Con il 5G potremo scambiare file di grandi dimensioni per lavoro o per svago. Potremo giocare online con una grafica di alto livello e tempi di risposta brevissimi. Con ogni probabilità, inizieremo a vedere le prime auto a guida realmente autonoma. Tutto questo, e molto altro, sarà possibile proprio grazie a questo nuovo standard di connettività.

La tecnologia 5G non avrà a che fare soltanto con gli spostamenti, l’intrattenimento o il tempo libero. Lo sviluppo di una rete mobile sempre più veloce e performante promette di rivoluzionare anche settori di vitale importanza: uno su tutti quello sanitario

Da qualche tempo a questa parte si parla con insistenza del 5G applicato alla telemedicina: una parola che aiuta a capire solo in parte le possibili applicazioni del 5G in ambito sanitario. Il nuovo standard promette di rivoluzionare tanto il mondo dell’assistenza a distanza quanto quello della gestione delle emergenze

Grazie alla connettività ultra-veloce, il paziente verrà seguito molto più da vicino anche nel cosiddetto “ambiente pre-ospedaliero”.

Questo vuol dire monitoraggio da casa, ma anche a bordo di un’ambulanza. Insomma, le linee tecnologiche operative che potrebbero beneficiare di una diffusione ogni giorno più capillare del 5G sono molteplici.

In questa sede si analizzeranno proprio alcune tra le pratiche sanitarie che potrebbero cambiare in maniera più radicale. Un modo utile per capire cos’è la telemedicina e come potrà aiutare tantissime persone in difficoltà. 

5G salute: la diagnostica remota continua

medico al lavoro su computer e diagnostica per immagini

Prevenire è meglio che curare e “prevenzione”, in sanità, vuol dire soprattutto monitoraggio dei parametri di salute del paziente. Un passaggio fondamentale per individuare eventuali segnali sospetti: segnali che potrebbero indicare l’insorgere di una qualsiasi problematica, più o meno grave. 

Ad esempio, riscontrare una glicemia troppo alta può aiutare a gestire per tempo un possibile inizio di diabete. Allo stesso modo, una pressione arteriosa troppo elevata può portare nel lungo periodo a episodi di infarto. E, ancora, un'aritmia cardiaca può essere sintomo di un vicino scompenso cardiaco. 

Ebbene, il 5G permette di migliorare in maniera radicale tantissimi controlli in linea con quelli di cui sopra. I più recenti dispositivi smart permettono infatti già al giorno d’oggi di monitorare quotidianamente tantissimi parametri differenti.

La rete 5G promette una velocità di trasmissione dati fino a 100 volte superiore, con tempi di latenza ridotti quasi allo zero.

Una nuova connettività permetterà però di mantenere i dispositivi smart costantemente collegati a internet. Questo potrebbe voler dire invio in tempo reale di tutti i dati elaborati, in maniera tale che vengano immediatamente visionati da personale medico preparato. 

Il 5G permetterà dunque di sviluppare via vai di informazioni senza precedenti. Vuoi per la capacità di trasmissione dati fino a 100 volte superiore rispetto allo standard 4G LTE. Vuoi per la riduzione quasi a zero della latenza: quell’intervallo di tempo che passa tra quando l’utente invia il proprio messaggio e il momento in cui il messaggio viene ricevuto da un ricevitore. 

A ciò si aggiunga che le reti 5G saranno in grado di supportare quasi un milione di dispositivi collegati ogni 10 metri quadri e che l’intelligenza artificiale sarà addirittura in grado di dare priorità alla telemedicina e, più in generale, alle comunicazioni urgenti.

5G salute: realtà aumentata e chirurgia robotizzata

chirurgo

Un’immagine che aiuta a capire cos’è la telemedicina è quella legata al chirurgo in grado di operare a distanza. Uno scenario apparentemente fantascientifico, che però, grazie allo sviluppo della connessione 5G, sarà tecnicamente possibile. 

Anzi, è già stato possibile. Un recente esperimento ha infatti permesso a un chirurgo di portare a termine con successo un’operazione simulata di laringectomia parziale. Un’operazione portata avanti controllando un braccio meccanico, che agiva a ben 14 chilometri di distanza dalle mani del medico in questione. 

Affinché un medico possa operare a distanza, è necessario usare strumenti simili a quelli oggi utilizzati per le applicazioni di realtà aumentata e virtuale. 

Ciò vuol dire innanzitutto indossare visori ad alta definizione, per vedere il paziente proprio come se fosse nella stanza in cui ci si trova. Dopodiché vuol dire ricorrere a un controller wireless, per comandare il braccio virtuale robotizzato che si occuperà fisicamente dell’operazione.

In entrambi i casi si parla di tecnologie e dispositivi già esistenti che potranno contare su una connessione ultraveloce, in grado di gestire grandissime quantità di dati senza alcun tipo di problema o intoppo. 

5G salute: l'ospedale smart

medico e paziente in videochiamata

Il 5G e la telemedicina non faranno chiudere gli ospedali, ma li renderanno sicuramente più smart, già a partire dal trasporto del paziente.

Una ricerca del National Center for Biotechnology Information ha mostrato quanto siano drammatici i dati relativi ai viaggi in ambulanza in caso di trasporto di paziente critico. Un’analisi effettuata sugli spostamenti di casi di ictus acuto e infarto cardiaco ha infatti dimostrato come un viaggio su tre richieda più dei 15 minuti previsti dai protocolli. 

Lo sviluppo del 5G può apportare migliorie significative innanzitutto in termini di riduzione del tempo di attesa una volta segnalata l’emergenza.

Ma anche in termini di gestione e monitoraggio del paziente durante il viaggio. Due campi che potrebbero portare a una riduzione importantissima del tasso di mortalità a bordo.

Il 5G promette però di ottimizzare anche la gestione degli ospedali: una rivoluzione che, con ogni probabilità, riguarderà tanto i cittadini quanto i professionisti del settore sanitario.

Una nuova banda ultra-veloce permetterà infatti di organizzare al meglio i databaseinterni, ma anche di mantenere un contatto a distanza, sia con i pazienti che con il personale medico.

Grazie a fibra ottica e connessione veloce 5G, infine, i medici di ospedali lontani potranno scambiarsi pareri su specifici casi clinici, inviandosi file video e immagini ad altissima risoluzione.

Per saperne di più: La tecnologia del domani, il 5G

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb