login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

IDN, cos'è l'identità digitale nazionale che sostituirà SPID e CIE

Ascolta l'articolo

Il dipartimento per l’innovazione del governo sta lavorando all’Identità digitale nazionale (IDN), una app che potrebbe sostituire SPID e CIE: tutti i dettagli

Identità digitale Shutterstock

Cambiamenti in arrivo per ciò che riguarda l’identità digitale in Italia. Il dipartimento per l’Innovazione del governo sta lavorando attivamente ad un nuovo obiettivo che potrebbe portare a degli stravolgimenti per la Carta d’identità elettronica (CIE) e per il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) così come siamo abituati a conoscerlo. Il nome del progetto è Idn, Identità digitale nazionale, ed è estremamente ambizioso.

IDN, Identità digitale nazionale: di cosa si tratta

L’obiettivo del governo è quello di far confluire la Carta d’identità elettronica (CIE) e il Sistema pubblico di identità digitale (SPID) in un unico strumento ufficiale e sicuro. Si chiama Identità digitale nazionale (IDN) e potrebbe presto vedere la luce grazie al lavoro costante del dipartimento per l’Innovazione del governo e al forte volere dell’esecutivo. 

Un sistema, quello progettato, che si concretizzerebbe in una applicazione che archivierebbe le informazioni più importanti e certificate dell’utente. Queste potranno essere condivise su richiesta con enti pubblici e privati autorizzati.

Quella pensata dal dipartimento dell’innovazione è una soluzione che andrebbe a diramare l’attuale situazione presente nel Paese. I cittadini possono utilizzare sia la Carta d’identità digitale (CIE) rilasciata dal Ministero dell’Interno e prodotta dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che lo SPID, la cui emissione è affidata ad enti privati che cercano di garantire elevati sistemi di sicurezza. 

SPID e CIE potrebbero quindi confluire in un’unica applicazione. Al momento si tratta solo di una proposta, effettuata da consulenti esterni del dipartimento, e tante sono le questioni da risolvere, ma la sua realizzazione potrebbe essere più veloce di ciò che ci si aspetta.

Identità digitale nazionale e identità comune digitale: il possibile conflitto 

Il progetto sull’identità digitale nazionale ha trovato larghi consensi e il governo, che ha già dovuto prorogare la validità di alcune convenzioni SPID scadute a fine 2022, sembrerebbe fortemente intenzionato a procedere

Stando a quanto riportato da Wired, testata specializzata in tecnologia, un bando per la creazione di questo strumento innovativo potrebbe essere lanciato a breve. Ciò significa che l’IDN potrebbe anticipare e battere sul tempo l'identità comune digitale, il progetto alla quale sta lavorando la Commissione Europea e che è già in fase di sperimentazione.

Per l’identità comune digitale sono state assegnate gare da circa 37 milioni per sperimentare alcuni casi d'uso e da circa 26 milioni per creare l'applicazione. Il rischio è quello di avere due applicazioni doppioni per l’identità digitale: quella voluta dal governo italiano e quella creata da Bruxelles per tutti i cittadini dell’Unione. 

A cura di Cultur-e
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa