L'intelligenza artificiale di Google ha battuto l'uomo

Un programma sviluppato da DeepMind ha vinto contro il campione europeo di Go

L'intelligenza artificiale di Google è riuscita a battere 5 volte a 0 Fan Hui, il campione europeo del gioco da tavolo cinese
Un programma sviluppato da DeepMind ha vinto contro il campione europeo di Go FASTWEB S.p.A.

Dopo 20 anni di studi l'intelligenza artificiale è riuscita a battere (5 volte a 0) un campione di Go, gioco da tavolo cinese inventato 2500 anni fa. A vincere contro Fan Hui, il più forte giocatore europeo, è stato AlphaGo, programma sviluppato da DeepMind (impresa britannica che si occupa di macchine intelligenti, inglobata da Google nel 2014). La partita si è svolta nell'ottobre del 2015 ma i risultati sono stati pubblicati solo il 27 gennaio sulla rivista scientifica Nature.

Secondo lo scienziato informatico canadese Jonathan Schaffer, gli esiti ottenuti sono ancora lontani dall'eguagliare Deep Blue, il computer di IBM che nel 1997 ha vinto contro il campione di scacchi Garry Kasparov. Schaffer ha infatti dichiarato alla rivista di considerare AlphaGo come un bimbo prodigio che ha imparato a giocare bene e velocemente a Go, ma che non ha esperienza, requisito fondamentale per gli scacchi o la dama.

Per la rivista Technology Review del MIT invece quello ottenuto è un risultato "brillante e sorprendente" nell'ottica della costruzione di una intelligenza artificiale più vicina alll'intuizione umana. Infatti AlphaGo è un sistema che ha imparato le migliori mosse possibili attraverso un algoritmo di assimilazione generico. Questo ha alla base due reti neurali che sfruttano la tecnologia di apprendimento automatico (deep learning) che si ispira all'azione dei neuroni umani. Una rete riesce a intuire il passo successivo del rivale, l'altra è in grado di prevedere tutte le possibili risoluzioni della partita in base alle diverse disposizioni delle pedine sulla scacchiera di Go, il goban.

Inoltre in questo gioco ci sono molte più mosse potenziali rispetto alla dama e agli scacchi, quindi l'impresa non era per nulla facile. Go, infatti, prevede che i due concorrenti piazzino, alternativamente, le loro pedine bianche e nere su una griglia composta da 19 linee verticali e 19 orizzontali. Lo scopo ultimo è circondare i pezzi dell'avversario, evitando di finire nella rete.

1 febbraio 2016

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail