Nel mondo delle applicazioni di dating e dei siti d’incontri Tinder e Meetic sono le soluzioni più famose e più utilizzate. Con un gran numero di iscritti hanno visto nascere grandi amori, profonde amicizie o semplici conoscenze. Le due piattaforme non sono però le uniche esistenti in Italia e nel mondo. 

Esistono valide alternative che rispondono a disparate esigenze e che seguono delle regole differenti e, prima di scegliere quella più adatta per sé, è bene sapere quali sono quelle a disposizione gratuitamente e quelle che richiedono un pagamento.

Tinder e Meetic: cosa sono 

Dating online, Tinder e Meetic

Alex Photo Stock / Shutterstock.com

Per comprendere le differenze con le altre applicazioni e siti d’incontri è bene conoscere le funzionalità e le caratteristiche di Tinder e Meetic. La prima è un’applicazione, disponibile sui dispositivi mobili con sistema operativo iOS e Android, utilizzabile anche attraverso desktop accedendo da browser, che favorisce gli incontri tra persone geograficamente vicine.

Attraverso l’utilizzo della posizione, Tinder propone all’utente una serie di profili, selezionati dall’applicazione in base alle informazioni dichiarate dall’utente, come l’orientamento sessuale, l’età, gli interessi e altri elementi.

Quando si individua un profilo ritenuto interessante, è sufficiente fare swipe up per dichiarare l’intenzione ad avviare una conversazione e iniziare una conoscenza che può portare ad un incontro nel mondo reale. Il match si ha solamente se anche l’altro profilo mette un ‘mi piace’ rivelando così di essere potenzialmente interessato all'altro. Solo a questo punto sarà possibile inoltrarsi un messaggio privato.

Tinder è gratuito, ma per accedere a funzionalità avanzate e a maggiori possibilità di ottenere un match e un possibile appuntamento occorre sottoscrivere un abbonamento a Tinder Gold o a Tinder Plus a seconda dei propri obiettivi.

Meetic è un sito d’incontri che è attivo in Italia dal 2002. Da quel momento il numero di iscritti è cresciuto vertiginosamente e molte persone sono riuscite a trovare sulla piattaforma ciò di cui avevano bisogno: affetto, nuovi stimoli o semplici avventure.

Meetic è stato fondato in Francia nel 2001 e ha la sua sede principale a Parigi. Oggi è presente in 15 Paesi europei.

L’iscrizione al sito è gratuita, ma la maggior parte dei servizi richiede la sottoscrizione di un abbonamento periodico. È presente anche un’applicazione ufficiale che può essere scaricata e installata sui dispositivi mobili. 

Su Meetic, dopo aver indicato le proprie preferenze ed essersi localizzati, gli iscritti possono visualizzare i profili degli altri utenti, scartare quelli che non hanno suscitato interesse e dimostrare apprezzamento per quelli che hanno attirato l’attenzione. Se il gradimento è reciproco, si può avviare una conversazione.

Badoo, trovare l’amore nella propria città

badoo dating online

rafapress / Shutterstock.com

Tinder e Meetic non sono gli unici siti d’incontri di vecchia data. Badoo è un social network utilizzato principalmente come sito di incontri, che è stato lanciato sul web nel 2006. Ha un’interfaccia dinamica, che si aggiorna costantemente mostrando i nuovi iscritti e il numero di persone che scelgono di affidarsi alla piattaforma.

Può essere utilizzato sui dispositivi mobili, attraverso l’applicazione compatibile con iOS e Android, o da desktop facendo l’accesso dal sito ufficiale. Dopo la compilazione di un questionario, in cui si dichiarato i propri interessi e informazioni come l’età e il luogo di provenienza, sarà possibile iniziare ad interagire con gli altri utenti. 

L’algoritmo mostrerà i profili più affini e localizzati ad una breve distanza, per favorire eventuali appuntamenti. Badoo è gratuito, ma per aumentare la visibilità del proprio account è necessario sottoscrivere un abbonamento a Badoo Premium.

Grindr, l’app dedicata al mondo LGBTQ+

Grindr dating online

Tero Vesalainen / Shutterstock.com

Grindr è un’applicazione di dating, molto simile a Tinder, dedicata principalmente ai ragazzi omosessuali e bisessuali. È un portale popolare a livello internazionale, che si è diffuso soprattutto per la sua semplicità di utilizzo.

Attraverso la localizzazione si possono individuare i profili più vicini dal punto di vista geografico e iniziare ad avviare una chat. Ciò favorisce gli incontri nella vita reale, che possono essere organizzati con facilità e velocemente. 

Le funzionalità base di Grindr sono totalmente gratuite. Per accedere a quelle avanzate si deve pagare una quota periodica e scegliere, in base alle proprie necessità, un piano di abbonamento tra quelli presenti: Grindr Xtra e Grindr Unlimited

Lovoo, l’app per flirtare e trovare l’amore

dating online lovoo

Postmodern Studio / Shutterstock.com

Lovoo è un’app lanciata nel 2011 e che si è rinnovata nel tempo per permettere agli utenti di trovare sempre nuovi stimoli sulla piattaforma. La registrazione è gratuita e, senza la necessità di dover versare denaro, si può accedere a tutte le funzioni essenziali del portale. Per avere maggiori possibilità di successo, si può optare per degli abbonamenti periodici che danno accesso a dei benefici.

Dopo aver effettuato la registrazione sull’app si deve indicare la propria preferenza, il titolo di studio, i propri interessi, l’altezza, le lingue conosciute, altri dati e inserire una foto in cui si è riconoscibili e che sia reale. Possono chattare tra di loro solo coloro che hanno dimostrato apprezzamento reciproco.

Bumble, dove il primo passo spetta alle donne

Bulmble dating online

Boumen Japet / Shutterstock.com

Tra tutte le soluzioni Bumble è quella più particolare. Se nelle altre opzioni a prendere l’iniziativa possono essere tutti i profili e la limitazione è data solo dall’apprezzamento che deve essere necessariamente reciproco, su questa piattaforma il primo passo può essere compiuto esclusivamente dalle donne.

Whitney Wolfe, già fondatrice di Tinder, ha deciso di creare Bumble nel 2014 per capovolgere lo stereotipo che vedeva l’iniziativa come prerogativa degli uomini. Su questa app di incontri sono le donne a visualizzare i profili e a palesare, per prime, il proprio interesse. Se anche l’altra parte è d’accordo, si avvia una conversazione che può portare a trovare la propria anima gemella.

Per saperne di più: Migliori siti e app di incontri

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb