La fatturazione elettronica Aruba è tra le più apprezzate in Italia per via del suo ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Garantisce tutti i servizi più importanti e può essere testata spendendo appena un euro. La fatturazione elettronica è il corrispettivo digitale della vecchia fattura cartacea. È stata ideata per ridurre gli sprechi, migliorare la conservazione dei documenti e monitorare le transazioni. 

In Italia l’iter della fattura elettronica è iniziato con una legge finanziaria del 2008. Dal 2024 sarà obbligatoria per tutti i contribuenti, sia negli scambi verso la Pubblica Amministrazione che in quelli tra privati. Ciò vuol dire che verrà digitalizzata anche la fatturazione del regime forfettario: quei cittadini che non hanno percepito compensi superiori ai 65.000 euro.

Per acquistare la fatturazione elettronica Aruba bisogna innanzitutto registrarsi presso il sito web della società. Dopodiché bisogna identificarsi come soggetto finanziario e settare una serie di impostazioni che diverranno predefinite. 

  • 1. Come funziona la fatturazione elettronica con Aruba
    Fatturazione elettronica di Aruba

    Shutterstock

    Esistono diverse soluzioni che permettono di gestire la fattura elettronica e che vanno al di là dei programmi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

    Ad esempio la società italiana di hosting Aruba permette di acquistare i propri servizi per invio, ricezione e conservazione a norma delle fatture elettroniche a poche decine di euro l’anno. A ciò si aggiunga che, nei periodi di promozione, è possibile testare il servizio per un tot di mesi alla cifra simbolica di un euro. 

    La fatturazione elettronica di Aruba offre all’utente 1 GB di spazio di archiviazione. Può contenere fino a 100.000 file tra fatture elettroniche, moduli per la gestione di ordini elettronici, incassi e pagamenti. Tutte le fatture elettroniche possono venire controllate comodamente tramite un’app gratuita. Al suo interno è possibile visionare una dashboard dedicata alle proprie performance.

    Aruba offre 1 GB di spazio di archiviazione per le fatture elettroniche, che può essere espanso all’occorrenza 

    Un insieme di indicatori e report che aiutano l’utente a studiare l’andamento del proprio fatturato e di monitorare le proprie attività. Ma anche di confrontare trend attuali con periodi precedenti. 

    Inoltre la fatturazione elettronica Aruba può venire arricchita con servizi aggiuntivi di varia natura. Ad esempio i moduli dedicati al controllo e l’organizzazione dei cicli di vendita e delle rate. Oppure l’abilitazione della gestione multi-utente. Inoltre gli utenti che abbiano bisogno di spazio di archiviazione superiore, possono acquistare GB extra in qualsiasi momento

    Aruba propone anche un servizio di fatturazione elettronica semplificato, chiamato Solo Ricezione. Un’opzione perfetta per non deve creare o inviare fatture elettroniche, ma ha comunque la necessità di conservarle rispettando tutte le norme del caso. 

  • 2. Acquisto della fatturazione elettronica di Aruba
    Fattura elettronica

    Shutterstock

    L’acquisto dei servizi di fatturazione elettronica di Aruba rischia di generare qualche confusione negli utenti. Il principale elemento di difficoltà è che sono necessarie due diverse tipologie di credenziali.

    Ma andiamo con ordine. La prima cosa da fare per richiedere la fatturazione elettronica di Aruba consiste nel visitare il sito web di riferimento. Da qui sarà possibile visualizzare i servizi e le offerte a disposizione, cui si è già accennato nei capoversi precedenti. 

    Una volta individuata la soluzione più adatta alle proprie esigenze bisogna fare clic sul pulsante Acquista. A questo punto il sistema chiederà all’utente di inserire delle credenziali Aruba nel caso in cui sia già registrato. Queste credenziali non vanno confuse con quelle della fatturazione elettronica, che verranno fornite soltanto in seguito. 

    Per acquistare la fatturazione elettronica di Aruba bisogna identificarsi come libero professionista, azienda o ditta individuale

    Nel caso in cui l’utente non abbia credenziali Aruba deve fare clic sulla voce Registrati e completa l’ordine. A questo punto dovrà inserire tutta una serie di informazioni in merito al profilo in apertura. 

    Ad esempio dovrà scegliere se iscriversi come libero professionista, ditta individuale, azienda o Pubblica Amministrazione. Quindi dovrà compilare un modulo che richiede dati tra cui: nome, cognome, indirizzo, Codice Fiscale, numero di telefono, indirizzo email e ovviamente numero della Partita IVA. 

    Infine bisogna spuntare la casella in cui si dà il consenso all’utilizzo dei propri dati personali, nel rispetto delle norme sulla privacy. A questo punto non resterà che completare il pagamento, utilizzando uno dei metodi disponibili.

    Aruba permette di acquistare i suoi servizi di fatturazione elettronica tramite carta di credito, bonifico e bollettino postale. In alternativa è anche possibile ricorrere a un account Paypal. La registrazione effettiva verrà completata in base ai tempi di pagamento del metodo selezionato. 

  • 3. Primi utilizzi della fatturazione elettronica Aruba
    Fatturazione elettronica

    Shutterstock

    Al primo utilizzo della fatturazione elettronica Aruba l’utente deve obbligatoriamente seguire una procedura guidata. I singoli step variano in base al profilo e alle necessità del singolo.

    I dati da inserire riguardano il cedente/prestatore, la stabile organizzazione, l’albo professionale e l’iscrizione REA. Ma anche la cassa previdenziale e il tipo di regime a cui si aderisce: regime fiscale ordinario o regime fiscale forfettario. 

    Dopodiché si passa alla creazione vera e propria delle fatture, a partire da impostazioni che verranno settate come predefinite. L’utente può optare tra la creazione fattura smart e la creazione fattura guidata.

    La creazione fattura smart prevede una pagina dedicata a tutto il corpo della fattura elettronica. La creazione fattura guidata invece prevede una pagina dedicata a ogni sezione della fattura elettronica. 

    Le altre impostazioni da settare riguardano il tipo di documento predefinito da usare per creare le fatture elettroniche. Ma anche la tipologia di visualizzazione del prezzo (con o senza IVA) e l’indirizzo PEC o email a cui inviare notifiche su invio e ricezione

    Per saperne di più: Fattura elettronica: cos'è, come funziona e per chi è obbligatoria

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb