Tecnologia, i top e i flop del 2015

Tecnologia, i top e i flop del 2015

Tra i migliori ritrovati si rintracciano la realtà virtuale, Periscope e le auto senza pilota. Anno nero invece per Twitter, la sicurezza su Internet e Bitcoin
Tecnologia, i top e i flop del 2015 FASTWEB S.p.A.

La fine dell'anno corrisponde solitamente anche alla necessità di tirare bilanci ed eventualmente aggiustare quello che è andato storto. L'agenzia di stampa Ansa ha così stilato il suo personale elenco dei top e flop tecnologici che hanno animato il 2015.

Tra i migliori ritrovati che la scienza ha presentato al mondo si rintraccia senza ombra di dubbio la realtà virtuale. Da Samsung a Google, sono state diverse le aziende che hanno puntato sulla progettazione di visori che permettono di sperimentare un arricchimento della percezione sensoriale. Tra i più chiacchierati anche Hololens di Microsoft. Il visore non è ancora sul mercato ma consente di interagire, nel tempo libero e sul lavoro, con gli ologrammi. Seconda posizione per Periscope, l'app, di proprietà di Twitter che consente la messa in onda in streaming ai suoi utenti. Ansa pone poi in terza posizione le auto senza pilota. Tra le principali aziende hi-tech che stanno sviluppando questa tecnologia si rintraccia Google, Samsung, Baidu, e, ultimamente, anche Apple. Fuori dal podio, invece, i set-top-box (dispositivi tipo decoder da collegare alla tv per vedere contenuti in streaming), Chromcast Audio di Google e i droni, tutte tecnologie considerate comunque al top.

Ed ecco arrivare alle note dolenti del 2015. Secondo Ansa al primo posto tra le aziende che sperano di rilanciarsi a partire dal nuovo anno ci sarebbe Twitter a causa dei suoi bilanci non del tutto esaltanti e della mancata crescita delle utenze. Medaglia d'argento, invece, alla poca sicurezza che il web ha saputo garantire ai suoi utenti. Dall'attacco hacker all'Apple Store a quello al sito di appuntamenti Ashley Madison è stato l'anno delle grandi violazioni di dati. Terza posizione invece per Bitcoin. La moneta virtuale, secondo gli esperti, non si è rivelata la rivoluzione nei pagamenti che in molti si auspicavano. Tra gli aspetti negativi del 2015 anche la caduta verticale della vendita dei pc (-10,3% rispetto al 2014). Anche il film su Steve Jobs si è rivelato un flop al botteghino Usa. Dopo sole cinque settimane di programmazione, il lungometraggio di papà Apple, è stato eliminato da oltre 2 mila sale con un incasso, secondo i dati di Box Office Mojo, di appena 16,7 milioni di dollari.

21 dicembre 2015

La Redazione
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail