Ha accompagnato LinkedIn nei momenti più importanti della sua crescita, dallo sbarco in Borsa a New York nel 2011, al superamento dei trecento milioni di iscritti nel 2014, fino a farla diventare un'azienda che produce ricavi per oltre tre miliardi di dollari. Questa la breve presentazione di Jeff Weiner, assunto a LinkedIn nel 2008 come Presidente ad Interim e diventato l'anno successivo il CEO (Chief Executive Officer) della società. Jeff Weiner fu scelto direttamente dal co-fondatore di LinkedIn, social network che si rivolge al mondo del business e dei professionisti in cerca di lavoro, Reid Hoffman (tra i cinquecento uomini più ricchi al mondo e tra gli investitori più stimati della Silicon Valley), che lasciò il ruolo di amministratore delegato nel 2007.

Prima di approdare al comando di LinkedIn, Jeff Weiner ha lavorato per le più importanti società del mercato dell'ICT (Information e Communication Technology) statunitense: prima la gavetta alla sezione digitale della Warner Bros e poi sette anni al comando della divisione Network di Yahoo!, dove ha diretto uno staff di oltre tremila impiegati. Un cursus honorum che lo ha portato alla poltrona più importante di LinkedIn, uno dei social network più interessanti degli ultimi anni e con numeri in costante crescita.

 

Jeff Weiner

 

Gli studi accademici e le prime esperienze lavorative

Nato a New York nel 1970, Jeff Weiner si trasferisce in Pennsylvania per i suo studi universitari: si iscrive alla Wharton School dove nel 1992 ottiene il B.S. (Bachelor of Science, l'equivalente della nostra Laurea triennale in materie scientifiche) in Economia.

La prima esperienza lavorativa lo vede protagonista a Boston alla Braxton Associates, la divisione per la consulenza in management strategico della Deloitte and Touche (società leader mondiale nell'affiancare aziende in servizi professionali). Qui Jeff Weiner, in qualità di Senior Analyst, si occupa di redigere piani strategici per le società che vogliono espandere il proprio mercato ed è qui che muove i primi passi nel mondo dell'online.

Il papà di LinkedIn resta nella società di consulenza per due anni, per poi dedicarsi a una nuova avventura professionale. Nel 1994 arriva la chiamata dalla Warner Bros, colosso mondiale della produzione cinematografica e dell'intrattenimento televisivo. Jeff Weiner è inserito all'interno della neonata divisione Online, con il compito di pensare e realizzare il nuovo portale web della società. Qui Weiner resta per cinque anni, scalando la gerarchia interna e arrivando a ricoprire il ruolo di Presidente del dipartimento Online, con il compito di gestire lo sbarco sul web del gigante dell'entertainment statunitense.

 

Jeff Weiner

 

La chiamata di Yahoo!

Le capacità mostrate dall'ideatore di LinkedIn non passano inosservate e nel 2000 arriva la chiamata che cambia la vita: Yahoo!, che all'inizio del ventunesimo secolo è al massimo della sua espansione, decide di assumerlo all'interno della divisione Development, con il compito di guidare eventuali fusioni o acquisizioni.

Durante i sette anni di lavoro a Yahoo!, il CEO di LinkedIn ha ricoperto diversi ruoli: ha aiutato nello sviluppo del motore di ricerca della società guidata ora da Marissa Mayer e altri servizi dedicati ai consumatori come Yahoo! Front Page, Yahoo! Mail e le sezioni dedicate alle News e allo Sport. Inoltre ha supervisionato la nascita di Yahoo! Answer, il servizio di domande e risposte divenuto famoso negli ultimi anni e ha guidato l'acquisto di Flickr, del.icio.us, Inktomi, AltaVista, FAST.

Grazie al lavoro svolto, il management di Yahoo! lo promuove a capo di uno staff di oltre tremila persone con servizi online che raggiungono oltre cinquecento milioni di persone.

 

Jeff Weiner

 

L'arrivo a LinkedIn

Dopo aver lasciato Yahoo!, Jeff Weiner diventa Executive in Residence di due società di venture capital della Silicon Valley: Accel Partners e Greylock. Il futuro CEO di LinkedIn è messo a capo di uno staff che analizza i futuri investimenti delle due società. Nel giugno del 2008 decide di acquistare il 5% di LinkedIn per un costo di 53 milioni di dollari.

A dicembre dello stesso anno, favorito anche dal precedente investimento, diviene presidente ad interim di LinkedIn e nel giugno del 2009 è disegnato amministratore delegato della società. Dal suo arrivo il social netowrk sites ha avuto un vero e proprio boom sia sul fronte degli iscritti sia sul fronte dei ricavi: le registrazioni sono passate da 33 milioni a 374 milioni, mentre il fatturato da 70 milioni di dollari a oltre due miliardi.

Per supportare i numeri di questa crescita, LinkedIn ha sviluppato il servizio in 23 lingue e aperto uffici in oltre 30 Paesi. Inoltre, nel ruolo di CEO, Jeff Weiner ha guidato l'acquisizione di molte startup, ripercorrendo la strada che aveva già tracciato quando lavorava per Yahoo!. Nel giro di pochi mesi porta a compimento le acquisizioni di Lynda, Careerify, Newsle, Pulse e SlideShare, solo per citarne alcune. A coronamento della carriera, nel 2014 è stato nominato CEO più amato secondo il voto dei dipendenti.

Impegno nel sociale

 

Impegno nel sociale

 

Dopo una carriera piena di successi e guadagni, Jeff Weiner ha deciso di dedicare un po' del suo tempo e dei suoi dollari ad azioni di volontariato. Fa parte del consiglio d'amministrazione di DonorsChoose, associazione filantropica con lo scopo di trovare fondi per progetti scolastici e di Malaria No More, organizzazione non-profit con la missione di sradicare la malaria entro pochi anni attraverso prevenzione e vaccinazione.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb