WhatsApp, la bufala del messaggio siamo tutti Parigi

WhatsApp, la bufala del messaggio siamo tutti Parigi

Il testo, che circola anche in Italia, avverte di non aprire le mail con oggetto "on est tous Paris" perché conterrebbe un virus che manda in tilt il computer
WhatsApp, la bufala del messaggio siamo tutti Parigi FASTWEB S.p.A.

Una nuova bufala corre su WhatsApp e sfrutta il clima di tensione creato dagli attentati terroristici di Parigi. Il messaggio, che circola anche in Italia, avverte di non aprire le mail con oggetto "on est tous Paris" ("Siamo tutti Parigi") perché conterrebbe un virus che manda in tilt il computer. A farlo sapere l'account Facebook di Una vita da social, la campagna educativa itinerante della Polizia di Stato e del ministero dell'Istruzione.

"Il messaggio circola su Whatshapp da qualche ora ma in realtà si tratta di una bufala", si legge sull'account Facebook di "Una vita da social". "Sempre secondo questa bufala - prosegue il post - è lo stesso ministro della difesa francese che manda questo messaggio. Assolutamente falso. Lo stesso messaggio era già circolato a gennaio dopo l'attentato a Parigi. Tuttavia vi invitiamo a prestare attenzione e a non cliccare su nessun link".

Gli hacker sono soliti sfruttare i grandi eventi mediatici per veicolare nuovi virus. Anche se la mail "on est tous Paris" non esiste, link dannosi potrebbero comunque circolare in altre forme, sfruttando il clamore mediatico intorno agli attacchi di Parigi.

17 novembre 2015

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail