Il giornalista di Bloomberg Mark Gurman ne è convinto: Apple è al lavoro per la realizzazione di Mac dotati di schermo touch. Più precisamente sarebbe pronta a rendere touchscreen i MacBook Pro con display OLED in uscita nel 2025

Secondo alcuni si tratta di una piccola grande rivoluzione, che permetterà per la prima volta agli utenti appassionati della “mela” e interessati al touchscreen, di acquistare un vero e proprio notebook. Altri analisti sostengono invece che il MacBook con schermo touch vada analizzato come risposta al fallimento della Touch Bar: il display Retina touchscreen montato sopra le tastiere di determinati modelli di Mac tra il 2016 e il 2021

Inversione di tendenza

Il lancio di un MacBook con touchscreen rappresenterebbe una vera e propria inversione di tendenza rispetto a idee che sembravano consolidate. Per anni l’azienda fondata da Steve Jobs aveva respinto nettamente l’idea di integrare i suoi Mac con funzioni touch. 

Lo stesso Jobs, in un celebre intervento del 2010, aveva espresso dubbi in merito al touchscreen per laptop. La sua paura in tal senso si legava soprattutto allo sforzo richiesto agli utenti chiamati a tenere le braccia alzate per raggiungere lo schermo con le dita. Circa dieci anni il senior vice president dell’Hardware Engineering Apple John Ternus aveva rincarato la dose, sottolineando come il Mac fosse totalmente ottimizzato per l’input diretto

Il dato di realtà inequivocabile è che ad oggi i principali produttori internazionali di computer hanno sul mercato modelli con touchscreen: da HP a Samsung, da Microsoft a Dell, da Asus a Lenovo. Difficile dunque pensare che Apple possa rinunciare ancora a lungo a entrare in questa fetta del mercato

Design, funzioni e novità dei MacBook touchscreen

Dal punto di vista del design il MacBook dovrebbe mantenere inalterata la forma che gli utenti conoscono: il laptop sarà quindi dotato di tastiera e trackpad. In aggiunta il display dovrebbe però essere dotato dello stesso supporto per l’input tattile che oggi caratterizza gli iPhone e gli iPad

Anche dal punto di vista del sistema operativo non sono attese novità sostanziali. Secondo Bloomberg Apple dovrebbe continuare a puntare su macOS. Anche perché i Mac già ospitano migliaia di app pronte per una fruizione tattile.

Nel 2020 il sistema operativo Big Sur e l’utilizzo dei chip ARM hanno reso possibile ilpassaggio su macOS delle app mobile realizzate per sistema operativo iOS. Queste app però sono sono state pensate per il touchscreen degli iPhone e dunque non funzionano al meglio né con magic mouse, né tanto meno con trackpad

Una novità tecnica sostanziale potrebbe riguardare l’uso di nuovi schermi proprietari a microLED. Gli stessi che saranno montato su Watch Ultra nel 2024 e sui modelli di iPhone, iPad e Mac successivi. Infine Apple sembra intenzionata a raggiungere il pieno controllo tanto dei software quanto dell'hardware dei suoi dispositivi. Per questo si ipotizza che l’azienda punti a sostituire i chip wireless realizzati da Qualcomm e Broadcom.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb