Dopo un aggiornamento che mirava a rendere l’applicazione fruibile da più dispositivi contemporaneamente, WhatsApp rilancia la funzione multidispositivo aggiungendo una funzionalità in più.

Lo scorso aggiornamento mirava ad eliminare alcuni bug e a installare funzioni che migliorassero l’esperienza degli utenti durante l’utilizzo di WhatsApp su desktop e web.

Ad oggi WhatsApp permette di connettere un account su quattro dispositivi, ma solo uno di questi può essere uno smartphone.

Adesso, grazie alla funzionalità Companion, gli utenti potranno accedere alla più famosa app di messaggistica anche da un altro telefono mobile.

Cosa si sa della nuova funzionalità Companion di WhatsApp

whatsapp

WABetainfo, famoso e affidabile sito che cerca di scovare nuove funzionalità di WhatsApp nelle sue versioni beta, ha trovato all’interno del codice delle ultime versioni beta dell’app di messaggistica il primo riferimento al Companion. La nuova funzionalità si chiamerà Register Device as Companion, ossia Registra un dispositivo come compagno.

Questa finestra si aprirà quando si tenterà di utilizzare l’app di messaggistica su un altro dispositivo. La procedura è la stessa che si utilizza adesso per accedere a WhatsApp da desktop o da web. 

L’utente dovrà leggere il QR Code che comparirà sul nuovo dispositivo e aggiungere quindi quel ‘dispositivo compagno’ all’account. L’unica differenza dall’attuale procedura è che si farà con due smartphone invece che con un telefono e un computer.

Quando sarà disponibile WhatsApp Companion

WhatsApp sta da tempo cercando di offrire agli utenti la possibilità di collegarsi contemporaneamente con due smartphone allo stesso account dell’applicazione, ma ha dovuto superare alcune difficoltà legate alla complessità della crittografia end-to-end che protegge tutti i messaggi all’interno delle chat.

Non c’è ancora una data per il rilascio definitivo della funzionalità, che al momento rimane in fase di test.

Ci sono alcuni dettagli che però fanno pensare che potrebbe presto essere disponibile per tutti. Prima di tutto, la funzione è presente sia nelle versioni Beta Android che su quelle iOS, il che dimostra che si è in una fase di test avanzata.

Inoltre, la possibilità di accedere alla piattaforma da più dispositivi, compresi altri smartphone, è attesa da ben tre anni e negli ultimi mesi l’app di messaggistica di Meta ha reso disponibili molte nuove funzionalità.

Tutto questo in una corsa contro le app concorrenti che offrono ai propri utenti contenuti aggiuntivi sempre più personalizzati. Come Telegram, che adesso sta addirittura per lanciare una sua versione Premium.

Per saperne di più: Guida a WhatsApp: come usare e installare WhatsApp

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb