Fastweb

Cos'è come funziona il beamforming

sicurezza Wi-Fi Internet #wi-fi #sicurezza informatica Che cos'è e a cosa serve lo standard WPA3 Annunciato nel gennaio 2018 e introdotto sei mesi più tardi, va a sostituire il vecchio – e ormai vulnerabile – WPA2
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Cos'è come funziona il beamforming FASTWEB S.p.A.
Con il beamforming non ci sarà più bisogno di cambiare posizione al router
Internet
Grazie a questa tecnica, il router è in grado di modulare fase e ampiezza delle onde radio, così da "orientarle" verso le zone nelle quali si trovano i dispositivi

Tra black spot, interferenze, muri e ostacoli vari, riuscire a coprire l'intera superficie di casa (o dell'ufficio) con il segnale Wi-Fi somiglia sempre più a un'impresa sisifea. Spesso e volentieri, la coperta (o copertura, in questo caso) è sempre corta e se si "tira" da un lato, si resta inevitabilmente scoperti dall'altro. Di trucchi e consigli su come estendere segnale Wi-Fi ce ne sono a decine, ma non sempre risultano essere efficaci in ogni situazione. Per questo motivo, sia i tecnici della Wi-Fi Alliance sia i produttori di router Wi-Fi hanno presentato delle soluzioni per migliorare la copertura del segnale e per l'ottimizzazione della banda.

Ciò ha consentito di ottenere risultati apprezzabili, se non sull'estensione della copertura, quanto meno sulla forza del segnale all'interno della superficie coperta. Tra i vari accorgimenti proposti c'è anche il cosiddetto beamforming¸ che consente di migliorare la ricezione all'interno del campo del segnale e consentire quindi ai vari dispositivi collegati alla rete Wi-Fi di navigare più velocemente.

 

Router Wi-Fi

Che cos'è il beamforming

Volendo essere concisi, il beamforming è una particolare tecnologia che consente di "direzionare" e concentrare il segnale Wi-Fi in una direzione piuttosto che in un'altra. In termini più tecnici, il beamforming è una tecnica di "lavorazione" di un'onda che consente la trasmissione e ricezione direzionale del segnale. Ciò è reso possibile dall'utilizzo combinato di particolari apparati ricetrasmittenti che consentono di creare interferenze costruttive o distruttive, a seconda della necessità. Questo, per l'appunto, consente di direzionare il segnale Wi-Fi dove meglio si crede.

Come funziona il beamforming

Per capire come funziona beamforming è necessario, prima di tutto, capire come funziona un router Wi-Fi. Per creare la rete senza fili, i router utilizzano onde radio che si diffondono nell'ambiente circostante in maniera uniforme in tutte le direzioni. Ciò vuol dire che, al netto di perturbazioni o interferenze, si diffondono formando delle circonferenze concentriche, il cui centro è l'antenna del router utilizzata per emettere il segnale. Per "visualizzare" ciò che succede ogni giorno nelle nostre abitazioni o uffici pensate a cosa accade quando gettate un sasso all'interno di un piccolo stagno (o uno specchio d'acqua immobile): immediatamente inizieranno a formarsi delle onde che, partendo dal punto in cui il sasso è atterrato, si diffonderanno in maniera concentrica su tutta la superficie.

 

Beamforming A sinistra una "normale" rete Wi-Fi, a destra una rete creata da router compatibile con beamforming

Questa modalità di trasmissione assicura – da un punto di vista teorico – che la copertura del segnale sia quanto più estesa ed uniforme possibile. Al tempo stesso, però, è poco ottimizzata: le onde si diffonderanno anche in zone dove non ci sono dispositivi in "ascolto", causando un inutile dispendio energetico. Ed è a questo punto che entra in gioco il beamforming. Grazie ad alcuni algoritmi in grado di "localizzare" dove si trovano i dispositivi connessi alla rete, il beamforming modula fase e ampiezza dell'onda del segnale Wi-Fi in uscita dalle antenne in modo che sia più potente nella direzione più "utile". Ciò consente di ottenere l'ottimizzazione della banda, che viene "ripartita" in maniera ottimale tra i vari dispositivi connessi e non è dispersa inutilmente.

Quali router supportano il beamforming?

Affinché sia possibile utilizzare il beamforming è necessario che il router sia dotato di antenne MiMo (acronimo di Multiple In, Multiple Out), che permettono di ottenere un'ottimizzazione banda molto elevata. La tecnologia MiMo è stata introdotta tra le specifiche dello standard Wi-Fi a partire dalla release IEEE 802.11n: solo i router compatibili con questa versione, dunque, avranno la possibilità di utilizzare il beamforming.

 

Antenne MiMo router

A dir la verità, però, si tratta di una versione "acerba" che assicura una scarsa compatibilità tra dispositivi di diversi operatori (per questo definito beamforming "implicito"). È solamente a partire dallo standard IEEE 802.11ac che il consorzio Wi-Fi Alliance ha definito specifiche e modalità di funzionamento univoche per il beamforming, rendendolo così "esplicito". Ciò vuol dire che tutte le periferiche di rete compatibili con le specifiche Wi-Fi "ac", indipendentemente da chi le abbia prodotte, comunicano tra di loro sfruttando antenne MiMo direzionali e sono in grado di sfruttare al meglio anche la tecnologia di beamforming.

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #wi-fi #beamforming

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.