Fastweb

Sesso online, cresce vertiginosamente il mondo delle cam girl

tastiera Web & Digital #porno #virus I rischi che corre chi visita siti porno I siti web che contengono contenuti per adulti sono pericolosi per la sicurezza dei dati personali dell'utente. Ecco quali sono i rischi maggiori
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Sesso online, cresce vertiginosamente il mondo delle cam girl FASTWEB S.p.A.
Donne online
Web & Digital
Solitamente giovani, attraggono una clientela altrettanto giovane e colta. Spesso e volentieri, però, si corre il rischio di finire vittima di truffe e minacce

Sempre più virtuale e sempre più interattivo. Il porno online in Italia è in preda a una vera e propria “rivoluzione culturale”: gli utenti, infatti, sembrano non accontentarsi più di video e filmati di vario genere, ma sono alla ricerca di un'esperienza più “immersiva” e coinvolgente. Meno passiva e, come detto, più interattiva. Un'impellenza che ha fatto nascere e crescere – in maniera esponenziale – il fenomeno delle cam girl: donne di età inferiore ai 40 anni che si denudano e simulano atti sessuali e di autoerotismo di fronte a una webcam in cambio di un pagamento in denaro.

Erotismo digitale

Nonostante la crisi economica degli ultimi anni, il settore del porno e del sesso virtuale a pagamento è uno dei pochi a non aver conosciuto cali. Come si legge in un rapporto stilato e diffuso da Codacons, l'associazione a difesa dei consumatori “” i numeri relativi al mondo del porno sono in netta crescita: se nel 2007 si calcolavano quasi 70mila prostitute attive, per 2,5 milioni di clienti e un fatturato stimato di 2,86 miliardi di euro, nel 2014 le operatrici sono diventate 90 mila, 3 milioni i clienti e 3,6 i miliardi di fatturato annuo. Traducendo tutto in percentuali si ha che, negli ultimi sette anni, il fatturato del settore è cresciuto di oltre il 25% , è aumentato di quasi il 30% il numero dei soggetti che si prostituiscono e del 20% quello dei clienti.

 

Camgirl

 

Tra gli effetti “collaterali” della crisi, però, troviamo anche la crescita esponenziale di chi si prostituisce via web. Negli ultimi sette anni il numero di cam girl è aumentato del 100%, arrivando a toccare quota 18.000 (il 20% circa del numero di “operatrici” del settore). Il motivo di questo incremento, si legge sempre nel rapporto Codacons, è addebitabile alla longa manu della crisi. “Con la sua scia di imprese chiuse, posti di lavoro persi, crescenti difficoltà nell’arrivare a fine mese e far fronte al pagamento di mutui, rate, debiti, bollette, eccetera, ha accresciuto il mercato della prostituzione, incrementando il numero di operatrici che, stabilmente o occasionalmente, hanno deciso di vendere il proprio corpo per necessità”.

Clientela abituale

Così come accade nel mondo della prostituzione, anche le cam girl hanno una clientela abituale, ben identificabile grazie a parametri socio-demografici. I clienti delle ragazze in webcam sono solitamente giovani o molto giovani (in media hanno tra i 25 e i 35 anni), single e senza figili, con un livello di istruzione medio-alto. Un profilo molto differente rispetto a quello dei clienti abituali delle prostitute di “strada”: questi ultimi, infatti, hanno solitamente tra i 35 e i 50 anni, con moglie e figli a carico e un livello di istruzione medio-basso.

 

Camgirl

 

Codacons ha anche provato a calcolare la spesa media mensile affrontata dai clienti italiani per ricevere prestazioni virtuali a pagamento. Per un rapporto con una prostituta “reale” (quindi non con una cam girl) si è disposti a spendere mediamente 100 euro al mese, mentre i costi salgono esponenzialmente nel caso in cui il cliente decida di intrattenersi con una escort che ricopre anche il ruolo di accompagnatrice (anche 500 euro per poche ore di “compagnia”). Decisamente più economico il sesso “di strada”: in questo caso la clientela arriva a spendere sino a 30 euro al mese. Il tariffario delle cam girl, invece, resta tutt'oggi avvolto da un alone di mistero e determinato, in gran parte, dal tipo di servizio utilizzato (i vari Cam4, LiveJasmine e altri possono avere listini prezzi differenti l'uno dall'altro).

Truffa dietro l'angolo

 

Cam girl

 

La natura indiretta e distaccata del rapporto sessuale con una cam girl, apparentemente più sicuro e protetto, può nascondere diverse insidie. Può capitare piuttosto facilmente che il cliente incappi in una truffa o in un tentativo di estorsione da parte della stessa ragazza o da qualche personaggio che gestisce il sito. Il rapporto sessuale virtuale, infatti, implica che il cliente si connetta con la propria webcam e si mostri alla cam girl: c’è il rischio che il cliente sia filmato e ricattato con il video.

Alla larga, dunque, da servizi che richiedono le credenziali Facebook o Skype dell'utente per effettuare il login: questi dati potrebbero essere utilizzati in un secondo momento per ricattare l'utente o diffondere le immagini nel caso in cui si rifiuti di pagare.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #porno #webcam

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.