Magazzino Amazon

Truffe Amazon, come difendersi

Puņ capitare che nella community di venditori del marketplace si nascondano personaggi poco affidabili. Ecco come riconoscerli
Truffe Amazon, come difendersi FASTWEB S.p.A.

Dai libri scolastici usati agli abiti, passando per utensili fai da te, smartphone, computer e anche cibo, Amazon è da tempo leader mondiale nel settore dell'ecommerce e non solo. Come dimostrano i dati economici più aggiornati, la società di Jeff Bezos gode di ottima salute e punta ad espandersi nei settori più disparati (come ad esempio la vendita di automobili). Diversi i segreti dietro un successo così marcato: dalla possibilità di acquistare qualunque cosa alla consegna a domicilio in tempi brevi (vedi Amazon Prime Now).

Da qualche anno a questa parte anche i venditori terzi possono "approfittare" della grande mole di visitatori Amazon per aumentare i loro affari. Grazie al marketplace del gigante dell'ecommerce, infatti, chiunque può aprire un negozio virtuale e iniziare a proporre offerte di ogni genere sui prodotti più svariati. Capita, ad esempio, di trovare gadget hi tech a prezzi più bassi rispetto a quelli proposti da Amazon stessa, oppure di riuscire ad acquistare oggetti e prodotti ormai non più in catalogo.

 

Imballaggi Amazon

 

Bisogna, però, fare attenzione: può accadere di incappare in truffatori che, approfittando dell'anonimato garantito dalla Rete, creano falsi profili su Amazon marketplace con l'obiettivo di trafugare dati personali o rubare soldi. Anche sul portale ecommerce creato da Jeff Bezos, dunque, non bisogna mai abbassare la guardia: per difendersi dalle truffe è necessario prima di tutto tenere gli occhi ben aperti.

Occhio al prezzo

Il primo campanello d'allarme è rappresentato dal prezzo. Può capitare che alcuni venditori Amazon Marketplace riescano a mettere in vendita oggetti a prezzi più bassi rispetto a quelli del portale, ma se l'offerta è sin troppo allettante (uno sconto del 50% sul prezzo di listino, tanto per fare un esempio) c'è qualcosa che non va. Se ci si imbatte in un'offerta particolarmente vantaggiosa, dunque, bisogna procedere con la massima cautela: la truffa potrebbe essere dietro l'angolo.

Occhio al venditore

Se al prezzo ultracompetitivo è anche associato un account venditore sospetto, allora gli indizi che portano diritti verso la truffa diventano due. Diverse le tipologie di profilo che dovrebbero portare l'acquirente a riconsiderare l'offerta Amazon. Ci si può imbattere, ad esempio, in venditori appena iscritti al marketplace e capaci di mettere in vendita oggetti a prezzi bassissimi. In questo caso è consigliabile inviare un messaggio al venditore tramite i canali Amazon (da evitare assolutamente qualunque forma di comunicazione che porti al di fuori della piattaforma del portale di ecommerce) e valutare attentamente il tipo di risposta che si riceve.

 

Homepage di Amazon.com

 

Le truffe Amazon, però, possono essere messe in atto anche da venditori di lungo corso. In questo caso "faranno fede" i feedback e i commenti ricevuti dagli altri acquirenti. Ciò permetterà di valutare l'affidabilità del venditore e valutare se, in passato, ci siano casi di compravendite sospette: oltre alla media delle valutazioni dei vecchi clienti è consigliabile leggere uno a uno i vari feedback ricevuti. Ciò permetterà, inoltre, di conoscere e valutare il settore merceologico in cui il venditore è attivo: se fino a quel momento ha sempre venduto oggetti per la casa (tanto per fare un esempio) difficilmente potrà trasformarsi improvvisamente in un rivenditore di oggetti di elettronica di consumo (computer, smartphone, tablet e altri).

 

Logo Amazon

 

Occhio alle comunicazioni

Un ulteriore segnale di possibili truffe è presente all'interno di eventuali comunicazioni e messaggi scambiati con il venditore. Come già detto, è consigliabile comunicare (e magari trattare) con il venditore marketplace sfruttando il servizio già presente in Amazon: pur non essendo un fattore discriminante tra un truffatore o meno, permetterà di non restare vittima di un furto di email o di identità digitale. Al di là del mezzo utilizzato, il linguaggio è fondamentale per scoprire se si ha di fronte un venditore affidabile o meno e difendersi da truffe Amazon. Come accade nei casi di phishing, infatti, un messaggio sgrammaticato o scritto in un italiano "traballante" potrebbe essere segno di un testo tradotto con Google Traduttore o altri servizi di traduzione online: l'autore, insomma, potrebbe aver inscenato una truffa ben congegnata.

 

Pacchi ricevuti da Amazon

 

Occhio al pagamento

Diffidate dei venditori Amazon marketplace che vi suggeriscono strane modalità di pagamento. Come accade solitamente quando si conclude un acquisto sulla piattaforma di Jeff Bezos, infatti, il pagamento avviene in maniera quasi automatica e non tramite ricariche a carte di credito ricaricabili. Nel caso vi capitasse di ricevere un messaggio di posta che vi invita a completare l'acquisto con queste modalità aprite gli occhi: non necessariamente tutte le email con il logo Amazon sono effettivamente inviate dal gigante dell'ecommerce. Vale la pena, quindi, controllare l'indirizzo del mittente e tutto ciò che è scritto all'interno del messaggio: all'interno potrebbero trovarsi indizi che consentono di stanare il truffatore.

copyright © CULTUR-E
Condividi
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail