Le aziende sono sempre più attente all’impatto ecologico che hanno sul pianeta e cercano di prendere delle decisioni che, oltre a consentire una crescita, l’incremento delle vendite, l’acquisizione di nuovi clienti e la loro piena soddisfazione, siano anche sostenibili. Google, consapevole di questa esigenza, ha sviluppato nuovi strumenti per uno sviluppo sostenibile.

Sviluppo sostenibile: questione di piccole scelte

Per uno sviluppo sostenibile non è necessario fare grandi cambiamenti. La trasformazione, come affermato da Google, passa attraverso piccole scelte di vita quotidiana da parte dei singoli individui, delle aziende e delle organizzazioni di ogni tipologia.

Per poter prendere decisioni che abbiano un impatto positivo sull’ambiente, c’è bisogno di essere in possesso tutte le informazioni giuste. Solo in questo modo si potrà capire, ad esempio, quali materiali acquistare per la produzione aziendale, quando irrigare le colture o in cosa investire. Durante il Google Cloud Sustainability Summit, l’azienda ha annunciato il rilascio di nuovi strumenti che servono agli imprenditori e ai cittadini per ottenere tutti i dati di cui necessitano per fare scelte green.

I nuovi strumenti Google per la transizione ecologica

Tra le informazioni che Google ritiene importante fornire alle aziende ci sono quelle sul clima, necessarie per aiutare i governi ad essere più resilienti ai cambiamenti climatici.

Per questo motivo, è stata annunciata la disponibilità di Google Earth Engine su Google Cloud. Si tratta di una tecnologia di monitoraggio ambientale che, attraverso l’utilizzo di centinaia di satelliti e altre fonti, restituisce dati accurati che permettono di comprendere la correlazione tra attività umane e l’impatto ambientale.

Google, che si è posta come obiettivo quello di utilizzare solo energia carbon-free entro il 2030, ha deciso di rendere pubbliche tutte le conoscenze acquisite nel tempo. Tutti i dati raccolti negli ultimi dieci anni dall’azienda e dai suoi partner saranno condivisi con un programma pilota con i clienti. Ciò consentirà a chi vuole avviare attività a basso impatto di avere consapevolezza del proprio profilo di emissioni elettriche.

La suite Carbon Sense Google Cloud consente agli imprenditori di dare priorità alla sostenibilità e ridurre le emissioni di anidride carbonica accedendo facilmente ai dati su quest’ultime per monitorarle e fare scelte sostenibili. 

Infine, uno degli obiettivi che l’azienda della Silicon Valley si è posta, è quello di allargare l’ecosistema dei partner di Google Cloud per poter offrire soluzioni innovative e aiutare i governi e le aziende di tutto il mondo a implementare programmi di sostenibilità.

In questo ambito ha annunciato Google Cloud Ready - Sustainability e Google Cloud Marketplace Sustainability Hub. Il primo è un programma di convalida di partner che offrono soluzioni che riducono le emissioni di carbonio, il secondo offre ai clienti l’acquisto e l’accesso a soluzioni sostenibili.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb