MessageMe

Yahoo!, Google e Facebook puntano al mercato della app per la chat

Sunnyvale compra MessageMe, Big G testa un'applicazione di messaggistica in India e Fb sperimenta un sistema di pagamento mobile
Yahoo!, Google e Facebook puntano al mercato della app per la chat FASTWEB S.p.A.

Le app per la chat nel mirino dei colossi del web. Yahoo!, dopo le voci di interesse su Snapchat e l’acquisto di Blink, ha comprato la società MessageMe. Google starebbe testando in India un servizio in stile WhatsApp. E proprio su Messenger potrebbe arrivare un sistema di pagamenti mobile per inviare denaro ai propri contatti.

Con l'acquisizione di MessageMe Yahoo! punta a sviluppare un suo servizio mobile di messaggeria istantanea. La società rilevata, che secondo gli analisti ha un valore di circa 12 milioni di dollari, nelle prossime settimane chiuderà la sua app, che conta 5 milioni di utenti. Nei giorno scorsi, secondo il Wall Street Journal, la Sunnyvale aveva tentato di investire in Snapchat. Secondo alcune voci sarebbe ancora interessata ad investirci 20 milioni di dollari.

Secondo il quotidiano finanziario indiano Economic Times, Big G avrebbe cominciato a testare un servizio di messaggeria istantanea simile a WhatsApp in India e in altri paesi emergenti. Il lancio potrebbe avvenire a inizio 2015 in concomitanza con la presentazione di Android One.

Facebook, proprietaria di WhatsApp, non sta a guardare. Secondo il sito TechCrunch potrebbe arrivare in futuro un sistema di pagamenti mobile legato all’app Messenger, i cui utenti, insieme ai messaggini, presto potrebbero scambiarsi anche denaro. Tutto sarebbe dovuto rimanere segreto e invece uno studente e sviluppatore della Stanford University, Andrew Aude, è riuscito a fare breccia nel sistema e a svelare i progetti futuri. Il sistema, come si vede da alcuni screenshot diffusi da Aude, permetterà di spostare il denaro (attraverso bancomat) nello stesso modo in cui si invia una foto. Gli utenti potranno aggiungere i dati di bancomat o usare quelle già registrate su Facebook. 

Secondo Aude il sistema permette solo l'uso di carte di debito (e non di credito), che prevedono un processo di pagamento più semplice e meno costoso e non necessitano di approvazioni ulteriori da parte delle banche. La nuova applicazione di Facebook entrerà in diretta competizione con sistemi come Venmo, PayPal, Square Cash e tutte le altre app di pagamento peer-to-peer. 

6 ottobre 2014

La Redazione
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail