Fastweb

Ue, maximulta da 13 miliardi di euro a Apple

mac pro 2019 Smartphone & Gadget #mac pro #apple Mac Pro 2019, caratteristiche e prezzo Alla convention dedicata agli sviluppatori, Apple ha presentato il nuovo Mac Pro accompagnato dallo schermo Pro Display XDR da 32 pollici. Scopriamoli insieme
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Ue, maximulta da 13 miliardi di euro a Apple FASTWEB S.p.A.
Ue, stanga Apple. Cupertino e Irlanda annunciano ricorsi
Web & Digital
Secondo l'Antitrust europeo la Mela non avrebbe pagato tasse per 13 miliardi di euro grazie ad apposite agevolazioni fiscali

Se dovesse venire confermata, ben presto Apple sarà più povera di 13 miliardi di euro. È infatti questa la somma chiesta dall'Antitrust europeo nei confronti di Cupertino. Intanto l'Irlanda, presa in mezzo, fa sapere che ricorrerà in appello contro la sentenza, mentre Apple, in una nota, dichiara che la decisione "avrà profonde conseguenze sugli investimenti e posti di lavoro in Europa".

Irlanda e Apple non sono d'accordo

"Mai chiesto e ricevuto un trattamento speciale per la nostra sede in Irlanda", ha tuonato Tim Cook, amministratore delegato di Apple. "La Ue punta a riscrivere la storia di Apple in Europa, ignorare le leggi fiscali dell'Irlanda e rovesciare il sistema fiscale internazionale", prosegue Cupertino. È stato invece il ministro delle Finanze irlandese, Michael Noonan, a spiegare come "tale decisione non lasci altra scelta che cercare l'appoggio del governo per fare appello davanti alla Corte europea". 

I benefici fiscali

L'Antitrust Ue contesta all'Irlanda di aver garantito ad Apple benefici fiscali illegali pari a 13 miliardi di euro. Da qui la multa monstre richiesta a Cupertino. Secondo la commissione europea, l'accordo fiscale con l'Irlanda, avrebbe permesso a Cupertino di pagare imposte di appena l'1% sui profitti Ue dal 2013, scese addirittura allo 0,005% nel 2014. Ecco che la Commissione Ue ora può chiedere di recuperare aiuti di stato illegali per un periodo di 10 anni retroattivo a partire dalla prima richiesta di informazioni inviata alla Apple, che è avvenuta nel 2013. "Questa non si tratta di una multa ma sono tasse non pagate, è una differenza molto importante. Personalmente mi sarei sentita in dovere di dare una seconda occhiata alla mia fattura fiscale se le mie tasse fossero scese allo 0,005%", ha commentato ha aggiunto la responsabile dell'Antitrust Ue.

Il ricorso di Cupertino

"Sono convinto che il giudizio sarà rovesciato", ha dichiarato alla radio irlandese Rte il numero uno di Apple, Tim Cook. Una dichiarazione arrivata a ridosso della decisione Ue di condannare Apple al pagamento di 13 miliardi di tasse arretrate. "Non abbiamo fatto niente di male e il governo irlandese non ha fatto niente di male", ha aggiunto Cook. Da qui la sensazione che si possa presto giungere a un esito positivo della sentenza.

30 agosto 2016 (aggiornato l'1 settembre 2016)

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #apple #tim cook

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.