Goat Simulator è un gioco completamente stupido e, sinceramente, dovresti spendere i tuoi soldi in qualcos'altro, come un hula hoop, una pila di mattoni, o forse racimolare soldi con i tuoi amici e comprare una vera capra”. Con questo disclaimer gli sviluppatori “dell'ultima tecnologia di simulazione di una capra” oggi in commercio mettono sul chi va là possibili videogamers alla ricerca di un titolo serio: nel caso si trovassero a scaricare e giocare con il loro videogames, non dovrebbero attendersi nulla di normale. Né qualcosa di (troppo) funzionante.

Cos'è Goat simulator

Divenuto in breve tempo un vero e proprio gioco-cult della Rete (merito anche di alcuni video su YouTube), Goat simulator è un videogame sviluppato dalla piccola software house svedese Coffee Stain Studios e caratterizzato dall'assoluta mancanza di un filo conduttore che leghi tra loro gli eventi di gioco e dalla presenza di innumerevoli bug (milioni, secondo gli stessi programmatori svedesi). Fate bene attenzione, però, perché tutto in questo videogame ha un senso, anche gli “apparenti” errori di programmazione.

 

 

E ciò genera ancora più confusione, perché Goat Simulator potrebbe benissimo essere eletto come simbolo del non-sense nel mondo dei videogames. Il gioco non ha uno scopo finale; non ci sono premi da conquistare né mostri da ammazzare: si dovrà semplicemente girovagare per le strade di un'anonima cittadina nei panni di una capra dalla lingua particolarmente lunga e umidiccia. A seconda delle evoluzioni e delle acrobazie compiute si accumuleranno punti su punti, senza ottenere nulla in cambio. Si tratta, quindi, di un free roaming, ovvero un titolo che dà all'utente massima libertà di movimento e di scelta. Le conseguenze, come si potrà verificare giocando, saranno comunque minime.

Come si gioca a Goat simulator

Goat simulator permette di vestire i panni di una capra, di comportarsi come una capra e di mangiare come una capra. Nonostante tutto, non permetterà di morire come una capra. Il videogame è un open world molto particolare, dove al protagonista è permesso fare di tutto: dallo speronare persone allo sparargli addosso palline da tennis, passando per i salti sul trampolino elastico, corse per strada, far saltare in aria distributori di carburante e incidenti frontali con automobili e tir. La lingua, poi, permette di agganciarsi a qualunque oggetto: dai pali dell'elettricità sino alle automobili. Nel primo caso si potrà trasportare il palo in giro per la città, nel secondo caso si verrà travolti e sballottati dall'automobile. In tutti i casi, comunque, la morte non è mai prevista.

 

 

I comandi sono molto semplici e il gamer non impiegherà molto tempo ad apprenderli. Grazie ad alcuni easter egg disseminati lungo la mappa, inoltre, la nostra protagonista belante potrà acquisire dei superpoteri che aumenteranno a dismisura le capacità della capretta. Si potrà sbloccare la modalità “Regina delle capre” e far piovere letteralmente capre dal cielo; o, ancora, vestire i panni della “capra demoniaca” e in grado di attirare a sé qualunque oggetto si trovi nelle vicinanze; gli amanti dei fumetti, invece, tenteranno il tutto per tutto per sbloccare la modalità spiderGoat, grazie alla quale la lingua della capretta diventerà simile – se non identica – alle famose ragnatele dell'Uomo Ragno.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb