Se vi stupite ogni volta che vedete un disegno realizzato con un computer per la pulizia e la precisione del tratto, tranquillizzatevi. Ciò non è avvenuto grazie all’uso di un mouse o del touchpad, ma di una tavoletta grafica. Di cosa si tratta? Di una periferica informatica, utilizzata perlopiù da disegnatori, grafici, architetti e ingegneri. Sono dotate di una superficie touch che riproduce i movimenti del “dispositivo” utilizzato per disegnare: il dito nel caso del touchpad del computer portatile, la penna grafica nel caso della tavoletta. E quando si parla di queste periferiche non si può che far riferimento a Wacom, società giapponese che con la sua linea Bamboo detiene il monopolio del settore dei graphic tablet.

 

Un particolare del Wacom Bamboo

 

Grazie ad un sistema a 1024 livelli di pressione e una risoluzione di 2540 linee per pollice, le tavolette Bamboo sono ideali per i professionisti che vogliono realizzare le loro opere a mano libera direttamente al computer. Non solo.

 

 

Con la suite di programmi in dotazione, le tavolette della Wacom possono essere utilizzate per interagire con un computer a 360°. Hanno un sistema di riconoscimento calligrafico molto avanzato, che permette di lanciare programmi o di connettersi a pagine web semplicemente scrivendo il nome sul graphic tablet, oppure possono essere usate alla stregua di un touchpad, muovendo il cursore del mouse con la punta delle dita e ancora molto altro.

 

 

Wacom, tuttavia, non è solo sinonimo di tavolette. Bamboo Stylus è una penna grafica capace di interagire con la maggior parte dei tablet in commercio. iPad in testa. Grazie all’estremità in gomma, Bamboo Stylus permette di tenere sempre sotto controllo tutte le funzionalità del tuo tablet. Grazie all’app Bamboo Paper (ora disponibile anche per Android), inoltre, avrai a disposizione funzionalità avanzatissime. Potrai prendere appunti sul tablet come se fosse un normale foglio di carta, potrai personalizzare le tue immagini semplicemente disegnandoci sopra e, soprattutto, potrai trasformare il tuo device portatile in un vero e proprio quaderno degli schizzi, grazie al quale dare sfogo alla tua vena creativa. Potrai simulare con la penna grafica un carboncino o un pennello a seconda dell’ispirazione del momento, così da trasformare il tablet in una vera e propria tela.

 

 

E se tutto ciò non dovesse bastarti, puoi dare un’occhiata ai prodotti della serie Cintiq: monitor LCD interattivi che permettono di lavorare direttamente sullo schermo senza necessità di altre periferiche.

 

4 marzo 2013

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb