Al giorno d’oggi sono molteplici le circostanze che richiedono di imparare a connettere il PC alla TV. Si pensi in tal senso alla necessità di guardare un film da una piattaforma web on demand. Ma anche a quella di scorrere tra foto e documenti o di giocare a un videogioco.

In tutti questi casi è possibile optare per diverse strategie con pro e contro specifici. Alcune di queste richiedono l’utilizzo di strumenti o device fisici. Altre sfruttano esclusivamente software e software ad hoc.

Un utente deve partire dalle proprie esigenze personali per individuare la soluzione più adatta. Ad esempio l’uso di un cavo HDMI garantisce una maggiore stabilità del segnale, a fronte di evidenti limiti logistici. 

Allo stesso modo il wireless casting associato a controller bluetooth offre massima libertà di movimento. A patto però che si sia disposti ad accettare qualche problema di latenza. 

Perché collegare la TV al PC

pc collegato alla tv

Shutterstock

Rispetto ai TV Box come Apple TV o Amazon Fire TV, il collegamento del tuo PC alla televisione permette di usare qualunque servizio si preferisca. Con Apple TV, ad esempio, non si possono guardare i contenuti di Amazon Prime Video.

Con Amazon Fire TV, per moltissimo tempo non si è potuto vedere YouTube. Con una TV connessa al PC si può vedere tutto ciò che è possibile riprodurre sul PC.

Collegando PC e TV, inoltre, si possono scavalcare alcune limitazioni dei più diffusi servizi di streaming video. Ad esempio, Netflix permette di usare il servizio su un massimo di quattro dispositivi (con l'abbonamento premium), quindi se uno dei dispositivi è il PC basta collegarlo alla TV per vedere ciò che si vuole senza limiti anche sul quinto dispositivo. 

Altro vantaggio: collegando PC e televisore si può usare quest'ultimo per guardare e sentire video e musica dai siti Web che non hanno una app.

Solo collegando il PC alla TV, poi, sarà possibile vedere su quest'ultima i tuoi file multimediali archiviati sull'hard disk. 

Infine, si può giocare ai videogiochi con uno schermo molto grande, sfruttando la potenza del PC e stando comodamente seduto sul divano.

Come collegare la TV al PC con l’HDMI

hdmi

Shutterstock

Una sola parola, anzi una sigla: HDMI. Basta solo un cavo HDMI per collegare PC e TV in pochi secondi. Tutti i PC moderni hanno una uscita HDMI, come tutte le TV più recenti (anche non smart) hanno almeno un ingresso HDMI. 

Sui laptop di dimensioni inferiori, invece, è possibile trovare una porta mini HDMI, ma online si trovano per pochi euro centinaia di adattatori o cavi a doppio standard.

Una volta eseguito il collegamento fisico, si deve effettuare quello software. Alcuni driver di schede video riconoscono automaticamente l'inserimento di un cavo HDMI e replicano da soli il desktop sulla seconda uscita. 

Se la scheda video non lo fa, basta fare clic destro sul desktop ed entrare nelle impostazioni di visualizzazione del sistema operativo e impostare la seconda uscita. 

Si potrà scegliere tra "Desktop esteso" e "Clone". Nel primo caso è come se ci fosse un display più largo, dato dalla somma delle larghezze dei due schermi. Nel secondo caso, si vedrà la stessa immagine sui due dispositivi di visualizzazione.

Bisogna fare attenzione solo ad una cosa: se la risoluzione della TV è inferiore a quella dello schermo del PC, allora anche quest'ultimo verrà fatto funzionare a risoluzione ridotta impostando la modalità Clone. 

La cosa comoda di tutto ciò è che, una volta impostato il secondo schermo, si può scegliere di spegnere lo schermo principale e di usare solo la TV.

Questa impostazione viene usata ogni volta che si accende il PC e si disattiva da sola se si scollega il cavo HDMI

Come collegare la TV al PC con Chromecast

Chromecast

Cristian Storto / Shutterstock.com

Praticamente tutto quello che si può fare collegando il PC alla TV tramite un cavetto HDMI lo si può fare anche in un altro modo: usando Google Chromecast. Il dispositivo di Google, infatti, permette di inviare il mirroring (cioè il clone) del monitor alla TV alla quale è connesso. 

Molti pensano che Chromecast possa essere utilizzato solo per vedere la finestra di Chrome (o delle app compatibili) sulla TV, ma in realtà è possibile scegliere anche "Trasmetti desktop" e "Trasmetti file" per inviare al Chromecast tutta la scrivania o la riproduzione di uno specifico file multimediale.

L'unico limite di questo sistema (a parte il costo nettamente superiore) è che per scegliere queste due opzioni occorre avere lo schermo principale acceso. Il vantaggio, invece, è che non esiste il limite della lunghezza fisica del cavo HDMI perché Chromecast funziona con la rete Wi-Fi di casa.

Come collegare la TV al PC con wireless casting

pc collegato al televisore

Shutterstock

Gli utenti meno esperti non sanno che è possibile connettere il PC alla TV anche senza disporre di alcun genere di strumento o dispositivo.

Il riferimento è alle varie soluzioni wireless casting: applicazioni e programmi che sfruttano la rete per trasmettere automaticamente un contenuto PC su schermo esterno.

Il singolo software varia in base al tipo di PC o di sistema operativo. Ad esempio, i computer Windows portano in dotazione le trasmissioni wireless del browser Microsoft Edge. Allo stesso modo i MacBook utilizzano una funzione di nome AirPlay

In entrambi i casi il risultato è grosso modo il medesimo. Attenzione però: il casting wireless garantisce una trasmissione che potrebbe non risultare ottimale. Soprattutto nel caso in cui si vogliano trasmettere contenuti multimediali o addirittura videogiochi

Come controllare il PC connesso alla TV

pc connesso alla tv

Shutterstock

Dopo aver connesso il PC alla TV sorge un problema pratico: come controllare il PC se mouse e tastiera sono lontani? La risposta è semplice: tramite un mouse e una tastiera wireless che permetteranno di usare il PC a distanza e di far partire la riproduzione di qualsiasi contenuto multimediale, guardandolo però sul grande e comodo schermo della tua televisione.

In alternativa è possibile optare per le tastiere wireless con trackpad integrato. Dispositivi particolarmente comodi per due ordini di ragioni: innanzitutto sono compatti e poi non richiedono una superficie piana su cui poggiare il mouse. 

A prescindere dalla tipologia di dispositivo prediletto, tastiere, mouse e trackpad wireless si collegano alla TV attraverso il Wi-Fi o il Bluetooth

Infine, molti utenti preferiscono controllare il proprio PC connesso alla TV usando direttamente un joypad. Il joypad è il dispositivo maggiormente indicato in ambito gaming, ma non solo. È anche possibile utilizzarlo per muoversi tra cartelle e documenti, o per avviare i più svariati contenuti multimediali. 

Un utente interessato a utilizzare il joypad su un PC connesso alla TV deve innanzitutto scegliere se optare per un controller cablato o wireless.

Nel primo caso il joypad viene fisicamente connesso al PC. Questa soluzione garantisce una riduzione pressoché assoluta della latenza. Allo stesso tempo rischia di creare problemi logistici.

Il joypad wireless al contrario permette di interagire col PC e con la TV a prescindere dalla propria posizione. Per avere un’idea concreta basta ricordare che le più recenti tecnologie bluetooth garantiscono una distanza massima di più o meno 10 metri dalla fonte del segnale

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb