Trasformare il mondo della pornografia online in un posto migliore per tutti. Sia per chi usufruisce dei contenuti (gli utenti che visitano un sito porno, insomma) sia per chi di quei contenuti è regista, autore o protagonista (tutti i protagonisti che gravitano attorno al mondo del cinema a luci rosse). Da questa sorta di esigenza prende le mosse Boodigo, motore di ricerca che aiuta i suoi utenti a trovare materiale pornografico di natura "certificata".

A certificarne la qualità il fatto che ci lavorano ex ingegneri, programmatori e sviluppatori Google che hanno abbandonato il gigante delle ricerche online per affrontare una sfida a suo modo affascinante e, allo stesso tempo, rischiosa.

Il Google del porno

Esattamente come il motore di ricerca creato da Larry Page e Sergey Brin, anche il portale per le ricerche pornografiche si pone l'obiettivo di fornire all'utente il risultato che cerca.

 

Boodigo

 

Troppo spesso, ha fatto notare il patron di Boodigo Colin Rowntree, già produttore cinematografico, motori di ricerca come Google e Bing tendono ad autocensurarsi, presentando risultati poco attinenti con il mondo del porno online. Ricercando un termine sessuale si viene indirizzati su pagine di Wikipedia (dove, però, si legge dell'origine etimologica del termine) o verso riviste patinate femminili e maschili (dove trovare, al massimo, qualche consiglio su come comportarsi sotto le coperte). Il mondo della pornografia, insomma, è relegato in secondo o addirittura terzo piano, nascosto e confuso tra risultati che ben poco hanno a che fare con la ricerca originaria. A volte, inoltre, si rischia di finire su portali di pessima qualità o siti web che nascondono malware di varia natura.

Boodigo, come accennato, nasce con l'obiettivo di porre termine a tutto ciò: i risultati che saranno mostrati saranno relativi a portali porno "di qualità" e totalmente "innocui" per il computer dell'utente.
 

Anonimo e protetto

 

Cercare porno online

 

Un aspetto che dovrebbe far piacere a quegli amanti della pornografia un po' "timidi" è l'assoluta certezza che le loro ricerche e i relativi risultati resteranno completamente anonimi. Come si legge tra le informazioni di Boodigo, il portale non utilizza cookie né altre tecnologie traccianti: l'utente sarà sempre certo che le sue informazioni resteranno private e non saranno cedute a società terze. L'obiettivo, si legge sempre sulle pagine di Boodigo, è fornire un servizio utile e veloce, che permetta di trovare in breve tempo ciò che si cerca, e non costruire profili commerciali dei vari utenti. Inoltre, l'utilizzo di un secondo motore di ricerca potrà rivelarsi molto utile in futuro, quando andando a digitare qualcosa nella barra di ricerca di Google eventuali suggerimenti legati al mondo del porno non saranno piu’ visibili.

No alla pedopornografia

Un altro aspetto interessante di questo motore di ricerca dedicato al porno online è la guerra senza limiti dichiarata nei confronti della pedopornografia. Grazie alla collaborazione con l'Asacp (Association of sites advocating for child protection, associazione nata nel 1996 per evitare la diffusione della pedopornografia ), Boodigo è in grado di bloccare i portali che ospitano contenuti del genere ed evitare che siano mostrati tra i risultati della ricerca. Come più volte affermato da Rowntree, c'è la necessità di agire direttamente ed esporsi in prima persona affinché crimini del genere continuino ad essere perpetrati: per eliminare la pedopornografia, bisogna essere tutti i giorni in prima linea a combatterla.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb