L'epifania è arrivata tra i banchi di scuola. Perché di vera e propria illuminazione si è trattata. L'idea di realizzare un social network che potesse far interagire domanda e offerta di lavoro in maniera innovativa, trovando lo stage o il tirocinio adatto al proprio percorso di studi è emersa quando era ancora uno studente superiore. Questa la genesi di Egomnia, il social network ideato dal giovanissimo Matteo Achilli, studente romano di 21 anni e tra le stelle più lucenti della giovane imprenditoria italiana. Obiettivo? Creare un reale collegamento tra il mondo dell'università e quello del lavoro, con un occhio di riguardo per gli stage.

Egomnia

Il nome, spiega lo stesso Achilli, nasce dalla crasi di due parole latine che potessero restituire l'idea di un sito personale. Utilizzando Google Translator arriva quindi a Egomnia, neologismo formato dal pronome personale ego (io) e omnia (tutte le cose).

L'idea alla base del sito è facilitare il compito di trovare lavoro per i giovani laureandi e laureati italiani. Ma in modo che le loro competenze e le loro capacità vengano valorizzate a pieno. Egomnia si propone, quindi, di “catalogare” le competenze che gli universitari hanno acquisito (o stanno acquisendo) nel corso del loro percorso formativo superiore.

Egomnia raccoglie le offerte di stage di oltre 500 aziende italiane e straniere, tra le quali i giovani universitari possono scegliere quella che ritengono più adatta alla loro formazione universitario e professionale.

Iscriversi a Egomnia

 

La homepage di Egomnia con il form per l'iscrizione

 

Il processo di iscrizione a Egomnia è piuttosto semplice. Basta compilare il form presente nella home page (nome, cognome, indirizzo email e scegliere una password) e cliccare sul pulsante Registrati. Pochi istanti dopo si riceve sull'indirizzo email indicato un messaggio di posta elettronica grazie al quale si può confermare l’iscrizione ed effettuare per la prima volta il login.

Una volta dentro si può personalizzare il proprio profilo, completando la scheda personale e aggiungendo il diploma conseguito, eventuali lauree, certificazioni, master, dottorati e le esperienze lavorative già avute. Tutte queste informazioni serviranno al sistema per assegnare un punteggio, grazie al quale le aziende potranno scegliere tra gli universitari più meritevoli e capaci.

L'algoritmo

L'algoritmo che calcola il punteggio è realizzato in maniera rigorosa e segue dei parametri molto stringenti. Il punteggio del diploma viene calcolato con la formula [(voto di diploma)*0,4] nel caso di diploma post-riforma; [(voto di diploma)*0,65] nel caso di diploma pre-riforma. Stesso metodo per la laurea, con formule diverse per la laurea triennale - [(Voto di Laurea * 0,6 * Bonus):N° anni] + (Voto di Laurea * 0,6 *Bonus) -, laurea magistrale [(Voto di Laurea * 0,7 * Bonus):N° anni] + (Voto di Laurea * 0,7 *Bonus) e laurea magistrale a ciclo unico [(Voto di Laurea * 1,5 * Bonus):N° anni] + (Voto di Laurea * 1,5 *Bonus).

E così via per tutte le altre voci – come esperienze di studio o lavoro all'estero, attestazioni di conoscenza di lingue straniere, attestazioni per le conoscenze informatiche, ecc. - che andranno a comporre il curriculum.

Le criticità

Egomnia, come tutti i progetti frutto di start-up, è ancora in una fase di perfezionamento. A partire da criteri più stringenti nell'inserimento dell'esperienza scolastica e universitaria e accumulata.

 

Il diploma ottenuto alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts

 

Al momento, l'utente può aggiungere un numero indefinito di diplomi: liceo scientifico, tecnico industriale, tecnico commerciale o turistico non ha importanza. Non fa differenza, poi, se il diploma sia stato conseguito prima o dopo la riforma degli esami di maturità del 1997: anche chi, magari, non aveva nemmeno l'età per accedere alle scuole secondarie superiori può aggiungere tranquillamente uno o più diplomi con voto espresso in sessantesimi. Mancando un database delle scuole superiori italiane, l'utente può inserire diplomi presi anche alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, con Harry Potter come compagno di banco. Come se non bastasse, è possibile aggiungere alla propria bacheca un diploma post-riforma con voto insufficiente (36/100 ad esempio). Un bug per alcuni versi simpatico, ma che dovrebbe far suonare il campanello d'allarme in casa Egomnia.

 

La laurea in robotica ottenuta al MIT

 

Passando al lato universitario le cose non migliorano di molto. Anche se il database degli Atenei italiani è ricco e aggiornato, le note dolenti arrivano quando si vuole aggiungere un'esperienza di studio all'estero. Si può inserire qualsiasi tipo di laurea conseguita in qualsiasi ateneo del mondo, senza che il sistema chieda qualche dato in più per effettuare una verifica incrociata. Così, per autostima personale, si può inserire un master in ingegneria robotica al MIT. Conseguito naturalmente con il massimo dei voti (espresso con la scala di valutazione italiana e non statunitense).

A mancare, insomma, un sistema che verifichi l'esattezza e la veridicità dei dati inseriti, sia per i diplomi sia per le lauree.

 

Negli ultimi 2 mesi sono comparsi solo sei annunci

 

Ancora povera – nonostante le 500 aziende affiliate – e caotica la bacheca degli Annunci. Per trovare lavoro gli utenti devono spulciare manualmente tra tutte le offerte, oppure affidarsi all'unico filtro di categorizzazione presente nella maschera di ricerca. Non esiste (per ora) un sistema che incroci il curriculum degli iscritti con le offerte presenti nel database e metta in evidenza quelle più adatte per ogni singolo utente.

Manca, infine, una sezione alle esperienze lavorative vere e proprie degli utenti. È possibile aggiungere solamente stage o tirocini dalla durata massima di 24 mesi. Chiunque possa vantare esperienze lavorative più lunghe che non rientrino nell'ambito di queste forme contrattuali... dovrà farle rientrare forzatamente.

 

20 giugno 2013

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb