The Pills

The Pills, la webserie

Il collettivo Giadinetti impazza sul web con gli sketch The Pills e la serie Late Naight With The Pills
The Pills, la webserie FASTWEB S.p.A.

The Pills, certo. Ma nello specifico è importante sapere che pasticca stai per assumere. Antinfiammatorio? Oppiaceo? Lassativo? Il collettivo romano – Giardinetti, periferia sud est – formato da Luca Vecchi, Luigi Di Capua e Matteo Corradini (accerchiati da un innumerevole quantità di fidi scherani) lo trovate sul bancone delle benzodiazepine, ansiolitico in piccole dosi perfetto per alleviare mattinate bigie. Qualcosa di simile a uno xanax, con gli stessi principi attivi ma meno pretenzioso: un mialin.

Persi in quegli anni tra i 20 e i 30 in cui, almeno in Italia, si è privi di cittadinanza e giurisdizione, alla ricerca non troppo esasperata di nuovi e moderni riti antropologici di passaggio all'età adulta, la trinità dei Giardinetti e il loro fedele seguito apostolico spopolano su internet grazie a una serie di sketch comici scritti, prodotti, recitati, realizzati e distribuiti in totale e libera autarchia. E con un occhio interno e attento a quel popolo di mezzo che Saviano proprio no, ma magari Wittgenstein è un po' troppo.

E quindi l'amore ai tempi di Facebook, le donne che sovrastano i nuovi ometti radical micio, l'esiziale piaga delle hogan, il (non) lavoro, i cinesi, il virus del qualunquismo dozzinale di Fabio Volo. The Pills è una ricognizione buffa, cinica e cattiva, ironica e autoironica su una generazione di mediamente drogati professionisti del cazzeggio artistico. Radical e snob, certo, dalle incolte barbe minuziosamente coltivate che fanno il paio con una maniacale cura della trasandatezza ma con uno spirito coatto e borgataro che rende morbide anziché odiose le loro cattiverie.

E poi cinema, tanto cinema. I temibili anni 80, Matrix, Point Break, Tarantino, Moretti, le mandrakate, Amici miei, Romanzo criminale e Cristina D'Avena. Citazionismo pop impastato a un'originalità fresca e talentuosa. Friends girato in un bianco e nero degno di Jarmusch, scritto dalla versione inacidita, hipster e intelligente dei fratelli Vanzina.

Il futuro arride ai The Pills. E non è un rictus dovuto alle proprietà ipnotiche e miorilassanti della benzodiazepina. La seconda stagione della loro collezione di sketch su Youtube è in lavorazione, grazie a fondi Fandango e Ascent. Nel frattempo, per sopportare l'attesa, c'è tutta una serie di Late Night With The Pills da recuperare. Lo show, prodotto per Deejay Tv, è un ibrido fra scenette e interviste a personaggi che valgono (Pietro Stannis Sermonti, Diego Zoro Bianchi, Piotta, Nicolai Lilin, Faso, Zero Calcare, Franco Trentalance) durante una sfida a Monopoli, e fa intuire, con mezzi, libertà e tempi giusti, come i tre moschettieri di Roma sud possano crescere e migliorare ancora. 

29 maggio 2013

source:chili
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail