5g visori

5G, come cambierÓ il settore del gaming

Il mondo del gaming Ŕ destinato a cambiare con l'arrivo della tecnologia di connessione 5G: ecco cosa possiamo aspettarci nell'esperienza di gioco e nell'uso della realtÓ virtuale
5G, come cambierÓ il settore del gaming FASTWEB S.p.A.

L'introduzione della connessione 5G cambierà il mondo tecnologico come lo conosciamo, soprattutto per i gamer. Una vera e propria rivoluzione in qualsiasi ambito in cui una connessione veloce può fare la differenza, gestendo un enorme flusso di dati direttamente sui nostri dispositivi mobili: da smartphone e tablet fino a visori per la realtà aumentata o ancora alle auto che si guidano da sole. Potremmo esplorare i mondi creati nei videogiochi, accedendo a dettagli che oggi ci sono preclusi anche con la più performante e costosa console.

Le compagnie tecnologiche sanno bene la differenza che il 5G può fare e le sue potenzialità, che sono del tutto nuove e inesplorate, e continuano a fare test. Compagnie come la divisione Oculus di Facebook, che produce visori VR per la realtà aumentata, potrebbero offrire ai loro utenti un'esperienza totalmente immersiva. Esperienza che, per i gamer, significa ritrovarsi in prima persona nel gioco, distinguendo anche il singolo filo d'erba mosso dal vento nell'ambientazione virtuale che sta percorrendo. E di questo sono convinti gli sviluppatori di videogame di Microsoft, che puntano a creare nuovi "mondi", dinamici e personalizzati, dove solo il 5G può rappresentare la chiave di accesso.

5G e la rivoluzione del cloud gaming

5g visori

I primi a beneficiare della rivoluzione 5G saranno proprio i gamer, per i miglioramenti che questa tecnologia può offrire nell'ambito del "cloud gaming", che consente l'accesso diretto a piattaforme di streaming per giocare ai videogame. Proprio come guardiamo una serie televisiva su Netflix o un film su Disney+, i servizi di cloud gaming offerti da Sony, Nvidia, Microsoft e Google ci consentono di giocare ai nostri videogame preferiti da qualsiasi dispositivo, senza il bisogno di acquistare un PC con hardware d'avanguardia o una costosa console da collegare alla smart TV o a un visore VR.

Il problema fondamentale al momento è proprio che la qualità di esperienza di un videogame dipende molto dalla console o dalle caratteristiche del computer che stiamo utilizzando. Prendiamo ad esempio Red Dead Redemption 2, lanciato da Rockstar Games nel 2018. Un mondo western ambientato nel 1899 che si presenta ricco di dettagli: dagli scenari e gli animali di contorno, agli equipaggiamenti dei personaggi. Giocando su una PlayStation 4 Pro, piuttosto che su una PlayStation 4, si vedranno dettagli sia degli indumenti che delle ambientazioni che con il modello precedente della console Sony non avreste potuto notare.

La questione è appunto questa: serve un hardware potente, e quindi costoso, per permettere al software di gioco di effettuare tutti i calcoli necessari a visualizzare a schermo (o sul visore VR) anche i più minimi dettagli del "mondo di gioco". Questo hardware può essere acquistato e gestito "all'ingrosso" da società di online gaming che possono così vendere il proprio servizio "top di gamma" direttamente al consumatore finale, a patto, però, che esista una tecnologia di connessione in grado di sostenere l'enorme quantità di dati che questo servizio richiede.

Accedere a una rete 5G significa appunto poter gestire con bassissime latenze un gran flusso di dati e quindi visualizzare fin nel più ricercato e minimo dettaglio le ambientazioni e le grafiche dei personaggi, indipendentemente dal dispositivo su cui state giocando. Proprio questa semplificazione nell'esperienza di gioco darà inevitabilmente una spinta anche all'evoluzione degli stessi videogame, coi produttori che potranno contare su un vasto potenziale sia per creare personaggi basati sull'intelligenza artificiale, che mondi ricchi e dinamici da esplorare.

5G, accesso ai giochi sempre e da qualsiasi dispositivo

vr e 5g

La potenzialità del cloud gaming è ben chiara alle aziende, che già dal 2010 avevano lanciato i primi progetti. Le startup come Onlive e Gaikai sono state acquistate dalla Sony, che ha poi lanciato il suo servizio di cloud gaming PlayStation Now: con pochi euro al mese l'utente ha accesso a oltre 700 videogame. Un servizio più completo rispetto a quello offerto da Stadia di Google, o ancora da GeForce Now di Nvidia, mentre Project xCloud di Microsoft è ancora in versione beta.

I servizi di cloud gaming con l'introduzione della tecnologia 5G non solo migliorano la qualità dell'esperienza offerta, ma anche l'accesso. La velocità di connessione delle reti 4G non è sufficiente a garantire un'esperienza gioco fluida e soddisfacente, per questo motivo chi accede a tali servizi lo fa soprattutto tramite una connessione Wi-Fi. Con il 5G, invece, il mondo del gaming si sposta dalla comodità della propria casa a qualsiasi luogo dove si avrà voglia di giocare. Per farlo, basterà disporre di uno smartphone o un tablet, connettersi al 5G e avviare il proprio videogame per ottenere prestazioni e divertimento ovunque, cambiando così anche quelle che sono le abitudini dei gamer e aprendo a nuove prospettive.

5G, un futuro tecnologico da riscrivere

5g e visori vr

Ripercorrendo i passi dell'evoluzione delle tecnologie di connessione a partire dalla metà degli anni 2000, si comprende quanto il futuro tecnologico anche stavolta sarà da riscrivere e non solo per i gamer. Il 3G ci ha permesso di inviare le prime foto per messaggio via chat come WhatsApp o di scaricare file, come ad esempio la musica, direttamente sul nostro smartphone. La tecnologia 4G LTE ha aperto le porte ai servizi di streaming di video e musica sui nostri dispositivi mobili. E la connessione 5G non promette nulla di meno che offrire nuovi servizi che, al momento, forse non siamo neanche in grado di immaginare.

Tra un decennio, visori VR o occhiali "intelligenti" per la realtà aumentata come i Google Glass e gli Apple Glass potrebbero essere indossati quotidianamente, mentre guidiamo, alla ricerca della strada giusta, o mentre siamo al supermercato, con la lista della spesa sempre a portata di occhio. L'immenso flusso di dati che il 5G mette a disposizione degli utenti darà una forte spinta alla realtà virtuale, con l'opportunità di ricreare scenari dove centinaia di telecamere connesse, fornendo la loro prospettiva, ci trasferiscono in un altro spazio a noi lontano. Il cloud gaming e i nuovi videogame sono solo uno degli aspetti che è destinato a cambiare radicalmente col 5G, ma la rivoluzione è in atto e fermarla non sarà possibile.

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail