Lanciato sul mercato nell’ottobre del 2008, Spotify si impone tra i servizi di streaming on demand di musica, podcast e video più apprezzati e diffusi al mondo. Consente agli utenti di web di ascoltare tutta la musica che preferiscono, indipendentemente dal genere, dall’autore o dall’anno di pubblicazione, direttamente dallo smartphone, dal tablet, dal PC o da altri dispositivi.

È un servizio a cui si può accedere gratuitamente, ma che presenta anche delle funzioni avanzate che possono essere utilizzate solo a fronte della sottoscrizione di un abbonamento a pagamento. Il catalogo è estremamente ampio e la sua interfaccia è semplice ed intuitiva. 

Chi accede a Spotify può realizzare delle playlist personali, pubbliche o private, in cui inserire tutti i brani preferiti. Si possono aggiungere degli amici, seguire le loro attività sulla piattaforma, condividere tutta la musica più amata o scoprire nuovi album, podcast o artisti.

Spotify: i dispositivi con cui è compatibile

Spotify su smartphone

Fabio Principe / Shutterstock.com

Spotify è compatibile con un’ampia gamma di dispositivi e ciò consente agli utenti di ascoltare la musica che preferiscono quando vogliono e dove vogliono. Grazie alla connessione Bluetooth, ad un cavo USB o con Spotify Connect si possono sfruttare gli altoparlanti, gli assistenti vocali, Google Chromecast Audio, Apple AirPlay o si può riprodurre la musica in auto.

Per ascoltare i brani mentre si è in movimento possono essere utilizzati gli Smartwatch. L’applicazione può essere installata su Apple Watch, Fitbit, su Garmin Smartwatch, sui dispositivi indossabili Samsung e la maggior parte di quelli presenti in commercio.

Altre piattaforme utilizzabili sono le smart-tv, la PlayStation e le xBox. La piattaforma può essere installata sugli smartphone e tablet equipaggiati di sistema operativo iOS o Android. Sul personal computer si può riprodurre la musica o utilizzando Spotify Web, facendo il login da browser, o scaricando un’apposita applicazione per Microsoft.

Come iscriversi a Spotify

Spotify registrazione

David MG / Shutterstock.com

Per utilizzare Spotify occorre accedere da web o scaricare l’apposita applicazione gratuita sul dispositivo che si è scelto di utilizzare. Prima di iniziare ad ascoltare la musica è necessario creare il proprio account personale sulla piattaforma, facendo clic su Iscriviti.

Si può creare un profilo utilizzando un account Facebook o Google già esistente o inserendo le informazioni richieste dalla piattaforma. Tra queste vi sono l’indirizzo e-mail, una password da utilizzare ogni volta che si farà accesso a Spotify, il nome utente e il proprio sesso. È necessario accettare le condizioni d’uso e dimostrare di non essere un robot compiendo le azioni richieste.

L’iscrizione è gratuita e non sarà obbligatorio inserire eventuali metodi di pagamento

Spotify gratis e Spotify Premium: quale scegliere

playlist su Spotify

 TY Lim / Shutterstock.com

Spotify può essere utilizzato gratuitamente, accedendo a tutto il catalogo della piattaforma. Tuttavia, sono presenti delle limitazioni e delle condizioni. Durante la riproduzione vengono inserite delle interruzioni pubblicitarie, che a seconda del dispositivo utilizzato possono essere visive o simili-radiofoniche. Si può cambiare brano solo sei volte in un'ora e l’ascolto offline non è consentito.

Passando a Spotify Premium, che è composto da diversi piani d’abbonamento, si può scaricare la musica sul proprio profilo e ascoltarla ovunque lo si desideri anche in assenza di una connessione ad Internet. Vengono completamente rimosse le interruzioni pubblicitarie e il limite di skip tra un brano e l’altro.

Vi è un piano dedicato agli studenti iscritti all’università, dal costo di 4,99 euro al mese. Il piano Individual costa 9,99 euro al mese, il Duo, a 12,99 euro al mese e che permette l’accesso a due individui contemporaneamente purché vivano insieme e il Family, che costa 15,99 e consente l’accesso ad almeno 3 account che vivono sotto lo stesso tetto.

Per chi vuole provare i vantaggi di Spotify Premium, considerati irrinunciabili dagli appassionati di musica, esiste la possibilità di provare il piano in abbonamento gratuitamente per un intero mese e, solo dopo, decidere se proseguire con la versione gratuita o sostenendo i costi indicati.

La libreria e le playlist su Spotify

Spotify,ascoltare musica

Kaspars Grinvalds / Shutterstock.com

Su Spotify si può creare la propria libreria, in cui è possibile salvare tutto ciò che si vuole: playlist, podcast, artisti e album. Al suo interno saranno presenti tutti i brani che piacciono all’utente, che può così accedervi indipendentemente dal dispositivo utilizzato.

Si possono realizzare delle playlist, in numero illimitato, contenenti tutti i brani che si desidera inserirvi. Si possono creare in base al genere, all’artista o semplicemente ai momenti della giornata in cui si preferisce ascoltare.

Le playlist hanno un nome, una descrizione e vi si può aggiungere un’immagine di copertina. Se la foto non viene inserita dall’utente, la piattaforma realizza un collage con le immagini degli album dei brani presenti nella lista creata.

Una playlist può essere riempita autonomamente o si possono invitare altri amici, che posseggono un account Spotify, a collaborare

La playlist può essere privata, destinata ad un utilizzo esclusivamente personale, o pubblica, riproducibile anche dagli altri iscritti alla piattaforma. Spotify aiuta gli utenti a scoprire nuovi brani, suggerendo quelli che ritiene possano piacere all’utente. In base agli ascolti effettuati, creerà dei mix per genere, per decennio e per mood. 

L’utente potrà chiedere alla piattaforma di creare automaticamente delle playlist simili a quelle da lui realizzate per poter ascoltare lo stesso tipo di musica, ma con brani completamente diversi.

Spotify offline: come funziona 

Spotify in auto

Armando Oliveira / Shutterstock.com

Se si è in viaggio o in ambienti in cui la connessione ad Internet non è delle migliori, si può avvertire la necessitàdi ascoltare musica da Spotify offline. La piattaforma ha reso possibile questa opzione, ascoltando le richieste dei suoi utenti.

Per farlo è necessario essere abbonati a Spotify Premium e scaricare i brani che si vogliono ascoltare anche in assenza della connessione. Tutti i contenuti di cui è stato effettuato il download sono riproducibili in ogni momento, su smartphone, tablet e PC.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb