Fastweb

Come controllare se il router è sotto attacco hacker

Una bambina su internet con lo smartphone Web & Digital #sicurezza informatica #parental control Bambini online, quali pericoli corrono I ragazzi ormai trascorrono sempre più tempo online su applicazioni e social media, una ricerca Kaspersky Lab ha evidenziato cosa guardano i bambini in Rete e quali pericoli possono correre
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Come controllare se il router è sotto attacco hacker FASTWEB S.p.A.
Router protetto
Internet
Come un PC, anche i router possono essere vittima di attacchi hacker. Ecco come scoprire se è stato infettato e come migliorarne la sicurezza

Ai più potrebbe anche sembrare una "semplice" scatolina che ci permette di accedere alla Rete e navigare in Internet. La realtà, invece, è che il router è, a tutti gli effetti, un "piccolo" computer, dotato di processore, memoria e altre componenti interne. Pertanto, come ogni computer che si rispetti, anche il router è soggetto ad attacchi hacker di ogni tipo: dai tentativi di trasformarli in "macchine zombie" per botnet a "normali" infezioni malware.

E come dimostra la recente minaccia cyber denominata Slingshot, una volta infettati con un virus ad hoc i router possono trasformarsi in potentissime armi nelle mani di hacker privi di ogni scrupolo. Dal router, infatti, costoro possono potenzialmente avere accesso a PC, smartphone e tutti i dispositivi della smart home ad esso collegati, potendo così registrare, spiare e studiare ogni singolo aspetto della nostra quotidianità. Insomma, quella "semplice" scatolina che fa bella mostra di sé sulla vostra scrivania potrebbe diventare, nel giro di qualche decina di secondi, un potentissimo strumento di cyberspionaggio a uso e consumo di cybercriminali di ogni tipo.

 

Router Wi-Fi

Router, quali gli attacchi hacker più comuni

La modifica coatta dell'indirizzo DNS è uno degli attacchi più comuni rivolti ai router. Piuttosto semplice da mettere in atto, consente ai cybercriminali di controllare il traffico Internet in ingresso e in uscita e di reindirizzarlo come meglio credono. Cambiando i DNS del router, ad esempio, un cybercriminale potrebbe "deviare" il traffico web e spostarlo verso portali fraudolenti o infetti: potrebbe essere utilizzato, dunque, per attacchi phishing, tesi a rubare le credenziali d'accesso dell'utente (a servizi web quali posta elettronica, social network, home banking).

Anche gli attacchi injection ("a iniezione" in italiano) sono molto gettonati: possono intercettare le richieste di accesso e download di script di ogni genere (come Google Analytics o altri script JavaScript) e "sostituirle" con pubblicità a pagamento o forzare il download di contenuti non richiesti.

Molti attacchi fanno poi uso della vulnerabilità cross-site request forgery (abbreviata nell'acronimo CSRF), che sfrutta plugin realizzati in JavaScript e caricati su portali web compromessi per accedere al pannello di controllo del router e cambiarne le impostazioni per favorire l'attività di cyberspionaggio.

Dulcis in fundo, molti utenti non disattivano la gestione remota del router, che permette di accedere al pannello di controllo della periferica di rete grazie a una normale connessione a Internet. Gli hacker, consci di questa "abitudine", utilizzano bot congegnati appositamente allo scopo di scansionare la Rete mondiale alla ricerca di router poco sicuri e abilitati all'accesso da remoto, per poi prenderne il controllo.

 

Router infetto

Come controllare se il router è infetto

Se avete timore che il vostro router possa essere stato attaccato da un malware o da un hacker, vi basterà controllare quali siano gli indirizzi DNS che utilizzate. Nel caso notiate una modifica che non avete apportato voi, è probabile che qualche cybercriminale sia riuscito a infettare la vostra periferica e deviare il traffico verso lidi poco "sicuri".

Per verificare questo dato vi basterà accedere al pannello di controllo del router (aprite il browser, inserite l'indirizzo IP del router e il nome utente e la password presenti nel libretto di istruzioni) e spulciare tra le varie voci di menu fino a trovare quella relativa al DNS. Solitamente, i produttori di router lasciano questa impostazione su "Automatico": se non l'avete mai cambiata e la trovate su "Manuale", è probabile che sia accaduto qualcosa di anomalo alla vostra periferica.

Nel caso riscontriate delle anomalie, resettate il router alle impostazioni di fabbrica e configuratelo da capo, dedicando un po' di attenzione in più al capitolo sicurezza.

Come migliorare la sicurezza del router

Continuando con l'analogia router-PC, si può dire che la periferica di rete può essere messa in sicurezza esattamente come è possibile migliorare la protezione del nostro computer. Basta conoscere alcuni trucchetti e alcune buone pratiche e il gioco è fatto.

 

Connessione sicura

  • Aggiornare il firmware del router. Così come nei PC è più che consigliabile installare tutti gli aggiornamenti del sistema operativo, nel router si devono controllare eventuali rilasci di firmware aggiornati e installarli non appena possibile. Ciò consentirà di correggere eventuali falle di sicurezza e vulnerabilità varie scoperte dal produttore dopo la messa in commercio
  • Disabilitare l'accesso remoto. Come abbiamo visto, l'accesso remoto al router consente agli hacker di connettersi alla nostra periferica anche nel caso in cui siano distanti migliaia di chilometri. Tutto quello di cui hanno bisogno, infatti, è una connessione a Internet e il gioco è fatto. Per questo motivo è d'obbligo disabilitare l'accesso remoto (a meno che non sia assolutamente necessario ed anche in questo caso sarebbe consigliabile abilitarlo solo per il tempo che occorre) onde evitare che chiunque – non solo un cybercriminale – possa avere libero accesso al "cuore" della nostra rete domestica
  • Cambiare la password di accesso. Nella stragrande maggioranza dei casi, i produttori utilizzano credenziali d'accesso al router "standard" e molto semplici (tipo "admin/admin" o "admin/password"). Un dettaglio sempre molto sfruttato dagli hacker per accedere senza problemi al pannello di controllo e modificarne le impostazioni a proprio piacimento. Cambiare password del router, scegliendone una più complessa e difficile da hackerare rappresenta un buon viatico per migliorare la sicurezza del router
copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #router #malware #sicurezza informatica #hacker

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.