Fastweb

Blockchain, le applicazioni oltre i Bitcoin

Sarahah Smartphone & Gadget #sarahah #privacy Sarahah non è così anonima come sembra: copia di nascosto la rubrica Un ricercato statunitense scopre che l'app dell'onestà non è così discreta come sembrerebbe. I contatti telefonici ed email trasferiti sui server
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Blockchain, le applicazioni oltre i Bitcoin FASTWEB S.p.A.
Blockchain
Web & Digital
Ideata da Satoshi Nakamoto, papà di Bitcoin, la Blockchain è una tecnologia che permette di certificare in maniera indipendente una transazione. Di qualunque genere

I contratti, le transazioni e le loro registrazioni sono tre delle strutture fondanti la nostra economia e il modello economico-politico-sociale che si è affermato nel corso dei secoli. Permettono di stabilire e verificare identità e avvenimenti; governano e regolano le interazioni tra nazioni, aziende o singoli cittadini; guidano l'azione sociale e manageriale. Lo sviluppo dell'economia digitale li ha però messi in crisi: le trasformazioni legate a un modello economico-sociale più veloce e meno mediato ha messo di fatto in discussione tutti gli apparati – economici, politici e burocratici – che costituivano la "struttura d'appoggio" del modello stesso.

La tecnologia Blockchain promette di poter risolvere questo problema. Legata – almeno fino a questo momento – al funzionamento e alla distribuzione dei Bitcoin e delle altre criptovalute, la Blockchain ci dà modo di immaginare un mondo nel quale contratti e transazioni siano creati e conservati in maniera trasparente all'interno di database pubblici e condivisi. Qui, contratti, transazioni e registrazioni sono protetti da modifiche e revisioni "a posteriori", da tentativi di cancellazione e alterazione di qualunque tipo.

 

Blockchain

 

Che cos'è la tecnologia Blockchain

L'esistenza dei Bitcoin come una moneta digitale decentralizzata è resa possibile dall'esistenza di quella che è nota come tecnologia Blockchain, una sorta di libro mastro pubblico nel quale sono registrate e verificate automaticamente e in maniera sicura un gran numero di transazioni. La Blockchain, in particolare, è un database crittografato e distribuito, condiviso tra migliaia di nodi o computer facenti parte di uno stesso sistema o di una stessa rete.

Ogni operazione che avviene all'interno di questo sistema o di questa rete – la creazione di un nuovo contratto, la cessione di un contratto da un utente a un altro, la rescissione e cessazione di un contratto – viene automaticamente registrata nel libro mastro, così che ogni utente può prenderne visione e risalire alle transazioni precedenti. In una struttura del genere, fortemente basata su rapporti peer-to-peer, il ruolo di intermediari come avvocati, notai, banchieri o broker non è più necessario: la trascrizione, la convalida e la "certificazione" delle transazioni è effettuata in maniera diretta dalla blockchain e dai suoi nodi.

Quali i vantaggi della Blockchain

Così come è strutturata, la Blockchain garantisce un livello di sicurezza superiore a qualunque altro metodo di registrazione e archiviazione oggi testato. Essendo basata su un database crittografato e pubblicamente accessibili, chiunque può decidere di controllare in qualunque momento quale sia lo stato della "catena". Non solo: può anche decidere di fare il percorso a ritroso, controllando lo "storico" delle transazioni partendo da un punto specifico della catena stessa. Le transazioni registrate, infine, non sono modificabili arbitrariamente e restano registrate sino a quando la blockchain sarà attiva. Insomma, un elevato livello di sicurezza per ogni tipologia di transazione, non necessariamente legata al mondo delle criptovalute.

 

Blockchain e Bitcoin

 

Quali le applicazioni della Blockchain oltre le criptomonete

Per come è strutturata, infatti, la Blockchain sta attirando le attenzioni dei settori industriali ed economici più disparati.

  • Catene di distribuzione. La gestione della supply chain (o catena di distribuzione che dir si voglia) è uno di quei settori nei quali la blockchain può portare i vantaggi maggiori e più immediati. Ogni volta che un prodotto cambierà "proprietario" (dal produttore al distributore, dal distributore al rivenditore, dal rivenditore al cliente e così via), la transazione sarà registrata automaticamente all'interno della blockchain. Ciò permette di ridurre i costi di gestione della catena di distribuzione ed eliminare ogni possibilità di errore umano. Non solo: grazie alla crittografia, sarà di fatto impossibile modificare lo stato di uno degli elementi della "catena", garantendo così maggior sicurezza negli spostamenti e nelle transazioni
  • Sistemi bancari. Nata per lo scambio di criptovalute, la Blockchain può trovare – e inizia già a trovare – applicazione all'interno del mondo bancario. Secondo alcune valutazioni, affidare la registrazione e la verifica di contratti e transazioni alla Blockchain anziché a dipendenti in carne e ossa, permetterebbe di risparmiare fino a 20 miliardi di dollari l'anno, garantendo allo stesso tempo un livello di sicurezza più elevato rispetto al metodo "classico"
  • Elezioni. Anche lo sviluppo e la diffusione del voto elettronico potrebbero giovare da un diffuso utilizzo della Blockchain. La sua struttura e il suo funzionamento, infatti, permetterebbero l'identificazione univoca del votante e la certezza che il voto elettronico, una volta espresso, non possa essere modificato né cancellato

 

Blockchain

 

  • Musica online. Diverse etichette musicali e artisti indipendenti iniziano a guardare con interesse alla Blockchain nell'ottica di garantire condizioni più giuste ed eque per quel che riguarda lo srteaming online di musica e altri contenuti multimediali. La Blockchain, infatti, garantisce che la distribuzione dei contenuti avvenga in maniera unica e univoca, evitando il fenomeno del file sharing e garantendo agli artisti pagamenti diretti e senza intermediari
  • Cybersecurity. Un'adozione più ampia della Blockchain, infine, può garantire un miglioramento sensibile nell'ambito della sicurezza informatica. La crittografia, ad esempio, assicura che le informazioni scambiate tra due o più utenti non possano essere modificate né intercettate (o, per meglio dire, anche se intercettate non possono essere "lette"). Ciò ridurrebbe lo spazio di manovra degli hacker e garantirebbe maggior sicurezza a ogni livello
  • Sicurezza dei dispositivi Internet of Things. Secondo alcuni ricercatori dell'Università di Portsmouth, nel Regno Unito, ritengono che l'applicazione della blockchain al mondo dei dispositivi connessi dell'Internet of Things potrebbe garantire sia la privacy degli utenti, sia la sicurezza informatica dei dispositivi stessi. In questo modo, sostengono gli studiosi dell'università britannica, sarebbe possibile evitare che si formino immense botnet di dispositivi smart e che si ripetano attacchi DDoS di grandissime dimensioni sullo stile di Mirai. Il "trucco" in questo caso sta in un elemento della blockchain chiamato oracolo, da modificare e adattare alle esigenze dei dispositivi IoT. Pythia – questo il nome dato "all'oracolo modificato" – agirebbe da intermediario tra la telecamera di sicurezza o il termostato smart (tanto per fare due esempi) e la blockchain stessa. L'intermediario, in particolare, garantirebbe per la sicurezza del dispositivo, permettendone, così, l'ingresso nella blockchain e rendendolo immediatamente identificabile in caso di rischi o vulnerabilità

 

16 settembre 2017

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #blockchain #sicurezza informatica #bitcoin

© Fastweb SpA 2017 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.