Il 2016, l'anno dello spam

Tutti i dati relativi alle email spam inviate nel 2016

Nell'anno appena passato sono state migliaia le email inviate con messaggi ingannevoli e dannosi. Ecco il report di Kaspersky Lab
Tutti i dati relativi alle email spam inviate nel 2016 FASTWEB S.p.A.

"Il 2016 ha visto molti cambiamenti nei flussi di spam, tra cui il più significativo è stato l'aumento del numero di email di massa dannose contenenti ransomware. Un uso così esteso di ransomware potrebbe essere dovuto alla disponibilità di questo tipo di malware sul mercato nero. Inoltre è improbabile che la quantità di spam nocivo diminuirà nel 2017". A dirlo è Darya Gudkova, Spam Analist Expert di Kaspersky Lab che ha recentemente presentato il report sullo spam e phishing nel 2016.

Email spam

Ma quali sono i dati che emergono dalla ricerca? Partiamo dai phisher che hanno sfruttato al meglio l'evento del 2016 di maggior rilievo: le Olimpiadi di Rio. Ma lo spam nocivo non ha risparmiato nemmeno gli Europei di calcio e i futuri Mondiali pallonari del 2018 e 2022. In particolare gli spammer hanno inviato false notifiche relative a biglietti vincenti della lotteria che riguardavano proprio questi eventi. Una lotteria fittizia – ovvio – gestita da un'apparente organizzazione ufficiale legata a questi eventi. Le email includevano allegati al cui interno si trovavano virus di ogni tipo.

Non solo eventi sportivi nel mirino degli spammer che hanno inoltre utilizzato il tema del terrorismo per insinuarsi nei computer delle loro vittime. Molti messaggi di posta elettronica parlavano infatti di persone provenienti dalla Nigeria che avevano bisogno di una mano per fuggire dal Paese dilaniato dalla guerra portato avanti dagli estremisti islamici di Boko Haram.

Infine come non parlare dell'aumento nel 2016 delle pubblicità spam, diventate molto diffuse tra le piccole e medie imprese in Cina. Il testo tipico di questi messaggi solitamente iniziava con un saluto impersonale al mittente, seguito da nome e cognome di un manager dell'azienda. Poi si descrivevano le virtuosità dell'azienda e si invitava l'utente a comprare prodotti o far visita al sito commerciale della stessa.

Il ransomware è protagonista

Ma se i messaggi spam hanno avuto la parte del leone, nel 2016 non è stato da meno il flusso di numerosi ransomware. I leader indiscussi dello spam sono stati i Trojan downloader, mentre il metodo più diffuso è stato l'invio di email di massa per infettare computer degli utenti con l'encryptor Locky. Tra gli altri ransomware usati anche Petya, Cryakl e Shade.

20 febbraio 2017

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail