È un periodo di grandi cambiamenti per Twitter. Dopo che Elon Musk ha comprato la piattaforma, si sta lavorando assiduamente per apportare modifiche e miglioramenti al social network. Seppur non siano mancate le polemiche da parte degli iscritti e alcuni atti di protesta, la strada sembra ormai essere disegnata.

Cosa succederà a Twitter con i nuovi interventi voluti da Elon Musk? È previsto un nuovo piano a pagamento, una nuova politica sull’assegnazione delle spunte blu, ma non solo. Gli utenti, che hanno raggiunto numeri da record in questi giorni, non vedono l’ora di poter scoprire tutte le modifiche che sono state ideate.

Twitter, gli obiettivi di Elon Musk

Elon Musk si è posto degli obiettivi ambiziosi per Twitter: vuole creare un posto dove chiunque possa esprimere la propria opinione senza subire forti limitazioni. Per farlo, ha bisogno di implementare le funzionalità del social network, creando quelli che molti stanno definendo un Twitter 2.0.

Tra i primi interventi che Musk sembra voler fare è quello di dare la possibilità agli iscritti di creare dei Tweet più lunghi. Attualmente il limite è di 280 caratteri, ma potrebbe essere esteso molto presto. La piattaforma darà risalto ai contenuti multimediali, in particolar modo ai video.

Musk pone l’attenzione anche sulle interazioni su Twitter, ipotizzando la possibilità di una messaggistica privata crittografata e sicura. A fare grande scalpore, l’introduzione di un piano a pagamento, di un costo di 8 dollari al mese, per tutti i profili che vogliono ottenere la spunta del verificato.

Twitter, le nuove politiche sui profili verificati e la diatriba con Apple

La spunta del verificato non sarà più solo blu, ma assumerà diversi colori a seconda del tipo di profilo che la richiede. Sarà oro per le aziende, grigia per i governi e blu per i personaggi celebri. Blu e grigio potranno cumularsi (ad esempio, per un politico che lavora per un un ente governativo) e la verifica dell’autenticità dei profili verrà eseguita manualmente. Ciò significa che ci sarà uno staff che se ne occuperà in maniera esclusiva.

I nuovi progetti per Twitter sembrano essere ormai definiti, ma Elon Musk non intende fermarsi e, questa volta, apre una diatriba con Apple che potrebbe portare alla rimozione di Twitter dall’App Store. 

L’imprenditore, con una serie di Tweet ha criticato duramente l’azienda di Cupertino, accusandola velatamente di non favorire la libertà di parola e di aver minacciato di rimuovere il social network dallo store. Apple avrebbe anche ridotto le spese pubblicitarie per le campagne sulla piattaforma di Musk.

Le nuove regole di moderazione di Twitter potrebbero entrare in collisione con le linee guida di Apple e, seppur al momento il social network non ha subito forti cambiamenti, in un futuro non molto lontano potrebbero sorgere dei problemi. Come si risolverà lo scontro tra Apple e Twitter?

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb