Sempre di più il limite tra la vita online e quella offline delle persone sta scomparendo: i social network sites, gli smartphone e le applicazioni di messaggistica istantanea hanno creato un unico ambiente dove i due mondi, fino a qualche anno fa separati, diventano un unicum. Ogni azione che si compie sulla Rete lascia delle tracce digitali: il mi piace su Facebook, l'acquisto su un sito di e-commerce, i commenti sui forum. È possibile ricostruire l'identikit di una persona, seguendo solamente le sue azioni online. La privacy degli utenti è sempre più in pericolo, soprattutto quando si postano le foto bambini o quando si accede a Internet dal Wi-Fi pubblico.

 

wi-fi pubblico

 

Se non si è esperti frequentatori della Rete è molto semplice cadere in alcuni tranelli che permettono ai malintenzionati di rubare i dati d'accesso ai servizi di home banking o agli account social. Per questo motivo è necessario conoscere alcuni trucchi della Rete per tenere sempre al sicuro i propri dati personali. Quando si naviga il primo pensiero deve essere sempre la propria privacy: ci sono alcune azioni che non si devono compiere online per tenere protette le proprie informazioni.

Problema sicurezza Wi-Fi pubblico

 

problema sicurezza wi-fi pubblico

 

In tutte le città si stanno diffondendo gli hotspot che permettono di collegarsi al Wi-Fi pubblico offerto direttamente dalle compagnie telefoniche o dall'amministrazione pubblica. Nonostante siano di grande aiuto a molte persone, sono un pericolo per la salvaguardia dei propri dati personali se non si conoscono le giuste precauzione da adottare. La Rete del Wi-FI pubblico può essere manomessa abbastanza facilmente dai cracker che in questo modo hanno l'accesso ai dati di migliaia di persone. Quando l'utente è connesso a un Wi-Fi pubblico non deve inviare i dati della propria carta di credito o le chiavi d'accesso dei propri account social.

Non collegarsi a reti Wi-Fi dal nome strano

Qualche volta può succedere che si è in viaggio per lavoro e non si riesce ad avere una connessione stabile con la rete dati dello smartphone: l'unica soluzione è trovare una rete Wi-Fi con l'accesso libero. In questi casi è necessario fare attenzione al nome delle reti Wi-Fi, non bisogna mai fidarsi di chi offre un servizio gratuito. Prima di collegarsi alla rete Wi-Fi è necessario accertarsi che il proprietario sia affidabile e che non stia cercando di rubare i dati personali degli utenti.

Non condividere il proprio numero di telefono

 

uomo con smartphone

 

Una delle azioni da non compiere assolutamente sul Web è la condivisone del proprio numero di telefono. Postando il proprio recapito personale si diventa facile preda di call center e di malviventi che potrebbero clonare la carta SIM per compiere azioni illegali.

Non condividere il proprio piano vacanze sui social media

I social network sites hanno dato l'opportunità a tutti di condividere ogni singolo momento della loro vita: uscite domenicali, weekend romantici, gite scolastiche e viaggi estivi. Postare continuamente foto della propria vacanza estiva non è la scelta migliore da fare, soprattutto se la destinazione si trova a migliaia di chilometri dalla propria abitazione: i ladri potrebbero sfruttare l'occasione per entrare disturbati nell'abitazione e rubare gioielli e oggetti preziosi.

Non postare ogni singolo momento della propria vita sui social media

 

non condividere foto dalle vacanze

 

Il problema della privacy è sempre al centro dell'attualità: gli internauti sono preoccupati per la difesa dei propri dati personali, accusando le aziende dell'ICT di raccogliere ogni singola tracica digitale lasciata nella Rete, Ma molto spesso la colpa è degli stessi utenti che postano sui social media ogni singolo momento della loro vita: dalla visita medica fino alle cene con i propri amici. In questo modo ogni singolo post perde di valore e i contenuti di qualità si perdono nel mare magnum dei social networks sites.

Non pubblicare le foto dei bambini

Le piattaforme social possono essere un pericolo per l'incolumità dei bambini: molti malintenzionati utilizzano profili fake per rubare foto di bambini e adolescenti. Per mettere al riparo da qualsiasi inconveniente la scelta migliore è non postare foto bambini o nel caso oscurarne il viso. Inoltre, le foto non devono contenere nessun tipo di tag, altrimenti potrebbero essere facilmente scovate dai cracker.

Non condividere informazioni personali

Alcune volte per errore si condivide la propria password nelle chat di gruppo: un errore che può rivelarsi disastroso per la sicurezza dei dati personali. Non si sa mai chi potrebbe leggere la chat e approfittare della disattenzione per entrare nell'account dell'utente e postare a suo nome. La password deve restare sempre segreta e non deve essere mai condivisa con nessuno, nemmeno con i propri migliori amici (perlomeno non su una chat di un'applicazione di messaggistica istantanea).

Attivare l'autenticazione a due fasi

 

autenticazione in due fasi

 

Per tenere al sicuro i propri dati personali la scelta migliore è affidarsi all'autenticazione in due fasi: quando si effettua l'accesso, ad esempio, al proprio account Facebook da un nuovo device, il servizio manda un codice sulla propria mail per effettuare l'accesso al profilo. L'autenticazione in due fasi permette di bloccare fin dall'inizio ogni tentativo di hacking e deve essere utilizzata per ogni account: Facebook, Twitter, casella di posta elettronica.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb