login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

Pirateria musicale, medaglia di bronzo per l'Italia

Più di 33 milioni di album e single scaricati illegalmente nei primi 6 mesi del 2012

Digital download, le abitudini degli italiani

 

Digital download e consumi culturali. Sono loro i protagonisti dell’ultima indagine di Musicmetric, agenzia che si occupa di analisi e statistiche sul comportamento on line dei consumatori dell’“entertainment industry”, con particolare attenzione al settore musicale.

 

Lo studio porta il nome di Digital Music Index, è alla sua prima edizione e ha di fatto mappato la distribuzione degli ascolti via web dei più popolari artisti, oltre che le abitudini di consumo dei “listeners” di tutto il pianeta. Obiettivo dell’analisi, fornire all’industria della musica  informazioni chiave sui fan dei musicisti più gettonati – chi sono e dove vivono, soprattutto - oltre a stabilire quali sono i servizi on line più usati per l’ascolto.

 

Accanto ai numeri delle piattaforme legali, come Spotify e iTunes, o dei siti di sharing, come YouTube e Last.fm, gli analisti di Musicmetric hanno illustrato lo stato dell’arte tra le reti BitTorrent. Su 750mila artisti tracciati dal Digital Music Index, lo studio ha rilevato un totale di 405 milioni di download “fuorilegge” fino al mese di giugno di quest’anno.
Al primo posto gli USA, con 96 milioni di scaricamenti illeciti, seguiti dal Regno Unito, “solo” 43 milioni; mentre il terzo posto spetta all’Italia, che può contare su 33 milioni di download illegali. Seguono Canada e Brasile rispettivamente quarta e quinto in classifica. La più “scaricata” negli States è RihannaEd Sheeran in UK, mentre nel Belpaese vince su tutti Laura Pausini.

 

C’è da dire però, che chi scarica in Italia non lo fa solo illegalmente. Secondo la FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - nei primi sei mesi del 2012 la musica digitale, tra download e streaming, è cresciuta del 43% e rappresenta oggi il 32% dell’intero mercato discografico italiano.

 

 

20 settembre 2012

A cura di Cultur-e
Prompt engineering
Immagine principale del blocco
Prompt engineering
Fda gratis svg
Come interrogare le intelligenze artificiali
Iscriviti al corso gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa