login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

Quali sono le minacce informatiche da cui difendersi nel 2024

Ascolta l'articolo

Deepfake vocali e truffe su iniziative di beneficenza, quali sono i trend delle minacce informatiche in arrivo nel 2024 del report cybersicurezza di Kaspersky

minacce informatiche 2024 Shutterstock

Nel 2024 ci sono nuove minacce informatiche da cui difendersi, che arrivano anche dalla diffusione dell'intelligenza artificiale. I pericoli giungono soprattutto da deepfake vocali e truffe su iniziative di beneficenza: questi i tren delle minacce nel report Security Bulletin redatto da Kaspersky.

Non solo un pronostico per mettere in guardia gli utenti dai pericoli che corrono sul web, ma anche un modo per giocare d’anticipo e imparare a riconoscere le varie truffe online, diventate sempre più sofisticate e complesse.

Mai come quest’anno, però, il report dell’azienda riporta un dato preoccupante: a dominare i futuri attacchi dei criminali informatici saranno tecnologie sempre più avanzate che riescono a far leva sui trend del momento cogliendo di sorpresa gli utenti meno accorti. Scopriamo di più al riguardo.

Le minacce informatiche in arrivo nel 2024

Tra le principali minacce in arrivo nel 2024, quelle relative alle iniziative di beneficenza, dovute essenzialmente all’attuale situazione geo-politica sempre più complessa.

Secondo le Nazioni Unite, il 2023 è stato un anno particolarmente complicato per l’umanità, con un numero di conflitti armati mai così elevato dalla Seconda Guerra Mondiale. 

Questa situazione unita alla “coda pandemica” che ancora stiamo vivendo, ha creato le condizioni ideali per il proliferare di truffe in tema di beneficenza che avranno un impatto fortissimo sulla cyber security nel 2024.

Altri dati significativi riguardano i giochi P2E (Play to Earn) che permettono ai giocatori di essere pagati in Bitcoin per i risultati raggiunti in-game. 

Data, quindi, la “facilità” di guadagno e i grandissimi investimenti in questo settore, è chiaro che può rappresentare una grande occasione per i cyber criminali.

Un’altra delle tendenze in aumento è quella che riguarda la crescente diffusione dei deepfake audio, grazie anche all’arrivo della nuova API di OpenAI, Text-to-Speech, in grado di generare una voce umana decisamente convincente.

Anche in questo caso è evidente come la tecnologia stia dando una grande mano ai cyber criminali, fornendo loro strumenti avanzati specializzati nella creazione di voci artificiali decisamente credibili.

 Infine, l’ultima minaccia più preoccupante per il 2024 è quella legata alle nuove uscite cinematografiche e quelle legate al mondo dell’intrattenimento videoludico.

Film attesissimi come “Dune: Parte 2”, “Deadpool 3”, “Joker Folie a Deaux”, “Il Gladiatore 2” e i nuovi capitoli di “Avatar”, offrono l’input perfetto per pubblicare siti dove guardare in anteprima questi film, finendo naturalmente nella rete dei cyber criminali.

Allo stesso modo anche il mondo dei videogiochi diventa terreno fertile per le truffe informatiche e titoli come GTA VI (in arrivo su PS5, Xbox e Computer) potrebbe favorire il proliferare di “offerte vantaggiose” per truffare gli utenti in cerca solamente del loro gioco preferito.

Cosa cambia per gli utenti

Naturalmente, con il nuovo anno in tema di sicurezza informatica non cambierà nulla per gli utenti che, come sempre, dovranno prestare la massima attenzione quando navigano in rete, cercando di sfuggire alle trappole sempre più sofisticate dei criminali informatici.

Allo stesso tempo, grazie alle nuove tecnologie, i pericoli saranno sempre maggiori e sempre più credibili, al punto da diventare estremamente difficili da riconoscere.

A fronte di questo gli esperti prevedono anche una crescita globale per le VPN che, come ben noto, costituiscono dei canali sicuri per muoversi in rete senza pericoli.

Chiaramente, gli strumenti per difendersi ci sono e possono essere utilizzati facilmente da chiunque. Tuttavia è sempre bene ricordare che la prima cosa per navigare in maniera sicura è una buona dose di spirito critico e l’accortezza di non fornire in nessun caso dati o informazioni personali.

A cura di Cultur-e
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa