criptomonete devono essere "estratte" (mining il termine inglese) tramite l'elaborazione di un algoritmo legato a un protocollo peer-to-peer; nel caso di Bitwalking è sufficiente camminare.

Come guadagnare Bitwalking

 

applicazione bitwalking

 

Per guadagnare Bitwalking è necessario prima di tutto essere iscritti al servizio ed aver scaricato sul proprio smartphone l'applicazione omonima. Sfruttando anche il modulo GPS e la connettività Wi-Fi, Bitwalking funge da contapassi e activity tracker calcolando la distanza percorsa e il numero di passi compiuti. Se nell'arco di una giornata si riesce a camminare per almeno 8 chilometri circa (10.000 passi, più o meno) si riceverà sul proprio conto personale un dollaro Bitwalking.

Come possono essere spesi i Bitwalking

Così come accade con BitCoin, i soldi virtuali guadagnati con il contapassi possono essere trasferiti da un conto all'altro e da un utente all'altro senza alcuna restrizione di fatto. Non solo: stando a quanto dichiarato dai fondatori, i Bitwalking possono essere convertiti in denaro reale e spesi per acquisti "off line". Lo "sbocco naturale" di questa criptomoneta, però, è quello degli store di e-commerce: i Bitwalking possono essere spesi per acquistare beni di ogni tipo su negozi online selezionati che hanno già stretto una partnership con i creatori dell'app. I big del mondo dell'abbigliamento sportivo si sono già detti pronti a stringere rapporti commerciali per poter vendere i loro prodotti – da corsa e running, ma non solo – in cambio di Bitwalking, mentre altri produttori stanno sviluppando gadget – come dei contapassi da polso e activity tracker ad hoc – che sostituiscano lo smartphone nel ruolo di "certificatore".

Perché Bitwalking

 

 

La motivazione che ha spinto Bahar e Imbesi è duplice. Da un lato i due inventori africani vogliono incentivare le persone a muoversi e spostarsi a piedi anziché in auto: in questo modo i lavoratori sarebbero incentivati a mantenere uno stile di vita più salutare, con ricadute positive anche per il sistema sanitario nazionale e per l'ambiente.

Dall'altro lato, Bitwalking è stato pensato per offrire una sorta di "ricompensa" ai lavoratori – soprattutto dei Paesi del Terzo Mondo, ma non solo – che ogni giorno camminano per chilometri e chilometri per raggiungere il luogo di lavoro. Si tratta di una sorta di "secondo lavoro", che dovrebbe garantire un livello più elevato di benessere per famiglie che vivono quotidianamente al di sotto della soglia di povertà.

copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #bitcoin #fitness tracker

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.