C'è chi lo utilizza per postare selfie. Chi, invece, per i belfie. Chi, ancora, per gattini, tramonti o panorami struggenti. Senza dimenticare le modelle, attrici e cantanti che lo sfruttano per caricare le loro foto in pose sexi e hot. Instagram, per farla breve, è diventato un grande contenitore di immagini e foto di ogni tipo. Una vetrina dove mettere in mostra il proprio occhio fotografico e la propria abilità ne cogliere il momento più adatto per scattare una foto. E modificarla con uno dei diciannove filtri, naturalmente.

Una vetrina che fa gola a molti, musei compresi. Sono sempre più le istituzioni musearie che creano un profilo ufficiale sulla piattaforma social di condivisione fotografica per mostrare esposizioni temporanee, eventi di gala e le opere ospitate presso le varie sale. Dal Museo del Louvre di Parigi al MoMA (Museum of Modern Art, Museo di arte moderna) di New York, passando per il MAXXI (Museo dell'Arte del XXI secolo) di Roma e il Grande Museo del Duomo di Firenze, ce n'è davvero per tutti i gusti.

MoMA

 

MoMA

 

Non solo è il museo più celebre al mondo – a pari merito, molto probabilmente, con il Louvre – ma è anche il più seguito sui social. Non fa eccezione Instagram, dove il MoMA di New York colleziona circa 290mila follower. Il Museum of Modern Art, si legge nella descrizione dell'account, è un luogo che nutre la creatività, stimola la mente e fornisce ispirazione. Lo stesso è vero per il profilo: i gestori del profilo utilizzano sapientemente i filtri di Instagram, mettendo in risalto particolari delle opere più conosciute del museo o mostrando in “prima visione” gli ultimi arrivi.

Musée du Louvre

 

Musée du Louvre

 

Non servono tante presentazioni, per il Musée du Louvre. Il museo parigino, casa della Gioconda di Leonardo, vanta estimatori da tutto il mondo come dimostra anche l'affollatissimo account ufficiale su Instagram. Spulciando tra i vari post e le varie foto si potranno scoprire alcuni degli altri capolavori ospitati nell'immenso museo parigino, spesso messi in secondo piano dalla fama della Monna Lisa.

MAXXI

 

MAXXI

 

Si tratta del primo museo italiano dedicato esclusivamente all'arte contemporanea e del ventunesimo secolo. Il MAXXI di Roma non poteva non avere un account Instagram con il quale mostrare le varie collezioni e le esposizioni temporanee presenti nelle sale e negli androni del museo. I circa 4.000 follower – numero niente affatto da sottovalutare – possono ammirare in anteprima le immagini – filtrate – di alcune delle opere esposte e degli eventi organizzati nei locali del museo.

Museum of Sex

 

Museum of Sex

 

Non godrà della stessa fama del suo vicino, ma anche il Museo del sesso di New York (posto sulla Quinta Strada) ha i suoi fan e apprezzatori sparsi un po' in tutto il mondo. Il profilo Instagram posta foto tutto sommato morigerate, visto l'argomento, ma si tratta di semplice esche messe lì per attrarre il pubblico. Una volta varcata la soglia d'ingresso del museo, infatti, la temperatura salirà incredibilmente.

Tate Gallery

 

Tate Gallery

 

Le gallerie Tate sono sparse un po' dovunque nel Regno Unito. Fatta eccezione per la National Gallery e il British Museum di Londra, sono i musei più celebri e visitati di Inghilterra, Galles e Scozia. Chi non avesse la possibilità di visitarle tutte una per una, può accontentarsi di un tour virtuale su Instagram, dove sono postati gli scatti di alcune delle opere più significative ospitate dal museo britannico.

Il grande Museo del Duomo

 

Il grande Museo del Duomo

 

Mettete insieme la Cattedrale, la Cupola, il Campanile, il Battistero, la Cripta, il Museo e otterrete uno dei più grandi spazi espositivi d'Italia e d'Europa. Soprattutto, uno dei più ricchi di opere e reperti. Il Grande Museo del Duomo di Firenze è un ricchissimo contenitore di storia, architettura, scultura e arte capace di attrarre visitatori da ogni parte del mondo. Per averne un assaggio basta visitare il profilo ufficiale Instagram, dove vengono raccolti alcuni dei migliori scatti realizzati nel centro storico del capoluogo toscano.

Amsterdam Tattoo Museum

 

Amsterdam Tattoo Museum

 

Non solo Van Gogh. Amsterdam ospita anche il particolarissimo Museo del tattoo, dove poter ripercorrere storia, tradizioni e tendenze di questa arte corporea. Il profilo Instagram ospita scatti realizzati ad alcuni dei tatuaggi più strani, complessi o particolari mai visti: un modo per incuriosire l'internauta e spingerlo ad una visita nel caso si visiti la metropoli olandese.

New York Botanical Garden

 

New York Botanical Garden

 

L'arte non si manifesta solo su tele o freddi pezzi di marmo. Anche un fiore – una rosa, un tulipano, una ninfea – può avere una bellezza tale da poter essere accostato ai capolavori di maestri come Picasso, Leonardo e Raffaello. Il Giardino botanico di New York, quindi, può essere considerato a buon diritto un museo all'aria aperta. Il suo account Instagram, anziché ospitare quadri, sculture o altre opere pittoriche ospita scatti di piante, alberi e arbusti. Veri capolavori della natura.

Museo del '900

 

Museo del '900

 

Uno spazio nel cuore di Milano dedicato alla grande arte del ventesimo secolo. Il Museo del '900, sito nel centro del capoluogo lombardo, ospita alcune delle opere più importanti di artisti come De Chirico, Fontana, Manzoni, Kounellis e molti altri. Alcune delle opere possono essere ammirate anche sul web, grazie all'account Instagram del museo: un gustoso aperitivo che farà venire l'acquolina in bocca a tutti gli appassionati d'arte del XX secolo.

British Museum

 

British Museum

 

Non ha pari nel Regno Unito e ben pochi uguali in tutto il mondo. Il British Museum vanta una collezione che spazia dagli antichi popoli mesopotamici sino a tele e sculture della contemporaneità. Un incredibile viaggio nell'arte e nella storia, ripercorribile anche attraverso il profilo Instagram del museo.

Museo Diocesano

 

Museo Diocesano

 

Un lungo viaggio nella storia dell'arte dal IV secolo sino ai giorni nostri. Con le sue opere, il Museo Diocesano di Milano è una delle più vivide rappresentazioni dell'arte ambrosiana, delle sue evoluzioni e delle sue varie fasi. Il profilo Instagram offre uno spaccato delle opere conservate nel cuore del capoluogo lombardo, permettendo di ripercorrere – almeno in parte – la storia dell'arte di quella terra.

 

8 maggio 2014

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb