Fastweb

Storia di Internet Explorer

Microsoft sta realizzando una Xbox dedicata solo allo streaming Videogames #microsoft #streaming Microsoft sta realizzando una Xbox dedicata solo allo streaming La prossima Xbox arriverà in due differenti versioni: una tradizionale, l'altra sarà di minore potenza e gestirà i giochi in streaming direttamente dal cloud
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Storia di Internet Explorer FASTWEB S.p.A.
Due finestre di Internet Explorer
Web & Digital
Per lungo tempo è stato il browser prediletto di milioni e milioni di utenti. Ma da un anno ha ceduto lo scettro a Google Chrome a causa di alcuni passi falsi. Ecco la storia di Microsoft Internet Explorer

 

Per molti – la quasi totalità – è stata la prima porta di accesso al fatato mondo di Internet. D'altronde, per i neofiti era la strada più comoda da percorrere: Internet Explorer era e resta parte integrante del pacchetto di software messi a disposizione di default da Microsoft Windows e scelta quasi obbligata per la prima connessione alla Rete. Una prima connessione che, da sempre, ha dato inizio a un lungo e travagliato rapporto tra l'internauta e il browser di casa Microsoft, fatta di alti e bassi, di apprezzamenti e di maledizioni.

 

Il primissimo logo di Internet Explorer

 

La storia di Internet Explorer resta, comunque, uno dei casi di maggior successo nel mondo dell'informatica, a partire dai numeri. Sugli scudi per quasi 20 anni (la prima release ufficiale risale al 1995), Internet Explorerè stato per molto tempo il browser più utilizzato dagli utenti.. Un successo dovuto non solo alla fortuna, al caso o all'obbligo di utilizzo, ma anche ad alcune caratteristiche che per lungo tempo hanno reso Internet Explorer il prodotto più innovativo del settore e la scelta migliore nel campo dei browser. Ma con l'arrivo di Windows 10 e di Edge, la storia di Internet Explorer è ai titoli di coda.

Dagli albori al 1997

 

Interfaccia grafica di Internet Explorer 1.0

 

La storia del browser targato Bill Gates inizia nell'agosto 1995, quando la casa di Redmond incluse nelle versioni OEM di Windows 95 la release 1.0 del programma. Internet Explorer nasceva da una costola del browser Mosaic della NCSA (National Center for Supercomputer Application, Centro nazionale delle applicazioni per supercomputer). La seconda release venne rilasciata nel novembre dello stesso anno per Windows 95 e Windwos NT, mentre la versione per sistemi Macintosh e per Windows 3.1 venne lanciata sul mercato nell'aprile dell'anno successivo. Internet Explorer 2.0 presentava il supporto al protocollo di sicurezza SSL, per i cookie e newsgroup. La terza release, ultima della prima fase di vita del browser di Microsoft, è datata agosto 1996 e tra le caratteristiche più innovative presentava un client di posta elettronica (Microsoft Mail), il supporto di una versione di Java sviluppata nei laboratori di Redmond (JScript) e dei file CSS, i fogli di stile che permettono la formattazione delle pagine web.

La guerra dei browser (1997-2001)

La versione 4.0 di IE venne rilasciata nel settembre 1997 e non presentava miglioramenti significativi rispetto alla precedente. Nel browser era stato integrato il Dynamic HTML (DHTML), mentre il client di posta elettronica predefinito (Microsoft Mail) era stato sostituito con Outlook 4.0. La quinta versione del browser venne rilasciata nel marzo 1999, mentre Internet Explorer 6 arrivò solo nel 2001. Furono, tuttavia, le aule dei tribunali americani a segnare profondamente questo passaggio storico per la casa di Redmond, con conseguenze sullo sviluppo sia del sistema operativo sia del browser targato Microsoft. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, affiancato da 20 Stati, accusò l'azienda di Bill Gates di comportamento anti-concorrenziale, poiché avrebbe obbligato i produttori di computer a distribuire i PC Windows con Internet Explorer installato di default. Comportamento giustificato, secondo i legali Microsoft, dal fatto che il browser era necessario al funzionamento del sistema operativo.

 

Internet Explorer 6

 

Si scatenò una vera e propria guerra (legale) dei browser, con il Dipartimento di Giustizia statunitense che tentava di difendere il "diritto alla vita" di Netscape e di altri browser minori. La linea di difesa di Microsoft venne smontata da un informatico australiano, tale Shane Brooks, che dimostrò come Windows 98 potesse funzionare tranquillamente anche senza i file di Internet Explorer. Di fronte a queste prove schiaccianti, la casa di Redmond fu costretta a scendere a patti con l'amministrazione federale e con quelle statali per non incorrere in multe salatissime.

Effetto collaterale di questa battaglia fu il lunghissimo iato temporale nello sviluppo del browser, ossia i cinque anni di "buio" che passano tra la sesta e la settima release del browser. A parte qualche aggiornamento di sicurezza, Internet Explorer 6 rimase il browser Microsoft più avanzato sino al 2006, quando venne annunciata la versione beta di Internet Explorer 7.

L'era moderna

IE 7 venne rilasciato nel novembre 2006, stesso mese di uscita di Firefox 2. Inizialmente, il browser venne distribuito in accoppiata con Windows Vista e disponibile in download separato per Windows XP e Windows Server 2003. Internet Explorer 7 rappresentò una sorta di rivoluzione nel processo di sviluppo dei programmi in casa Microsoft: il browser divenne un programma a se stante e non incluso nello "scrigno" del sistema operativo. Venne completamente riprogettato, a partire dal motore di rendering e dal framework di sicurezza. Nel marzo 2009 questa versione venne sostituita da Internet Explorer 8, la cui caratteristica principale coincide con l'assicurare una maggiore compatibilità del browser con protocolli e linguaggi web vari (RSS, CSS, Ajax), oltre ad essere il primo della famiglia a passare l'Acid2 test.

 

Da sinistra, i loghi di Chrome, Firefox e Internet Explorer

 

La concorrenza sul mercato dei browser, però, si è fatta nel frattempo sempre più pressante e l'ingresso sul mercato di Chrome non ha di certo facilitato la situazione. Anzi. Per stare al passo con i browser concorrenti (Chrome e Firefox), nel settembre 2010 la casa di Redmond ha rilasciato la 9 major release di Internet Explorer. Ma è servito a poco. Il sorpasso del browser Google ai danni di quello Microsoft è datato maggio 2012

Con il lancio del sistema operativo Windows 8 è stata rilasciata anche la versione 10 di Internet Explorer ma, nonostante i netti miglioramenti fatti registrare sia a livello di usabilità che di sicurezza, il browser di casa Microsoft sembra destinato a rimanere una seconda scelta.

Internet Explorer 11, l'inizio della fine

Con l'arrivo di Windows 8.1 viene lanciato anche Internet Explorer 11. Microsoft continua sul solco tracciato con la precedente versione e migliora tutte le funzionalità presenti sul browser. Anche le prestazioni sono migliori grazie al fatto che la maggior parte dei processi sono gestiti direttamente dall'hardware. L'apertura delle pagine è più veloce grazie al pre-rendering e al pre-fetching di HTML 5. Per quanto riguarda la sicurezza vengono aggiunte tre funzionalità: il "Do Not Tracking", l'attivazione predefinita dell'Enhanced Protected Mode nella versione desktop e il supporto per le Web Cryptography API.

Nonostante i progressi fatti dal browser, Internet Explorer continua a perdere utenti a discapito di Chrome e Firefox. Per questo motivo l'azienda di Redmond decide di abbandonare Internet Explorer per sviluppare un nuovo browser: Edge. Su Windows 10 fa il suo debutto il nuovo browser e Internet Explorer resta come seconda disponibile solamente come seconda opportunità, ma non compare nella lista dei programmi presenti sul computer. Per il browser che ha segnato la storia di Internet, si tratta della fine.

21 gennaio 2018

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #internet #internet explorer #windows #microsoft

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.