Yahoo! chiede aiuto alle Università per migliorare gli algoritmi che propongono contenuti

Yahoo! chiede aiuto alle Università per migliorare gli algoritmi che propongono contenuti

L'azienda della Ceo Marissa Mayer ha offerto gratuitamente 13.500 GB che contengono 110 miliardi di interazioni compiute sui siti di Yahoo! da 20 milioni di utenti
Yahoo! chiede aiuto alle Università per migliorare gli algoritmi che propongono contenuti FASTWEB S.p.A.

Yahoo! pessa alle Università di tutto il mondo e offre gratuitamente la mole più ingente di dati mai messa a disposizione. Si tratta di 13.500 GB che contengono, in forma anonima, 110 miliardi di interazioni compiute sui siti di Yahoo! da 20 milioni di utenti tra febbraio e maggio 2015.

L'obiettivo di Sunnyvale è dare impulso alla ricerca, aiutando gli studiosi a migliorare gli algoritmi legati all'apprendimento automatico, una delle aree dell'intelligenza artificiale. Tra questi algoritmi sono presenti anche quelli che mostrano e suggeriscono agli utenti i contenuti web giudicati più rilevanti per loro.

I dati forniti da Yahoo!, così, contengono sia titoli, sommari e frasi chiave degli articoli letti dagli utenti sulla homepage della compagnia e sui suoi siti specializzati come Sport e Finanza, sia informazioni su età, sesso, area geografica degli internauti, orari di connessione e dispositivi usati. Gli algoritmi che cercano di capire cosa i fruitori dei servizi vogliono sono fondamentali.

15 gennaio 2016

La Redazione
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail