Fastweb

Il Wi-Fi al terahertz apre le porte a Internet superveloce

5G Internet #5g #connessione 5G, raggiunta la velocità di 1Gb negli Stati Uniti AT&T raggiunge per prima questa velocità ma in particolari condizioni
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Il Wi-Fi al terahertz apre le porte a Internet superveloce FASTWEB S.p.A.
Wi-Fi
Internet
Una ricerca della Brown University dimostra che, grazie al multiplexing, si possono scambiare dati con una velocità 100 volte superiore agli standard odierni

Il dual band per le reti Wi-Fi potrebbe essere ben presto un lontano ricordo. L'accorgimento adottato dalla Wi-Fi Alliance per evitare la saturazione della banda da 2,4 gigahertz e trasferire i dati attraverso la più capiente banda da 5 gigahertz, potrebbe essere messo da parte per fare spazio a tecnologie ancora più efficaci ed efficienti per il trasferimento dei dati nell'etere.

Un gruppo di ricercatori della Brown University (Stati Uniti) è riuscito ad applicare i principi del multiplexing a reti senza fili basate su onde elettromagnetiche con frequenza nell'ordine dei terahertz anziché dei gigahertz. Il vantaggio  di questa soluzione rispetto alle reti Wi-Fi casalinghe e alle reti cellulari è l'ampliamento della banda trasmissiva: dai primi esperimenti condotti, gli scienziati statunitensi sono stati in grado di inviare dati con una velocità di connessione anche 100 volte superiore rispetto agli standard Wi-Fi attuali. Tra le altre cose, una rete basata sui terahertz potrebbe far crescere esponenzialmente la velocità di Internet senza bisogno di fibra ottica e reti cablate.

 

Navigazione senza fili

 

Tra megahertz, gigahertz e terahertz

Le reti cellulari e le reti Wi-Fi odierne sfruttano le microonde per supportare sia la comunicazione vocale sia il trasferimento dati. Sino ad oggi, le bande di comunicazione utilizzate sono basate su onde con frequenza tra le centinaia di megahertz e i gigahertz (un gigahertz = 1.000 megahertz), ma la crescente richiesta di banda per il trasferimento di dati le sta progressivamente saturando. Per questo motivo gli scienziati si stanno interessando al trasferimento dati su onde nell'ordine dei terahertz: la maggior frequenza assicurerebbe una banda comunicativa più ampia attraverso la quale far passare più dati.

Il problema del multiplexing

Affinché ciò sia possibile, però, è necessario che la rete Wi-Fi dei terahertz sia in grado di sfruttare i principi del multiplexing (e, di converso, del demultiplexing). Grazie al multiplexing, infatti, si potrebbero gestire più flussi dati digitali utilizzando un solo canale comunicativo: la capacità trasmissiva di un mezzo fisico è divisa in tanti piccoli canali logici, utilizzando così un solo segnale (digitale o analogico non fa differenza) trasmesso tramite un solo mezzo (ad es. un cavo o una banda dello spettro elettromagnetico) per trasportare le informazioni relative a diverse sorgenti indipendenti.

 

Area Wi-Fi

 

Un processo utilizzato abitualmente nelle reti Wi-Fi basate sui gigahertz o nelle telecomunicazioni televisive, ma estremamente problematico quando entrano in gioco i terahertz: in questo ambito le "creste" delle onde elettromagnetiche, sono separate soltanto da pochi millimetri, caratteristica che le rende molto suscettibili a possibili errori di trasmissione..

Il segreto sta nell'antenna

La soluzione proposta dagli scienziati della Brown University prevede che, per aumentare la banda comunicativa e, di conseguenza, la velocità di Internet, si utilizzino  antenne composte da due piastre di metallo conduttore poste parallelamente e distanziate pochi millimetri l'una dall'altra. All'interno delle due lastre scorrerebbe il flusso delle onde elettromagnetiche con frequenza terahertz (infrarossi), indirizzato e modulato a seconda dello spazio esistente tra le lastre. Uno dei pannelli, inoltre, dovrebbe presentare  microfori che permettano di far disperdere le radiazioni verso direzioni differenti: un ricevitore potrà così individuarle distinguendo l'inclinazione delle onde e pertanto ricevere un segnale piuttosto che un altro.

 

L'antenna messa a punto dagli scienziati statunitensi

 

Grazie al multiplexing, fanno notare gli scienziati statunitensi, sarà possibile caricare l'antenna con dieci diverse frequenze, ognuna in grado di trasportare un flusso di dati unico. Modulando adeguatamente la distanza tra le piastre e le dimensioni dei microfori, le frequenze usciranno con dieci angolature differenti e potranno così trasportare dati i su 10 canali coesistenti ma diversi l'uno dall'altro.

copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #wi-fi

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.