Zoom

Zoom, arriva la crittografia end-to-end

Disponibile per Mac, PC, iOS e Android, per una maggiore privacy nelle conversazioni di lavoro
Zoom, arriva la crittografia end-to-end FASTWEB S.p.A.

È finalmente arrivata su Zoom la tanto richiesta crittografia end-to-end, che consente agli utenti gratuiti e a pagamento di proteggere le proprie riunioni in modo che solo i partecipanti possano accedere ai propri contenuti. Zoom afferma che la crittografia end-to-end è supportata sulle sue app Mac, PC, iOS e Android, così come Zoom Rooms, ma non sul suo client web o client di terze parti che utilizzano Zoom SDK.

La crittografia end-to-end è stata lanciata in "anteprima tecnica", il che significa che Zoom chiederà feedback sulla funzionalità per i prossimi 30 giorni. Tuttavia, la società afferma che la funzione continuerà a essere disponibile dopo questo periodo. Le istruzioni su come attivarla sono disponibili nel centro assistenza di Zoom.

Zoom aveva precedentemente offerto la crittografia per le sue chiamate, ma i dati venivano crittografati solo tra ciascun partecipante alla riunione e i server di Zoom, piuttosto che essere crittografati end-to-end tra i partecipanti. Una volta abilitata, sarà possibile controllare che Zoom stia effettivamente utilizzando il tipo di crittografia più sicuro se si visualizza uno scudo verde in alto a sinistra della finestra di una riunione. Lo scudo mostrerà un lucchetto, anziché un segno di spunta, se la riunione è crittografata end-to-end.

Sebbene le riunioni crittografate siano più sicure, non funzionano con alcune delle funzionalità di Zoom. Queste includono la registrazione nel cloud, la trascrizione dal vivo, i sondaggi, le reazioni alle riunioni e le funzionalità di partecipazione prima dell'host. Inoltre, i partecipanti non potranno partecipare utilizzando " dispositivi SIP / H.323, configurazioni locali o client Lync / Skype", poiché Zoom afferma che questi non possono essere crittografati end-to-end.

Le riunioni crittografate di Zoom supportano un massimo di 200 partecipanti. Ciò non influirà sugli utenti sui piani Basic o Pro di Zoom, che raggiungono un massimo di 100 partecipanti, ma potrebbe essere un problema per gli abbonati Business o Enterprise che invece possono ospitare fino a 300 o 500 partecipanti.

La crittografia end-to-end è disponibile sia per gli utenti gratuiti che per quelli a pagamento, ma Zoom afferma che gli account gratuiti dovranno verificare il proprio numero di telefono tramite SMS e necessitano anche di un'opzione di fatturazione valida associata al proprio account. Inizialmente Zoom ha affermato che la crittografia end-to-end non sarebbe stata disponibile per gli utenti gratuiti per impedire che il servizio fosse utilizzato per attività illegali, ma la società ha rapidamente fatto marcia indietro e ha annunciato che sarebbe stato disponibile per tutti alla fine del mese.

Questo lancio iniziale è solo la prima delle quattro fasi che Zoom sta pianificando per la sua offerta di crittografia end-to-end. La fase successiva, che dovrebbe includere una migliore gestione delle identità e il supporto per il Single Sign-On, è attualmente pianificata per il lancio il prossimo anno.

Fonte: theverge.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail